FOGNINI PERDE MATCH E STAFFE, DITO MEDIO AL PUBBLICO CINESE. OK MURRAY

Sconcertante eliminazione al primo turno del China Open per Fabio Fognini. Il ligure perde con la wild card cinese numero 553 del ranking, mostrando poi il peggio di se col dito medio rivolto al pubblico cinese. Ok Murray e Janowicz, eliminato Kevin Anderson

Giornata importante questa a Shanghai dove si completava il quadro dei primi turni sul cemento cinese, penultimo ‘mille’ della stagione nonchè torneo utilissimo (e non solo) per chi viaggia ancora tra l’ottava e la dodicesima posizione nel ranking Atp.

Nella mattinata italiana dunque cominciavano i match che vedevano, pronti via, protagonisti alcuni giocatori cui è sempre un piacere poter dare occhio. Uno di questi è senza ombra di dubbio Ernests Gulbis, poco ispirato, esce in appena un’ora con Youznhy. Il talento lettone evidentemente poco interessato a questo torneo ha mostrato tutto il peggio di se, svogliato e praticamente mai ‘cattivo’ in campo lascia fare un figurone al comunque buon russo che sfrutterà sicuramente questa vittoria per rilanciarsi in posizioni decisamente più consone al suo valore tecnico. Feliciano Lopez sarà il primo avversario di Nadal. L’iberico ha faticato a imporsi, in rimonta, sul promettente Kokkinakis. Lottatissimo il tie break del primo parziale vinto dall’australiano 14-12 dopo aver annullato ben 7 set point all’avversario. Vittoria in tre set anche per Simon con Garcia Lopez che, avanti di un set, raccoglie un solo game negli altri due. Un altro francese Benneteau, supera in tre Zhang e accede al secondo turno dove affronterà il bulgaro Dimitrov.

E poi c’è Fognini. Chiariamo subito, gettar fango sul nostro miglior giocatore non è, e non sarà mai nostro interesse però vanno fatte giuste disamine e considerazioni per quello che si vede in campo, ultimamente davvero poca cosa. Ad attenderlo oggi c’era Chuhan Wang, cinese si, gasato nel giocare in casa si, ma pur sempre una wild card addirittura numero 553 del ranking. Fabio contiene e non propone nel primo set. La tattica troppo attendista consente a Wang di rimanere agevolmente in scia. Le due palle break annullate dal cinese sul 5-5 rappresentano l’unico pericolo prima del tie break nel quale è lo stesso Wang a condurre fino al 7-5. Chi si aspettava l’immediata reazione di Fabio rimane deluso quando, dopo i tre break consecutivi in avvio, è il cinese a portarsi avanti 2-1 e servizio nel secondo parziale. Fognini comincia a innervosirsi, si muove pochissimo e resta in partita grazie a un buon rendimento della prima. Wang fa il suo e si ritrova a un passo dalla vittoria sul 5-4. Mai in carriera il cinese si è trovato in una situazione simile. Il coraggio però non gli manca e il match si chiude con un bel rovescio lungolinea. Per Fognini la peggior sconfitta in carriera. Wang, invece, affronterà Jaziri. Questo è ciò che concerne l’aspetto prettamente tecnico visto in campo. Poi c’è il Fognini bis, quello che a fine match, uscendo dal campo mostra a tutto il pubblico cinese un eloquente dito medio scatenando il solito tam-tam mediatico sulla fama da ‘bad boy’ (ai limiti della scostumatezza) del ligure. Evidentemente non pago dello show messo in scena contro Monfils al Roland Garros (si parliamo di quel dito medio ancora rivolto al pubblico) Fabio è ricaduto nei soliti vecchi difetti. Insomma una sconfitta sia dentro (quella che brucia peraltro di più) che fuori dal campo.

Chi in barba alla carta d’identità continua a non fermarsi è Ivo Karlovic. Nel derby tra vecchietti, il croato ha sconfitto Lu in due set. Il prossimo avversario uscirà dal confronto, in programma domani, tra Gasquet e Berdych. Fatica Jerzy Janowicz ma batte Roger Vasselin. Il polacco la spunta 8-6 nel tie break del terzo set dopo aver sprecato tre match point di cui due in vantaggio 6-4. Esordio con vittoria per Andy Murray che fatica solo nel secondo set con Gabashvili, eliminato 6-1; 7-5, punteggio quest’ultimo arrivato in rimonta con il russo in vantaggio 5-4 e servizio. Domani, lo scozzese, ritrova Janowicz a una settimana di distanza dal confronto vinto a Pechino. Kukushkin elimina Kevin Anderson due set a zero, sconfitta questa per il gigante sudafricano che non risulta particolarmente sorprendente. Già nel match giocato ieri infatti si erano denotate della falle nel gioco abbastanza evidenti.


Nessun Commento per “FOGNINI PERDE MATCH E STAFFE, DITO MEDIO AL PUBBLICO CINESE. OK MURRAY”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.