GDF SUEZ: VOLA ANGELIQUE

A Parigi Angelique Kerber conquista il suo primo titolo della carriera stoppando l'ennesima rimonta di Marion Bartolì, che alla fine si arrende 7-6 5-7 6-3. A Pattaya successo finale di Daniela Hantuchova su Maria Kirilenko 6-7 6-3 6-3
domenica, 12 Febbraio 2012

Parigi ( Francia) – Al secondo tentativo arriva il primo successo WTA di Angelique Kerber, 24 enne n.27 del mondo.  Sul rapido indoor di Parigi, la tedesca corona al meglio la sua miglior settimana della carriera aggiudicandosi la 20° edizione del GDF Suez. A cadere nell’ultima sfida, la quasi “immortale” Marion Bartoli, che dopo 3 giorni di rimonte pazzesche alza bandiera bianca. Sospinta dal pubblico locale, la transalpina recupera magistralmente dal 7-6 5-2, trascinando la gara al 3° set. La Kerber non si scompone, torna avanti e va a conquistare il suo primo alloro per 7-6 5-7 6-3 dopo 2 ore e 40 minuti. In mattinata conquista sul cemento thailandese di Pattaya il suo 5° titolo della carriera, superando in rimonta la russa Maria Kirilenko con il punteggio di 6-7 6-3 6-3.

Tira e molla alla francese. Sfida dai contorni inverosimili quella che si consuma sul centrale del torneo pariginino tra Angelique Kerber e Marion Bartoli, che incrociano la racchetta per la 5° volta in carriera. Il match vive di un primo set equilibrato anche se i game ai vantaggi latitano. Chi prende in pugno il game poi lo porta a casa, senza tanta resistenza altrui. Il primo break del match lo mette a segno la Kerber al 5° gioco ma dura poco. Sul 3-3 la tedesca dimostra il suo miglior feeling in risposta e torna avanti 4-3 e servizio, finendo per  consolidare il suo vantaggio sul 5-3. La rimonta di Mairon arriva puntuale con tanto di sorpasso sul 6-5, con la Kerber costretta a rifugiarsi nel tiè-break. Dopo aver tirato il fiato la tedesca torna a spingere con il suo dritto mancino, staccandosi sul 3-1 e conquistando il primo set per 7 punti a3.

Rimonta a metà. L’inerzia del primo set  lancia la Kerber anche nel successivo parziale, staccandosi rapidamente sul 3-0. Veloce sulle gambe e più esplosiva, la tedesca vola in campo, e dopo aver fallito due palle del doppio break sul 4-0, arriva comunque  ad un passo dal successo girando campo sul 5-2. Fallita la prima rimonta, Marion parte all’attacco della seconda, stavolta riuscendoci. In un amen il match cambia padrone, con la francese che diviene inarrestabile.  In meno di 10 minuti la Bartoli scarica colpi a tutto campo, andando a nozze sulla seconda di servizio della tedesca. Un pazzesco parziale di 20 punti a 2  regalano alla n.7 del mondo 5 game in serie e il conseguente secondo set per 7-5. Una mazzata che stenderebbe chiunque, non la fredda Kerber, che come se niente fosse riparte nel 3° set ancora più convinta. La Bartoli sembra divertirsi solo quando va in svantaggio, e la tedesca prova a dargliene nuovamente la possibilità. La Kerber torna ad alzare il ritmo trovando campo e soluzioni vincenti, e senza dare opportunità alla francese tocca il punto pià alto sul 4-0. Dopo quasi 2 ore e mezza con parecchia  fatica nelle gambe, la Bartolì prova un ultimo assalto. Nel 5° gioco due doppi falli della Kerber  innescano un immediato controbreak sul 1-4, che la francese tenta di valorizzare avvicinandosi fino al 2-4. Al grido di Marion Marion, la Bartolì trova la palla break del possibile 3-4, prima di sprecare tutto con 3 errori di fila che di fatto la condannano. Sul 5-2 la francese  porta a casa un game fiume raschiando le ultime risorse di energia e annullando 4 palle match. La Kerber  non fa drammi  e dimostrando grande temperamento e voglia di vincere, infila il break a 0 che le regala il 1° trionfo in carriera  dopo 2 ore e 40 minuti.

Pattaya è di Daniela. Altra finale e altra battaglia nella mattinata italiana sul cemento tailandese di Pattaya City, sede del secondo evento della settimana da 220 mila dollari di montepremi. Una finale per gli esteti  tra la slovacca Daniela Hantuchova e la russa Maria Kirilenko. I precedenti avvalorano le chance della slovacca n.20 del mondo, che si concretizzano dopo una strenua rimonta durata oltre 3 ore.  Un break per parte caratterizza un primo set durissimo in cui la slovacca vanifica ben 7 palle break. La Kirilenko regge l’urto, riuscendo ad impossessarsi del tiè-break finale per 7 punti a 4. Il match cambia radicalmente dal secondo set in poi, con la russa che subisce il netto calo al servizio. L’Hantuchova sale di ritmo e di colpi,  dando continuità al suo gioco e finendo per prevalere con un doppio 6-3.


Nessun Commento per “GDF SUEZ: VOLA ANGELIQUE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ANGELIQUE RAGGIUNGE MARION Angelique Kerber supera 6-7 6-3 6-4 la Wickmayer e raggiunge Marion Bartolì nella finale del WTA di Parigi. A Pattaya finale tra Kirilenko e Hantuchova
  • VINCI AI QUARTI Secondo successo di fila per Roberta Vinci al GDf Suez di Parigi. L'azzurra vola ai quarti di finale superando 6-3 1-6 6-3 la statunitense Bethanie Mattek-Sands
  • ROBERTA PARTE BENE Buon esordio di Roberta Vinci nel WTA di Parigi. L'azzurra supera con un doppio 6-4 la romena Simona Halep e si qualifica per il 2° turno.
  • KERBER IN FIDUCIA "Domani sarà un altro match, un altro incontro molto duro. E’ chiaro che lei in qualche modo parte favorita, perché avrà dalla sua il pubblico, e visto come si è battuta negli ultimi […]
  • CAROLINE E LE ALTRE Giornata positiva per le big impegnate nel primo turno del Roland Garros. Wozniacki e Zvonareva, superano senza grossi patemi Date e Dominguez Lino, mentre vince in 3 la Bartoli. Subito out la Rezai.
  • SARA LA COMBATTENTE Sara Errani nei quarti a Pattaya rimontando un 2-6 3-5 alla giapponese Morita. Avanza anche Vera Zvonareva. A Parigi Jelena Dokic supera la Petrova

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.