IL SOGNO CONTINUA

Andreas Haider-Maurer supera anche Michael Berrer e domani, nella prima finale ATP della carriera, sfiderà Jurgen Melzer. In Francia finale Monfils-Ljubicic, in Russia Youzhny-Kukushkin
sabato, 30 Ottobre 2010

Vienna (Austria). Niente da fare. Andreas Haider-Maurer non ne vuole proprio sapere di abbandonare il torneo di Vienna, e ha deciso di goderselo fino in fondo. Nel pomeriggio ha messo k.o., al termine di una dura battaglia, anche il tedesco Michael Berrer, e domani se la vedrà nell’atto finale della manifestazione austriaca contro il primo favorito del seeding Jurgen Melzer. Goduria pura quindi per i tifosi austriaci, che potranno assistere a una finale “in casa” fra numero uno e numero quattro del ranking nazionale. La loro speranza sarà chiaramente quella di veder trionfare il numero 12 del mondo, in quanto un suo successo alimenterebbe la speranza di un posto fra i “magnifici otto”, e permetterebbe comunque al rivale di migliorare di parecchie posizioni il proprio best ranking, avvicinando i primi 100 giocatori della classifica.

Nessun precedente fra i due. Haider-Maurer ha dato oggi l’ennesima dimostrazione di forza, imponendosi con il punteggio di 7-6 6-7 6-3 dopo 2 ore e 30 minuti. La sfida ha seguito quasi sempre l’ordine dei servizi, con i due che si sono scambiati solo un break nella seconda frazione, spartendosi le prime due partite. Nella terza Berrer è leggermente calato al servizio, raccogliendo poco con la seconda, e Andreas ne ha approfittato, piazzando un pesantissimo break che gli ha regalato la prima finale in carriera nel circuito maggiore. Domani se la vedrà con l’amico Melzer, il quale ha faticato poco per vincere la resistenza di Nicolas Almagro (3). Dopo un primo set perfetto (con un solo punto perso in cinque turni di battuta) chiuso grazie ad un break  nel nono gioco, l’idolo di casa si è trovato in svantaggio per 4-1, ma da quel momento ha cambiato marcia, piazzando un parziale di 5 giochi consecutivi che gli ha consegnato il successo, permettendogli di vendicare la netta sconfitta subita sulla terra del Master 1000 di Madrid. Domani Jurgen potrebbe arricchire il suo favoloso 2010 con il primo titolo ATP stagionale, bissando il successo della passata stagione (superò Cilic in finale) e guadagnando punti preziosi per la corsa alla Mastercup di Londra. L’austriaco, unico tennista in grado quest’anno di entrare fra i primi quindici del mondo sia in singolare che in doppio (arrivando alle posizioni 12 e 6), è già qualificato per il torneo londinese di doppio, e se riuscisse ad ottenere risultati di rilievo anche nelle prossime due settimane (Basilea e Bercy) potrebbe riuscire in un’ importantissima accoppiata.

Youzhny salva 4 match-points a Tursunov. Nel torneo di San Pietroburgo invece, l’atto finale vedrà opposti il “padrone di casa” Mikhail Youzhny e il russo (naturalizzato kazako) Mikhail Kukushkin, alla sua “prima” nel circuito ATP. Completamente diverse le due semifinali, con la seconda che è durata quasi il doppio della precedente. Se Kukushkin ha infatti vinto agevolmente contro l’ucraino Illya Marchenko, 6-3 6-4 il punteggio, Youzhny ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per avere la meglio su un ritrovato Dmitry Tursonov (wild card), arresosi solo al tie-break del terzo set dopo 3 ore e 5 minuti di gioco. “Dima”, tornato finalmente competitivo dopo una stagione opaca – caratterizzata da un problema alla caviglia che l’ha tenuto fuori sino al Roland Garros – è stato in vantaggio per 4-2 nel set decisivo, e si è poi portato 6-3 nel tie-break finale. Ha però fallito tutte tre le occasioni e poi anche una quarta sul 7-6, subendo il ritorno del rivale, bravo nel chiudere per 10 punti a 8. I due sfidanti si sono già affrontati nel 2009 sul cemento di Mosca, e in quell’occasione s’impose agevolmente Misha, il quale alzò poi al cielo il trofeo nel giorno successivo. Buone notizie per i colori azzurri giungono dal torneo di doppio, nel quale Potito Starace e Daniele Bracciali, battendo con un agevole 6-3 6-2 Elgin/Gabashvili, hanno centrato la finale. Domani la sfida con Bopanna-Qureshi, seconda coppia del seeding.

Montpellier: Monfils-Ljubicic per il titolo. Nessun nome “nuovo” invece nella finale di Montpellier, dove si sfideranno per il titolo il francese Gael Monfils e il croato Ivan Ljubicic. Niente da fare quindi per Albert Montanes, giustiziere ieri di Nikolay Davydenko (1) e lanciatissimo verso la prima finale in carriera sul sintetico indoor. L’iberico ha disputato un match onesto contro Ljubicic, il quale è però risultato impeccabile al servizio e, togliendo la battuta ad Albert in una sola occasione, si è imposto con il punteggio di 6-3 7-6. In evidenza come l’allievo di Riccardo Piatti non abbia concesso alcuna palla-break, servendo 18 aces e vincendo il 91% di punti con la prima. Monfils invece ha superato il connazionale Tsonga per 7-6 2-6 6-4, riagguantando le sorti della sfida dopo un pessimo secondo set. Gael, abile nel chiudere la sfida con uno spettacolare passante incrociato di diritto da 2 metri dietro la baseline, avrà domani la possibilità di centrare il primo titolo nel 2010 dopo due finali perse (Stoccarda e Tokio), e di diventare il quarto francese a segno nel corso dell’anno (prima di lui Gasquet, Llodra e Simon).


Nessun Commento per “IL SOGNO CONTINUA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • KUKUSHKIN SE LA RIDE Il kazako s'impone in due set su Mikhail Youzhny e centra, a San Pietroburgo, il primo titolo ATP della carriera. A Vienna a segno Melzer, a Montpellier successo di Monfils
  • HAIDER-MAURER PER SEPPI Il lucky loser austriaco supera Muster e domani sarà l'avversario di Andreas Seppi. In gara domani anche Starace e Fognini, impegnati nel primo turno del torneo di San Pietroburgo
  • CONTRO I PREGIUDIZI Lo spagnolo Albert Montanes supera Nikolay Davydenko nei quarti di finale del "250" di Montpellier, mettendo a tacere, una volta di più, chi lo ha sempre definito un modesto terraiolo
  • VOLANDRI ILLUDE, SEPPI VA Iniziano tre tornei ATP 250. A Vienna Seppi supera facilmente Martin Fischer, mentre Volandri subisce la rimonta di Gabashvili in Russia. Vince in casa Gasquet
  • MONFILS-BERDYCH PER IL TITOLO Sarà fra il campione uscente Gael Monfils, e la prima testa di serie Tomas Berdych, la finale della seconda edizione dell’Atp 250 di Montpellier. A Zagabria opposti all’ultimo atto Youzhny […]
  • BERDYCH E YOUZHNY SORRIDONO A Montpellier seeding rispettato e successo del ceco, a segno con il punteggio di 6-2 4-6 6-3 sul campione uscente Gael Monfils. A Zagabria tutto facile per il russo, vittorioso per 6-2 […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.