HALEP PER LA STORIA, JANKOVIC PER IL BIS

Finale femminile a Indian Wells in programma alle 19.00 ora italiana. La rumena può diventare la prima giocatrice del suo paese a vincere un torneo Premier Mandatory, mentre la serba, che è “rinata” in California, sogna di bissare il titolo vinto nel 2010
domenica, 22 Marzo 2015

TENNIS – Indian Wells (Stati Uniti). Il primo torneo Premier Mandatory della stagione volge al termine con la finale tra la numero tre del mondo Simona Halep e la ex numero uno Jelena Jankovic. Se la rumena era sicuramente una tra le papabili finaliste della vigilia, pur avendo dalla sua parte di tabellone Serena Williams, sicuramente in pochi si attendevano di trovare la serba all’ultimo atto del Bnp Paribas Open di Indian Wells. Il buco di tabellone creato da Flavia Pennetta, che ha eliminato Maria Sharapova, ha permesso alla Jankovic di inserirsi e conquistare con merito e tenacia l’inattesa chance di bissare il titolo conquistato nel 2010, in finale contro Caroline Wozniacki.

La cavalcata californiana di Jelena è la classica bella storia che il tennis spesso regala. La serba, a causa di una lunga serie di infortuni è precipitata in classifica, rispetto alla posizione numero 6 che occupava appena lo scorso anno, e dopo aver paventato lontanamente anche l’idea di ritirarsi, ha ritrovato all’improvviso fiducia e consistenza nel proprio tennis proprio a Indian Wells, giungendo in finale, grazie ad una serie di vittorie sudatissime. A parte i quarti di finale, superati grazie al ritiro di Lesia Tsurenko, la Jankovic ha vinto tutte le altre partite al terzo set, rimondando un parziale di svantaggio quattro volte su cinque.  “Non sapevo nemmeno se avrei potuto prender parte al torneo, se sarei stata in grado di correre e muovermi”, ha raccontato la Jankovic, dopo la vittoria in semifinale. “Soltanto tre giorni prima del torneo zoppicavo ancora. È incredibile, quando sono arrivata su questi campi non colpivo una pallina da dieci giorni”.

Anche la Halep era in dubbio prima del torneo, dopo aver ricevuto la notizia della morte del cugino e aver valutato l’opportunità di rinunciare a scendere in campo, per tornare in patria e stare vicino alla famiglia. La rumena si è dovuta sudare la sua seconda finale in un Premier Mandatory della carriera (dopo quella persa a Madrid da Sharapova lo scorso anno) con tre vittorie al terzo set, anche se nessuna in volata. Un’eventuale vittoria a Indian Wells sarebbe il miglior successo della carriera, dopo i due Premier 5, conquistati a Doha nel 2014 e a Dubai poche settimana fa.  Ma un trionfo al Bnp Paribas Open farebbe della Halep anche la prima giocatrice capace di vincere tre titoli in questa stagione, la terza a  raggiungere quota 20 vittorie e, soprattutto, le consentirebbe di prendersi la vetta della classifica Race, che prende in considerazione soltanto i risultati del 2015, superando Serena, dopo che il raggiungimento della finale le ha permesso di scavalcare Sharapova. Inoltre regalerebbe alla Romania il primo titolo Premier Mandatory della storia.

Quello di oggi, sarà il quinto confronto diretto tra Halep e Jankovic. La rumena comanda per 3-1, ma il bilancio sarebbe potuto facilmente essere favorevole alla serba, che ha sprecato tre match point al primo turno del torneo di Bruxelles nel 2012 e due ai quarti di finale degli Internazionali del 2012. Ecco l’elenco completo dei precedenti:

2010 Us Open 1r – Jankovic d. Halep, 6-4, 4-6, 7-5

2012 Brussels 1r – Halep d. Jankovic, 6-2, 3-6, 7-6(3)

2013 Rome QFs – Halep d. Jankovic, 4-6, 6-0, 7-5

2014 Australian Open 4r – Halep d. Jankovic, 6-4, 2-6, 6-0

La partita si presenta equilibrata ed aperta, anche alla luce della tipologia di gioco piuttosto simile delle due giocatrici. Probabilmente, in questo particolare momento, la Halep ha qualcosa in più qualitativamente rispetto ad una Jankovic che manca da parecchio tempo a questo livello. Tuttavia, la rumena spesso ha dimostrato di subire pesantemente il peso del ruolo di favorita nei tornei importanti e poi la serba occupa la posizione numero 21 del ranking, la stessa che aveva Flavia Pennetta lo scorso anno. Chissà che il 21 non sia proprio il numero fortunato sulla ruota di Indian Wells. L’appuntamento è per le 19 ora italiana, su SuperTennis.

Nella foto, esultanze a confronto tra Halep e Jankovic (www.prosport.ro)

 


Nessun Commento per “HALEP PER LA STORIA, JANKOVIC PER IL BIS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • INDIAN WELLS DONNE, IL TABELLONE Sorteggiato il tabellone principale del primo torneo Premier Mandatory della stagione. Torna Serena Williams, che nella parte viene abbinata a Simona Halep. Strada in salita per la […]
  • INDIAN WELLS: SI SALVA SOLO LA VINCI È di una vittoria e due sconfitte il bilancio azzurro al primo turno del Bnp Paribas Open di Indian Wells. Buona rimonta di Roberta Vinci contro la Gajdosova, mentre escono di scena […]
  • US OPEN: MASHA SULLA STRADA DI SERENA PER LA STORIA La russa estratta nella metà della Williams, che potrebbe ritrovare la Bencic ai quarti. Simona Halep, nella parte bassa, può trovare in semifinale Caroline Wozniacki, finalista del 2014, […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL PAGELLONE FEMMINILE Va in archivio il primo slam dell’anno. Trionfa Serena, ma Masha lotta. Ritorna in scena Venus Williams, mentre fa la sua fragorosa comparsa la Keys. Deludono in tante, le italiane non […]
  • AO: SERENA CON CARO E PETRA, MASHA CON HALEP E IVANOVIC Sorteggiato il tabellone femminile. La numero uno del mondo trova la ceca nell'eventuale semifinale, per la Sharapova possibile incrocio con la Halep. È subito derby Pennetta-Giorgi. Buono […]
  • RANKING WTA, RADWANSKA DAVANTI A BOUCHARD Il sorpasso della polacca sulla canadese è l'unico movimento in top ten. A Finals già decise, l'attenzione si sposta in coda: le prime due italiane rimangono stabili, Giorgi e Knapp […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.