HALEP: SPERO DI ESSERE A MELBOURNE

Simona Halep dopo aver inaugurato il 2015 con la vittoria a Shenzhen ha accusato una forte gastroenterite che l'ha messa fuori gioco per Sydney e chissà, forse per gli Australian Open. "Spero di essere ai nastri di partenza a Melbourne".
mercoledì, 14 Gennaio 2015

Non è iniziato nel migliori dei modi il 2015 per Simona Halep. Dopo il forfait della Wozniacki, infortunatasi al polso nella finale di Auckland, il torneo Wta di Sydney perde un’altra protagonista importante. Ha alzato bandiera bianca anche Simona Halep, n.3 al mondo, per una gastroenterite che la mette a rischio anche per gli Australian Open. La rumena ha vinto la settimana scorsa il torneo di Shenzhen ma già in Cina accusava dei malori: “Spero di riuscire a recuperare per Melbourne ma con lo stomaco non puoi mai essere sicura”.

Delusione, e tanta, anche dalle parole di Alistair MacDonald, direttore del torneo: “Siamo davvero dispiaciuti per questa defezione, siamo convinti di ritrovare Simona il prossimo anno in uno stato di forma decisamente migliore di quello in cui versa attualmente”.

La Halep avrebbe dovuto giocare contro Karolina Pliskova nella giornata di ieri, ma ha ritenuto opportuno incontrare la stampa al mattino proprio per comunicare la sua assenza. È stata sostituita in tabellone dalla lucky loser americana Nicole Gibbs.

“Durante il torneo in Cina ho avuto questo problema allo stomaco”, ha detto Simona Halep, che, dopo aver vinto il titolo a Shenzhen tre giorni fa, accusava già dei dolori poco prima di scendere in campo per l’atto finale cinese. “Non ho giocato per tre giorni. Ero in attesa fino ad oggi per vedere come avesse risposto il mio corpo, ero pronta a giocare di nuovo, ma non ho avuto le giuste sensazioni ed ho preferito desistere. E ‘difficile giocare un torneo come questo senza la necessaria forza quindi, purtroppo, ho deciso di ritirarmi.”

Dopo questo forfait s’era insinuato negli addetti ai lavori il dubbio che la giocatrice rumena non potesse essere ai nastri di partenza dei prossimi Australian Open. E’ la stessa a chiarire anche questa cosa:

“Spero di essere a Melbourne e lo dico convinta del fatto che possa farcela. Purtroppo quando hai questo tipo di stop i tempi di recupero possono essere brevi come lunghi. Sono fiduciosa ad ogni modo.”

L’anno scorso la Halep è stata protagonista assoluta di un’annata da incorniciare – il più grande titolo della sua carriera a Doha, prima finale del Grande Slam al Roland Garros, No.2 career-high in tutto il mondo. Ma la sua ascesa è legata anche e soprattutto agli Australian Open, dove ha raggiunto non solo il primo quarto di finale del Grande Slam della sua carriera, ma, in virtù di quella splendida cavalcata, si è insediata per la prima volta tra le dieci migliori giocatrici del mondo, riuscendo ad essere solo la terza donna rumena ad accedere nel gotha del tennis mondiale, prima di lei solo Virginia Ruzici e la ex numero 7 del mondo Irina Spîrlea.

Alla domanda se la stessa fosse chiaramente una delle più grandi accreditate al titolo finale, ha risposto così:

“Sono fiduciosa ora. L’anno scorso ho fatto dei buoni risultati, ma ora è un altro anno e un altro inizio, e ho avuto una buona partenza, vincendo a Shenzhen e ritrovando il giusto feeling con la palla partita dopo partita. Sicuramente ci sarà più pressione su di me ora, ma devo credere che possa riuscire a bissare il 2014 straordinario perchè no riuscendo a fare anche meglio”.

Se la sua presenza verrà confermata o meno lo vedremo nei prossimi giorni, fatto sta che la Halep sarà testa di serie n ° 3 agli Australian Open, dietro Serena Williams e Maria Sharapova.


Nessun Commento per “HALEP: SPERO DI ESSERE A MELBOURNE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.