TRIONFO CINESE PER HSIEH SU WEI

Hsieh Su-Wei fa suo il torneo WTA di Guangzhou conquistando il 2° titolo della carriera. In finale, la giocatrice di Taipei passa sulla britannica Laura Robson per 6-3 5-7 6-4. A Seoul finale tra Caroline Wozniacki e Kaia Kanepi
sabato, 22 Settembre 2012

Guangzhou (Cina) – Anno di grazie per  Hsieh Su-Wei, cittadina di Taipei e vera icona sportiva del suo paese. La 26 enne di Kaohsiung, n.53 fino ad oggi, conquista nello stesso anno i due titoli WTA della sua carriera su altrettante finali. Dopo il successo lo scorso febbraio a Kuala Lumpur, la cinese di Taipei vince quasi in casa, aggiudicandosi il 220 mila $ di Guangzhou, evento sul cemento che di fatto apre la stagione autunnale sul veloce asiatico. Nella finale anticipata al sabato, Su-Wei fa suo il confronto contro la britannica Laura Robson, n.73, alla sua prima finale in carriera,  sconfitta dopo una dura lotta con il punteggio di 6-3 5-7 6-4. In mattinata si sono giocate anche le due semifinali del WTA di Seoul, evento sempre sul veloce ma con un montepremi doppio rispetto a quello cinese.  La n.1 del torneo, la danese Caroline Wozniacki, conferma il suo status e passa con qualche patema di troppo contro la russa Ekaterina Makarova, sconfitta per  6-1 5-7 6-4. A sfidarla adesso per il titolo Kaia Kanepi, n.16 del mondo e n.3 del tabellone coreano. Per l’estone successo 6-4 2-6 6-4 contro Varvara Lepchenko.

Hsieh Su-Wei fa il bis. Seconda sfida diretta e secondo successo per la più esperta Hsieh Su-Wei, che dopo Osaka 2011 mette ancora al tappeto Laura Robson, riuscendosi nell’occasione più importante. La cinese di Taipei mette in mostra un buon gioco e un’ottima solidita difensiva, annientando di fatto la maggior potenza prodotta dalla sua avversaria. Nel primo set la Robson sembra partire bene, ma dopo il break del 2-1 e servizio finisce per spegnersi lasciando troppa iniziativa alla sua avversaria. L’asiatica alza il suo livello di gioco e infila un parziale di 5 giochi a 1 che ribaltano il set, chiuso per 6-3. La situazione si ripete di fatto anche nel secondo, con la Robson subito propositiva e subito avanti 2-0 e servizio. Proprio il colpo d’inizio gioco mette in crisi la britannica, che si lascia nuovamente superare rimettendo in corsa la sua avversaria. Con un break di 4 giochi a 0 la Hsieh Su-Wei vola sul 4-2 e poi sul 5-3, pronta ad allungare le mani sulla partita. La reazione della 18 enne britannica però è veemente, e con coraggio annulla ben 5 match point in un 9° game fiume, impattando poco dopo sul 5-5. La Hsieh Su-Wei accusa il colpo, si disunisce e crolla, permettendo alla Robson di ribatare il set e chiudere 7-5.

Laura ko. Sulla stessa falsariga dei precedenti set è la britannica a partire con il piede giusto, fermandosi poi sul più bello. Ancora un break in avvio manda la Robson sul 2-0, ma tutto ciò risveglia nuovamente il carattere della Hsieh Su-Wei,  che prima impatta sul 3-3 e poi mette la freccia nel 7° gioco, annientando ogni speranza della britannica, che esaurisce ogni energia. L’asiatica gestisce al meglio i suoi turni al servizio, mette pressione e solidità nel suo gioco, spegnendo l’entusiasmo della sua avversaria che resta al palo arrendendosi per 6-3 dop una battaglia di poco meno di 3 ore.

Caroline contro Kaia per il titolo. Quasi in contemporanea vanno in scena a Seoul le semifinali del WTA Koreano, evento più ricco e tecnicamente più valido rispetto a quello cinese. La n.1 del torneo, Caroline Wozniacki, si rifà dalle delusioni dell’ultimo Us Open e conquista la sua 30° finale della carriera, superando la russa Ekaterina Makarova, n.28 dopo, con il punteggio di 6-1 5-7 6-4, fallendo l’occasione di servire per il match nel 2° set. Tra lei e il suo 19° titolo WTA ci sarà in finale Kaia Kanepi, n.16 del mondo e reduce da una semifinale altrettanto combattuta contro l’ameicana Varvara Lepchenko, n.21, vinta con il punteggio di 6-4 2-6 6-4. Per l’estone si tratta della 6° finale della carriera con al momento un bilancio in parità. Tra lei e la Woznicki sono 5 i precedenti con la danese avanti 3-2. L’ultima sfida però parla estone, con il successo sofferto della Kanepi allo scorso Roland Garros.

Ecco in dettaglio i due risultati

1) Caroline Wozniacki (DEN) d. (8) Ekaterina Makarova (RUS) 61 57 64
(3) Kaia Kanepi (EST) d. (6) Varvara Lepchenko (USA) 64 26 64


Nessun Commento per “TRIONFO CINESE PER HSIEH SU WEI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • TUTTE FERME Pochissime novità in seno alla nuova classifica WTA. Il successo a Seoul non regala nulla a Caroline Wozniacki, che resta ancora fuori dalle top 10, capitanate saldamente da Victoria […]
  • BELLE E BRAVE Maria Kirilenko e Julia Goerges continuano la loro avventura in Asia, rispettivamete nei WTA di Guangzhou e Seoul.
  • ORIENTE FATALE Si interrompe il cammino asiatico di Julia Goerges e Maria Kirilenko. La tedesca cade nei quarti a Seoul contro la Martinez Sanchez, mentre la bella russa si ferma a sorpresa in semifinale […]
  • CHANELLE NUMERO UNO A Guangzhou la sudafricana Chanelle Scheepers centra il suo primo titolo WTA della carriera, superando con un doppio 6-2 la slovacca Madgalena Rybarikova. A Seoul la finale sarà tra […]
  • LA BARTOLI SALUTA SEOUL Dopo Francesca Schiavone, n.1 del WTA di Seoul, esce la n.2 Marion Bartoli, sconfitta 6-3 7-5 dall'americana Vania King. A Guangzhou avanti tutte le favorite.
  • WTA: CAMILA GIORGI SCONFITTA A TOKYO, LA ERRANI VOLA IN SEMIFINALE Non ce la fa Camila Giorgi, l'azzurra si è piegata, nonostante un ottimo primo set, alla potente Ivanovic 7-5 6-2. Ottima prova invece di Sara Errani che raggiunge l'agognata semifinale […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.