I 54 ANNI DI IVAN “IL TERRIBILE” LENDL

Tennis – Il campione dallo sguardo impassibile compie oggi 54 anni di età. Riviviamo lo speciale contributo che il giocatore nato a Ostrava ha dato a questo sport.
giovedì, 6 Marzo 2014

Tennis. Di solito si dice che la miglior difesa è l’attacco. Tutto giusto, a meno che non ti chiami Ivan Lendl, campione che ha fatto della difesa un efficace modo di attaccare in sicurezza. “Abbandonava un rovescio tagliato e velenoso per una terribile sberla liftata, che non sarebbe servita soltanto a passare, ma anche ad attaccare”. Con queste parole Gianni Clerici descriveva il giocatore cecoslovacco, quando negli anni ’80 mieteva una vittima dopo l’altra nel circuito.

Lendl fu infatti celebre per il suo “chip”, una specie di “slice” che serviva a bloccare o meglio disinnescare il servizio dell’avversario, che si ritrovava poi nei pressi della rete a dover gestire una palla veramente insidiosa. Erano ancora i tempi del serve and volley e forse il tennista di Ostrava fu quello che più di tutti – insieme a Bjorn Borg in passato – che riuscì  a trovare le armi migliori contro questo stile di gioco che ha monopolizzato per anni questo sport . La sua maggiore abilità era poi quella di addormentare il gioco. Come un ragno tesseva la sua ragnatela con la quale imprigionava l’avversario alla minima distrazione. Ma oltre a quelle abilità, comuni più a un giocatore di scacchi che a uno di tennis, Lendl aveva in repertorio un dritto potente e al contempo solidissimo. Indimenticabile l’innata maestria con la quale giocava vincenti lungolinea in corsa, facendo ogni volta alzare in piedi gli spettatori entusiasti.

Ivan Lendl ha inciso in molti modi la storia di questo sport e vanta molteplici record. Come quello di essere tra i cinque giocatori ad essere stati numero 1 del mondo per tre anni consecutivi, dal 9 settembre 1985 all’11 settembre 1988. O come i 15 tornei vinti nello stesso anno –secondo in questa classifica solo a Guillermo Vilas che nel 1977 ne conquistò 16 – o per essere ricordato come l’unico tennista a vincere in tre settimane altrettanti tornei su superfici diverse tra loro. Ed è proprio su quest’ultimo record che vogliamo soffermarci per capire l’unicità tennistica di Ivan “Il Terribile”, giocatore che sapeva adattarsi e giocare benissimo su ogni superficie, per giunta con una continuità incredibile. Nonostante i suoi m 1, 87 di altezza, il cecoslovacco naturalizzato americano aveva infatti un’ottima mobilità, che insieme alle sue spiccate doti tattiche lo rendevano un osso duro su qualsiasi campo e in ogni parte del globo.

Ma Ivan Lendl è anche uno di quei giocatori ad aver avuto un complesso con le prove del Grande Slam. Il ceco classe 1960 è infatti uno di quelli che prima di poter sollevare in cielo un prestigioso trofeo ha dovuto tentare e ritentare più volte, fermandosi in finale per tre volte di fila. Ma grazie al suo carattere caparbio e allo stesso tempo glaciale, che a volte gli portava anche l’antipatia del pubblico, Lendl è riuscito a sfatare il tabù. La prima volta in una finale fu nel 1982 agli US Open, quando Ivan venne sconfitto in quattro set da Jimmy Connors, giocatore in quel momento più esperto e navigato di lui. Il secondo segnale di stop per Lendl arrivò a Melbourne l’anno successivo, quando fu sconfitto nettamente dallo svedese Mats Wilander, al tempo giovanissimo e in completa ascesa. E poi ci fu il terzo tentativo infranto, ancora una volta sul centrale di Flushing Meadows, ancora una volta contro Connors e ancora una volta in quattro set, cedendo malamente con un 6-0 finale.

Ma l’occasione che rompe finalmente l’incantesimo arriva al Roland Garros del 1984. In cima alle classifiche c’è Stevie Wonder con la sua “I just called to say I love you” e “la chiamata dell’amore” per Lendl arriva proprio sui campi di Parigi. Nei quarti di finale l’allora 24enne sconfigge lo specialista della terra rossa Andre Gomez e in semifinale si vendica su Mats Wilander.  Si arriva in finale e questa volta davanti a lui c’è John Mc Enroe. L’esperienza dell’americano porta Lendl ad essere sfavorito, ma la superficie agevola il cecoslovacco che alla lunga distanza e in rimonta riesce finalmente a centrare il suo primo titolo in una prova dello Slam. Dopo quel trionfo ne arrivarono altri sette: 2 Australian Open, 2 US Open e 2 ulteriori successi al Roland Garros. Unica pecca di “Ivan Il Terribile” è stata quella di non essere riuscito a vincere a Wimbledon. Lendl è giunto in finale sull’erba di Church Road per due volte ma è uscito sconfitto in entrambe le occasioni. La prima volta si è arreso alla freschezza di Boris Becker nell’edizione del 1986, mentre nel 1987 ha ceduto all’imprevedibilità di Pat Cash. Ma ci ha pensato la carriera da coach a portare all’uomo dallo sguardo serioso il successo sull’erba londinese, quando Andy Murray è riuscito a spezzare un incantesimo che per la Gran Bretagna era ancor più pesante di quello di Lendl. E oggi, a 54 anni di età, quella vittoria può sentirla un po’ sua.

 

 


Nessun Commento per “I 54 ANNI DI IVAN “IL TERRIBILE” LENDL”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BUON COMPLEANNO IVAN LENDL Numero 1 Atp per 270 settimane, 157 delle quali consecutive. Vincitore di almeno un torneo Atp per 14 anni consecutivi con un bilancio di 94 trofei vinti in carriera e unico giocatore […]
  • BUON 58ESIMO BJORN, UOMO DEI RECORD TENNIS - Una carriera tennistica breve, ma all'insegna di record frantumati. Uno stile considerato allora inconsueto, ma che segnò l'inizio di una nuova epoca nel tennis. Un carattere […]
  • JOHN MCENROE, IL BRACCIO SINISTRO DI DIO John McEnroe compie 54 anni. Dotato di un talento fuori dal comune, il mancino americano ha rivoluzionato, deliziato, sconvolto, l’impettito mondo del tennis. Ha interrotto il regno di […]
  • MURRAY, BJORKMAN NUOVO COACH? Si stringe la cerchia dei possibili successori di Ivan Lendl nel box di Andy Murray. Freddata l’ipotesi Mats Wilander, si fa calda la pista che porta al nome nuovo: Jonas Bjorkman.
  • OTTANTA VOLTE AUGURI KEN ROSEWALL Tennis. Compie 80 anni Ken Rosewall, fenomeno australiano capace di vincere 8 prove del grande slam. Campione che ha pagato la lunga assenza dai tornei del grande slam a causa della […]
  • SERENA WILLIAMS: 32 ANNI DI PATHOS TENNIS - Serena Williams compie trentadue anni. Una carriera scandita da una miriade di successi quella della numero uno del mondo: 55 titoli WTA, 17 prove del Grande Slam, 3 Master e un […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.