IL CIRCOLO TENNIS EUR RILANCIA LA SUA SFIDA NELLE OLIMPIADI GASTRONOMICHE 2016

Dopo l’ottimo esordio nell’edizione 2015 delle Olimpiadi Gastronomiche, lo storico Circolo Tennis Eur insegue quest’anno il podio e nella Gara 3 della quarta edizione del seguitissimo torneo il suo chef Antonio Zappìa ha proposto alla giurìa dell’Accademia Italiana della Cucina un menù stellare molto apprezzato dai numerosi partecipanti all’evento
martedì, 6 Settembre 2016

Roma, Settembre 2016  –  Nella Roma dei Circoli sportivi è sempre tempo di Olimpiadi Gastronomiche, l’esclusiva competizione ideata da Tennis Oggi che continua a raccogliere consensi e richieste di partecipazione. Le gare della quarta edizione si sono fermate solo nel mese di agosto e la data della ripresa è già fissata per giovedì 15 settembre al Roma Polo Club quando sarà il turno dello chef Baki Molla, chiamato a difendere la medaglia di bronzo conquistata lo scorso anno.

Nell’ultima gara del mese di luglio i riflettori si sono accesi sullo  chef Antonio Zappìa del Circolo Tennis Eur, lo storico Sodalizio del presidente Vincenzo Vecchio che nel 2015 ha bagnato il suo esordio nella competizione con il Premio Professionalità e quest’anno non nasconde le sue velleità di podio. In una serata caratterizzata da un insolito temporale estivo, che ha costretto all’ultimo momento gli organizzatori a rinunciare alla prevista cena a bordo piscina, Zappìa ha servito un sontuoso menù introdotto da uno splendido aperitivo targato Caseificio Sabelli ( burratina, stracciatella al cucchiaio, treccione di bufala Anteo, selezione di formaggi speziati  al tartufo, al peperoncino e alle olive verdi) che affianca quest’anno l’azienda vinicola Principe Pallavicini.

Quindi per antipasto una capresina di bufala con alici del Cantabrico e clorofilla di basilico.  Come primo piatto lo chef biancorosso ha optato per una calamarata al ragù di rana pescatrice e zest di arancio e zenzero. Per secondo è stato servito un filetto di spigola in crosta di prosciutto con patate, nocciola al rosmarino e gelè di pomodorini e menta. Il menu si è chiuso con una deliziosa mousse di ananas e croccante di amaretti ai frutti di bosco come dessert.

Tutte le portate sono state accompagnate dai nobili vini della cantina del Principe Pallavicini: Poggio Verde  Frascati Superiore DOCG, Roma DOC  Malvasia Puntinata, Stillato  Passito.

La performance di Antonio Zappìa è stata valutata attentamente dalla giurìa dell’Accademia Italiana della Cucina composta da tre esperti gastronomi, presieduta da Michela Rossi autrice di un libro di successo dal titolo In cucina con lo Chef”. 

Al termine della serata il presidente Vincenzo Vecchio ha ribadito il fermo impegno del suo Circolo a conseguire un prestigioso risultato in questa competizione sportivo-culinaria, spendendo parole di elogio per le Olimpiadi Gastronomiche: “L’ho trovata fin da subito una sfida molto interessante, un modo nuovo per promuovere il Circolo e anche per entrare in contatto con altri contesti, per conoscersi e familiarizzare”.

Il fascino di questo originale e del tutto inedito torneo, che nel 2013 per la prima volta nella storia sportiva del nostro Paese ha visto affrontarsi otto blasonati Circoli sportivi della Capitale anziché sui campi di gara con i loro atleti in cucina ai fornelli con i loro chef per contendersi il titolo di “Chef dell’Anno”, è tale per cui aumentano le richieste di partecipazione da parte dei Club che quest’anno sono diventati dodici con il rientro dell’Antico Tiro a Volo, deciso a rilanciare la sua sfida gastronomica.

Conclusa la pausa di agosto, il calendario di settembre è già delineato con le tre tappe che andranno a chiudere il Girone Estivo: dopo la sopracitata Gara 4 al Roma Polo Club seguiranno venerdì 23 settembre la Gara 5 al Circolo Magistrati Corte dei Conti (vincitore del’edizione 2015 con il suio chef Daniele Perfetto) e giovedì 29 settembre la Gara 6 al Circolo Ministero degli Esteri. A ottobre scatterà il Girone Invernale (date da definire) che si protrarrà fino a dicembre e vedrà protagonisti altri sei prestigiosi Sodalizi.

Al termine delle 12 gare in programma la giurìa procederà alla composizione del podio con l’assegnazione delle medaglie d’oro, d’argento e di bronzo e lo chef che avrà ottenuto  il punteggio più alto  sarà proclamato “Chef dell’Anno 2016” nel corso di una cerimonia ospitata dal Circolo vincitore.

Nella foto: il presidente Vincenzo Vecchio con Sergio Rossi, ideatore delle Olimpiadi Gastronomiche


Nessun Commento per “IL CIRCOLO TENNIS EUR RILANCIA LA SUA SFIDA NELLE OLIMPIADI GASTRONOMICHE 2016”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.