IL PARK SCALDA I MOTORI

Dopo il consueto successo del Memorial Giorgio Messina, il Circolo di Valletta Cambiaso è pronto a lanciare l'assalto al titolo nazionale maschile
giovedì, 4 Ottobre 2012

Genova – Il grande tennis continua a farla da padrone sotto la Lanterna e il verde del Centro sportivo di Valletta Cambiaso si conferma sempre più come la culla della Liguria tennistica. Il Park Tennis Club corre veloce e, appena archiviata la storica decima edizione dell’ Atp Challenger Genova Memorial Giorgio Messina, si appresta a vivere una stagione da assoluto protagonista nel massimo Campionato nazionale maschile. La scorsa settimana, alla presenza del Presidente del Coni regionale Vittorio Ottonello e del numero 1 del Comitato regionale della Fit Andrea Fossati, il Club del Presidenet Mauro Iguera ha presentato ufficialmente la squadra di A1 maschile che proverà a conquistare lo scudetto in un Campionato che si preannuncia tra i più competitivi degli ultimi anni.

Si parte sapendo di essere tra i favoriti Inutile nascondersi, il Park si presenterà all’esordio di domenica 14 ottobre sulla terra rossa del ASD Tennis Club Cagliari con una squadra di assoluto valore per qualità e quantità, in grado certamente di contendere il titolo al Canottieri Aniene del tridente pesante Bolelli-Starace-Cipolla. La coreografica manifestazione svoltasi sul campo 4 di Valletta Cambiaso, che ha visto sfilare gli allievi della scuola tennis e gli atleti delle squadre agonistiche, ha permesso di svelare a tutti il quartetto che guiderà la squadra gialloblu in questo secondo anno di Serie A1 maschile. Fabio Fognini, Gianluca Naso, Alessandro Giannessi e Fredrik Nielsen, ovvero l’unico poker di top 400 del Campionato. Nessun’altra squadra può infatti vantare quattro giocatori tutti attualmente nelle prime 400 posizioni del ranking Atp, senza dimenticare che Nielsen è un top 25 nelle classifiche di doppio, dopo aver colto il suo primo sigillo in carriera in uno Slam con la conquista dell’ultimo Wimbledon in coppia con Jonathan Marray. Il Fogna è chiamato ovviamente a guidare la squadra, al termine di un 2012 tra alti e bassi che lo ha visto comunque rientrare tra i primi 50 al mondo dopo l’ottimo Torneo di San Pietroburgo, costretto a cedere in finale a Martin Klizan anche a causa di un fastidio muscolare. Buono anche il momento di Gianluca Naso, vincitore a luglio del Challenger a San Benedetto del Tronto che gli è valso il suo best ranking al numero 175, mentre Giannessi è risceso ora al 220 dopo essere entrato per la prima volta nel tabellone principale di un Masters 1000 a Montecarlo scalando fino alla posizione 127. Dietro di loro, il capitano Elio Inserra e il team manager Pietro Ansaldo potranno contare su ottime alternative come Enrico Wellenfeld, uno dei protagonisti della promozione in A1 di due anni fa, Tommaso Sanna, Gianluca Mager e Tommaso Cafferata. Dopo il match d’esordio a Cagliari, ci sarà la prima a Via Zara contro il CT Rovereto, mentre a novembre arriveranno gli incroci pericolosi con i campioni in carica del Castellazzo e con il Bassano di Andreas Seppi.

La firma spagnola sul decennale di Genova Facendo un passo indietro, il Park Tennis Club ha inaugurato la nuova stagione col tradizionale appuntamento con l’AON Open Challenger, andato in scena nella prima settimana di settembre e che ha festeggiato i suoi primi dieci anni. Un Torneo con una storia importante alle spalle, proseguendo la recente tradizione del Genoa Open, la cui prima edizione si disputò nel 2003, e che può vantare come illustre antenato il trofeo IP Cup, nel 1987 tappa del circuito satellite estivo, i due anni successivi inserito nel circuito Challenger e dal 1990 al 1993 appuntamento da 250.000 dollari del calendario ATP. La decima edizione del Challenger intitolato alla memoria di Giorgio Messina è stata dominata da Italia e Spagna, con cinque azzurri e tre iberici nei quarti e le avvincenti semifinali Volandri-Montanes e Bolelli-Robredo. Sconfitti entrambi i nostri, la finale è stata tutta spagnola, con il successo in due set di Albert Montanes su Tommy Robredo. Nel doppio affermazione dei tedeschi Andre Begemann e Martin Emmrich, già vincitori nel 2010, vittoriosi 6/3 6/1 sul connazionale Dominik Meffert in coppia con l’austriaco Philipp Oswald.

Nella foto, la cerimonia di chiusura della 10.ma edizione dell’AON Open Genova Challenger Memorial Giorgio Messina sul campo Beppe Croce del Park Tennis Club


Nessun Commento per “IL PARK SCALDA I MOTORI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • IL 2016 DA SOGNO DEL PARK TENNIS CLUB L'anno che sta per chiudersi rimarrà indelebilmente nella memoria dello storico Circolo genovese che ha conquistato a Montecatini il suo primo scudetto maschile nel tennis. Un successo a […]
  • IL PARK VIAGGIA VELOCE Il Club genovese ha cominciato con una netta vittoria a Palermo il suo inseguimento al titolo nazionale maschile e intanto la Federtennis lo ha premiato per i suoi risultati a livello giovanile
  • LORENZI E STARACE, FINALI AMARE Paolo e Potito sfiorano il successo nel circuito Challenger, perdendo nell'ultimo atto a San Luis Potosi e Barletta. Giorgini si aggiudica l'Italy F3. Il quadro di tutti i tornei nella […]
  • E ORA CHIAMATELO… DAVIS PARK Il Club genovese si presenterà al via della prossima Serie A1 con la coppia azzurra Seppi-Fognini, la stessa che ha regalato all'Italia una storica vittoria in Argentina e ci fa ora […]
  • IL PARK AVANTI A FORZA 6 In attesa di Seppi e Fognini il Club genovese rifila un "cappotto" alla SC Casale e balza in vetta alla classifica del Girone 4 della Serie A1 maschile
  • IL PARK CI CREDE Il club di Via Zara chiude al terzo posto la fase a gironi del massimo campionato nazionale maschile e si prepara alla sfida di domenica prossima contro il TC Italia di Filippo Volandri […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.