IMG WORLDWIDE NEL FUTURO DI NOLE

Il serbo ha da poco firmato un accordo pluriennale in cui affida la sua immagine alla multinazionale di New York
sabato, 22 Dicembre 2012

Tennis. La vita di un tennista, si sa, al giorno d’oggi non è solo allenarsi duramente, scendere in campo, prendere a racchettate una pallina e tornare ad allenarsi. Sebbene questo iter impegni per la maggior parte del tempo un atleta, rimane molto altro per lui di cui occuparsi. E guai a non farlo! Quando a settembre Andy Murray ha conquistato il suo primo Slam in molti sono rimasti sorpresi dal grande aplomb dimostrato dallo scozzese nel punto decisivo. Esultanza molto sobria, british style docet, e poi via subito verso la panchina a prendere il suo orologio. “Quando ho perso la finale di Wimbledon avevo dimenticato di metterlo e sono finito nei guai. Per questo a New York sono andato verso il mio box per chiedere dove fosse, lo avevano messo in una tasca della borsa della racchetta e non riuscivo a trovarlo” ha raccontato qualche giorno fa riportando alla mente quei magici momenti.

Perché dunque questa impellenza di trovare ed indossare un orologio? Immagine. È tutta una questione di immagine. Ogni tennista di un certo livello vuole, in alcuni casi deve, giustamente sfruttare a dovere la fama accumulata grazie ai propri successi sportivi. In che modo? Per molti lo strumento principale è legare il proprio nome ad una marca di successo globale (orologi, ma anche auto, marche del lusso per non parlare dello sponsor tecnico), altri preferiscono rischiare di più e creare una linea di prodotti specifici che porta il proprio nome, vedi Maria Sharapova e le sue caramelle Sugarpova. I contratti di sponsorship sono quasi sempre più d’uno, ogni tennista presta la sua persona per la comunicazione di diversi brand appartenenti a differenti settori merceologici,ma a volte anche a brand concorrenti. Dunque un tennista, come ogni altro celebre atleta di qualsiasi disciplina sportiva, si affida a persone, o a società, che si prendono cura della sua “notorietà” facendo sì che si sviluppi ulteriormente tramite partnerships efficaci.

Il caso di Novak Djokovic è emblematico perché è un atleta la cui fama ha visto raggiungere un picco negli ultimi due anni grazie ai suoi grandissimi successi. Alla fine del 2011 le entrate provenienti da strategie di sponsorship commerciali quasi pareggiavano l’imponente prize money accumulato vincendo praticamente tutto quello che c’era da vincere (fonte Forbes). Tanto che la Sergio Tacchini che con il serbo aveva firmato nel 2009 un contratto decennale non riuscendo a coprire gli incentivi pattuiti derivanti da un avanzamento di carriera rapido quanto improvviso fu costretta a porre fine alla collaborazione nel 2011 a favore della giapponese Uniqlo.

Ebbene ieri la IMG Worldwide ha annunciato la stipula di un accordo pluriennale con il numero uno del mondo. Tale accordo prevede la gestione in esclusiva dell’immagine del tennista a livello globale sviluppando su di essa una vera e proprio strategia di marca attraverso strumenti come marketing, sponsorships, apparizioni e licenze con iniziative commerciali di livello mondiale. Si tratta del contratto della vita per Nole che a 25 anni si trova forse all’apice della sua carriera e della sua celebrità. Da poco selezionato migliore giocatore dell’anno dall’ITF, si è recentemente ripreso la vetta della classifica Atp e si prepara ad una altro anno da record. “L’esperienza internazionale della IMG mi offrirà un set di risorse, necessarie ad esplorare le opportunità di business, che semplicemente non esiste in nessun’altra azienda” ha commentato il diretto interessato che nella sua intera carriera ha già accumulato più di 45 milioni in premi partita e si è classificato al 61° posto tra gli sportivi più pagati di quest’anno.

La società americana dal canto suo arricchisce il suo parco tennisti che già vantava esponenti del calibro di Rafael Nadal, Maria Sharapova, Venus Williams, Li Na e Thomas Berdych mentre Roger Federer e il suo agente Tony Godsick ha lasciato la compagnia in giugno alla scadenza naturale del contratto. IMG è anche sponsor fisso di tornei come il Sony Ericsson Open di Miami, Australian Open, Chennai Open, Wimbledon, Barcelona Open nonché un nuovo evento che avrà luogo a Rio de Janeiro a partire dal 2014.

Djokovic ad agosto aveva concluso il suo sodalizio con la sezione sportiva della CAA, la Creative Artists Agency, l’agenzia scopritrice di talenti numero uno di Hollywood che si era allargata al mondo del tennis proprio mettendo sotto contratto i manager israeliani Amit Naor ed Allon Khakshouri che nel 2008 curavano gli interessi commerciali proprio del serbo, quando era ancora numero tre del mondo, e di altri tennisti professionisti come Radek Stepanek, Michail Youzhny, Ivo Karlovic, Ivan Ljubicic nonché dei fratelli Marat Safin e Dinara Safina.


Nessun Commento per “IMG WORLDWIDE NEL FUTURO DI NOLE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.