INDIAN WELLS: AL PRIMO TURNO IL DERBY PENNETTA-SCHIAVONE

Tennis. Analizziamo il tabellone femminile di Indian Wells. Flavia Pennetta e Francesca Schiavone si scontreranno subito al primo turno: la vincitrice affronterà Maria Sharapova. Errani e Vinci hanno un percorso non impossibile fino agli ottavi. Favorita del torneo, in mancanza di Serena Williams, è la n. 2 al mondo Victoria Azarenka.
martedì, 5 Marzo 2013

E’ da poco uscito il tabellone del singolare femminile del torneo Premier Mandatory di Indian Wells (cemento, $ 5.185.262).
Il  BNP Paribas Open, gestito da alcuni anni dal patron multimiliardario Larry Ellison, quest’anno ha ampliato il cachet divenendo di larga misura il torneo Premier più ricco in assoluto. Scontata la partecipazione di tutte le top player del circuito, ad eccezione della n. 1 del ranking Serena Williams che, assieme a Venus, ha sempre boicottato l’appuntamento statunitense dal lontano 2002. La ragione della “rottura” tra le sorelle e il torneo californiano scaturì da un episodio avvenuto nell’edizione 2001, quando le Williams dovevano affrontarsi in semifinale. Venus però si era ritirata, permettendo così alla sorella minore di accedere in finale, che poi avrebbe vinto contro Kim Clijsters; molti sospettarono che questo ritiro fosse stato deliberatamente pianificato dal padre Richard, in modo da favorire Serena. Queste illazioni scatenarono il disgusto di casa Williams e le portò alla decisione di non mettere più piede nel torneo di casa.

Il tabellone e il derby italiano. Con l’assenza di Serena la favorita, almeno sulla carta, è la campionessa in carica Victoria Azarenka, che l’anno scorso aveva stracciato in finale Maria Sharapova per 6-2 6-3.

Quattro sono le italiane al via: Sara Errani e Roberta Vinci godono di un bye al primo turno. Sarita aspetterà la vincente tra Lourdes Dominguez Lino e una qualificata. Roberta invece dovrà scontrarsi con Ksenia Pervak o Jie Zheng.

Fin da subito l’Italia avrà gli occhi puntati sul torneo statunitense: infatti Flavia Pennetta e Francesca Schiavone dovranno affrontarsi al primo turno, in un derby che si profila delicatissimo e denso di emozioni. La vincente tra le nostre azzurre dovrà poi vedersela contro la siberiana Maria Sharapova.

Ma analizziamo il torneo in dettaglio: per ogni quarto di finale indichiamo qui sotto le favorite e il loro probabile percorso (qui il main draw completo).

 

1) VICTORIA AZARENKA vs CAROLINE WOZNIACKI – La bielorussa sta ripetendo la stagione straordinaria dell’anno passato: ancora imbattuta nel 2013 (con 15 vittorie e nessuna sconfitta) in questa prima parte dell’anno sembra essere sempre più lei la vera numero uno, nonostante abbia perso il primato mondiale. La recente vittoria proprio sulla neo-numero uno del mondo Serena Williams, in finale a Doha, è una sorta di un’ulteriore conferma del suo momento straordinario. Vika non dovrebbe avere particolari problemi a raggiungere i quarti di finale: lungo la sua strada ci sono valide giocatrici come la belga Kirsten Flipkens o la giovane stella yankee Sloane Stephens – che potrebbe incontrare agli ottavi – ma ostacoli apparentemente troppo pervi per impensierire questa Azarenka. Molto più incerta è la questione dell’altra quartista: se ci si attiene alla logica del ranking dovrebbe essere la danese Caroline Wozniacki; tuttavia, visti i risultati miseri – sovente imbarazzanti – raccolti negli ultimi tempi (ultima la sconfitta al primo turno di Kuala Lumpur contro la qualificata cinese Quian Wang), l’ex numero uno del mondo potrebbe fermarsi anche prima. Al terzo turno potrebbe insidiarla Elena Vesnina, che in questo inizio stagione ha mostrato il suo tennis migliore; agli ottavi potrebbe scalzarla un’altra russa, la giunonica Nadia Petrova, che se è in palla e non si fa dominare dai fantasmi della sua mente (vedi partita contro Sara Errani è capace di tirare bordate dal fondo che potrebbero persino sfondare il muro-Wozniacki.  In ogni caso, un eventuale match tra la danese e la bielorussa sarebbe un soliloquio per quest’ultima.

2) ANGELIQUE KERBER vs SAMANTHA STOSUR – La teutonica Angie – rinata dal nulla con quella ormai lontana semifinale Us Open 2011  (battendo in quel famigerato quarto la nostra Flavia Pennetta) e capace di collezionare ottimi risultati lungo tutta la scorsa stagione – in questo 2013 ha combinato poco. Pare non essere più incisiva e che il suo gioco corri-e-tira modello Wozniacki (sebbene di gran lunga più offensivo) non metta più in difficoltà le avversarie. Dopo la sconfitta al primo turno, avvenuta contro Roberta Vinci a Dubai, la Kerber sentirà di certo il bisogno di una svolta nei suoi risultati, soprattutto perché qui a Indian Wells deve difendere la bellezza di una semifinale. Lungo il suo cammino verso i quarti potrebbe incontrare la belga Wickmayer e, al terzo turno, una tra la ceca Safarova e la russa Makarova, che l’aveva sconfitta nell’ultimo Australian Open: entrambe le avversarie hanno un gioco aggressivo e l’attitudine difensiva di Angelique potrebbe essere pane per i loro denti. L’altra quartista può essere Samantha Stosur: superata la terrificante stagione australiana, dove di norma non raccoglie che due soldi bucati, ora sta riprendendo la bussola. Insidioso è comunque il secondo turno con la futura campionessa Madison Keys, che peraltro gioca ‘in casa’; ma pure un eventuale terzo turno contro Ana Ivanovic o Mona Barthel sarebbe dall’esito tutt’altro che scontato.

3) PETRA KVITOVA vs AGNIESZKA RADWANSKA – Molti di noi stavamo ansiosamente aspettando il momento in  cui la talentuosa mancina Petra Kvitova avrebbe ritrovato il suo gioco. Fortunatamente, il momento è arrivato; visibilmente dimagrita e più scattante, negli ultimi tornei disputati la ceca ci ha regalato ampi brani del suo tennis stellare che ci aveva fatto sognare due anni fa: a Doha viene sconfitta solo da Serenona, dopo una maratona durissima. A Dubai invece stende tutte le avversarie (a parte la nostra Sara Errani, che in finale le strappa un set) vincendo il suo primo titolo dell’anno. Kvitova, non è un mistero, ha le potenzialità per sconfiggere chiunque ma il suo problema è la costanza: proprio questo torneo può essere la prova del nove per valutare il suo definitivo ritorno tra le più forti. Per Petronia tuttavia vi sono subito avversarie ostiche: al secondo turno potrebbe affrontare la kazaka Shvedova, mentre al terzo turno una tra la connazionale Zakopalova (in gran forma quest’anno) e la bambola killer Cibulkova, che solo un mesetto fa, a Sydney, l’aveva polverizzata 6-1 6-1 (ma quella era un’altra Kvitova). La polacca Agnieszka Radwanska gode forse di un tabellone più semplice: l’unica vera insidia potrebbe nascere al terzo turno, contro l’angelica Maria Kirilenko.

4) SARA ERRANI vs MARIA SHARAPOVA – E veniamo alle italiane, racchiuse – per modo di dire – nello stesso quarto. Sara Errani, fresca vincitrice di Acapulco, non dovrebbe avere problemi a raggiungere gli ottavi. Uso il condizionale, perchè per quanto riguarda l’azzurra sono in gioco numerose incognite. La prima è sicuramente questa: come reagirà Sara al repentino passaggio di superficie dalla terra rossa della scorsa settimana al cemento outdoor dei campi americani? L’anno scorso proprio questo passaggio aveva leso alla prestazione di Errani, che qui a Indian Wells era stata sconfitta all’esordio dalla modesta Vania King. Inoltre, prima di profetizzare un lungo percorso di Sara, bisogna tener conto delle avversarie: la romagnola al terzo turno potrebbe incontrare la sempre temibile Pavlyuchenkova, mentre agli ottavi una tra Bartoli, Mladenovic, Kuznetsova e Jankovic – insomma, non proprio delle scarsone.

L’altra quartista sarà, a meno di improbabili sorpese, la russa Maria Sharapova. Proprio la bella siberiana, purtroppo per noi, potrebbe ritrovarsi ad essere la ‘giustiziera’ delle italiane. Abbiamo già parlato del derby azzurro al primo turno tra Flavia Pennetta e Francesca Schiavone: match interessante, che terrà col fiato sospeso migliaia di appassionati, certo. Ma per la trionfatrice di questo derby, chiunque delle due essa sia, potrebbe rivelarsi una vittoria di Pirro: al secondo turno la attenderà infatti la n. 3 del mondo. Né una Schiavone in ascesa (ma lontana dai tempi migliori) né una Pennetta ritornata dall’infortunio (ben diversa da quella Flavia che sconfisse Maria agli Us Open 2011) possono mettere in seria difficoltà la siberiana. Agli ottavi la Sharapova dovrà vedersela con l’altra azzurra Roberta Vinci, sempre che quest’ultima riesca ad imporsi contro giocatrici del calibro di Zheng e Lepchenko. Roberta è in ottima forma in questo periodo: a Dubai ha mandato a casa due top ten ed è stata sconfitta solo dall’amica Sara (ma si sa, i match tra sodali sono sempre complicati). Credo che, tra le nostre, quella che potrebbe più di ogni altre fare male a Maria Sharapova è proprio la nostra Robertina. Con i suoi slices tagliati e il suo fine gioco a rete, uniti a un buon servizio e a una notevole capacità di variare il gioco, la Vinci sarebbe capace di cambiare le carte in tavola e regalarci una sorpresa – magari con una Sharapova non troppo ‘centrata’. Si vedrà: sperare non costa nulla.


Nessun Commento per “INDIAN WELLS: AL PRIMO TURNO IL DERBY PENNETTA-SCHIAVONE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • AZARENKA TORNA NUMERO 2 TENNIS - Azarenka si riprende la seconda posizione nel ranking a discapito di Maria Sharapova. Scende di un gradino Roberta Vinci (12), scavalcata dalla vincitrice del torneo di Carlsbad, […]
  • WTA MIAMI, PER SARITA C’È DI NUOVO SHARAPOVA TENNIS - Il main draw femminile di Key Biscayne vede il ritorno in campo di Serena Williams e Na Li impegnate nello stesso quarto di tabellone. Masha ancora dalla parte di Errani, Vinci […]
  • MADRID: VIKA CON SERENA, AGA CON MASHA TENNIS – È stato sorteggiato il tabellone femminile del Madrid Open. Victoria Azarenka è stata sorteggiata nella metà capitanata da Serena Williams, mentre la Radwanska potrebbe incontrare […]
  • WTA, IL PAGELLONE FINALE Un altro, intenso anno di tennis volge al termine. Tennis.it mette i voti di fine stagione alle stelle della Wta e sancisce promozioni e bocciature
  • CLASSIFICA WTA IMMUTATA Caroline Wozniacki è la regina, mentre Frascesca è stabile al 7° posto. Festa per Roberta Vinci e il suo best ranking (n.29). E intanto Serena Williams riparte da n.25 del mondo.
  • SARA AL TOP Il successo di Barcellona regala a Sara Errani il best ranking alla posizione n.28. Praticamente immobili le restanti azzurre, mentre risalgono leggermente Angelique Kerber e Jelena Jankovic

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.