AVANTI TUTTI I BIG, BENE ANCHE FOGNINI E SEPPI

Tennis. Secondo turno a Indian Wells, è la giornata dei big. Vincono Federer, Wawrinka, Nadal e Murray. Lo spagnolo e lo scozzese soffrono contro Stepanek e Rosol. Bene anche Fabio Fognini e Andreas Seppi che vincono in rimonta contro Harrison e Querrey.

Tennis. Tempo di secondo turno a Indian Wells. Il primo master 1000 dell’anno ha visto questa notte debuttare i primi big. Non ci sono state sorprese o cadute eccellenti. Viaggiano spediti quindi Federer, Nadal, Murray e Wawrinka, bene anche gli azzurri.

Il primo incontro, si sa, rischia di essere quello più pericoloso. Rodare le gambe, prendere confidenza con l’ambiente e entrare subito in partita diventa rischioso anche per i più forti. Ecco che si potrebbero spiegare così le difficoltà incontrate da Nadal e da Murray in questo avvio di torneo. Entrambi, è vero, vivono una situazione di recupero dai loro problemi, ma comunque vederli difficoltà fa sempre uno strano effetto. Impresa soltanto sfiorata quindi per Radek Stepanek, che dopo aver vinto 6-2 un fantastico primo set, ha subito il rientro dello spagnolo nel secondo, chiuso 6-4. Nel terzo  set sembrava un Nadal in controllo della situazione visto il break iniziale. Poi però il contro break e le clamorose tre palle per Stepanak (0-40) per salire 4-2, ma Nadal non muore e grazie a una prima (assente per quasi tutto il match) e un punto dei suoi chiuso con il vincente di dritto ha rimontato, andando poi (sempre con qualche difficoltà) a chiudere per 7-5 dopo 2 ore e 20 minuti di gioco. Adesso lo spagnolo è atteso dalla sfida con Dolgopolov che ha battuto in due set Smyczek. Tutti gli onori vanno a Radek Stepanek per una grande partita che contro il 95% dei giocatori del circuito sarebbe valsa una vittoria. Difficile esordio anche per Andy Murray, unico degli ex fab four a non aver vinto a Indian Wells, merito del bel primo set disputato da Lukas Rosol. Il ceco, infatti, si è portato a casa il primo set con un due break, contro uno solo dello scozzese. Il 6-4 testimonia un Murray falloso che non ha saputo trovare le contromisure alla partita di attacco di Rosol. Nella seconda e terza frazione però Murray ha alzato il livello di gioco, il break che ha permesso poi allo scozzese di chiudere è arrivato sul 3-2 (6-3 il parziale). Salvate due palle break nel terzo set, dopo 1 ora e 45 minuti lo scozzese ha potuto tirare un sospiro di sollievo e brindare per la vittoria numero 300 sui campi in cemento. Il terzo turno vedrà Murray giocarsela con il giovane e molto interessante. Jiri Vesely, che ha battuto in tre set Andujar.

Molta meno fatica invece per il duo che fa sognare la Svizzera. Stanislas Wawrinka si conferma imbattibile in questo 2014, e ha battuto senza problemi Ivo Karlovic allungando la sua striscia a 12 vittorie consecutive. C’era curiosità nel vederlo all’opera dopo l’Australian Open e Irostan non ha deluso neutralizzando un bombardiere come Karlovic con il punteggio di 6-3 7-5, non concedendo neanche una palla break. Adesso per Stan la sfida con il nostro Andreas Seppi. Nessun problema anche per Roger Federer che ha fatto sette su sette contro Paul-Henri Mathieu. Dopo un primo set spaziale, chiudo 6-2 in 23 minuti di gioco, Roger ci ha messo forse qualche game di troppo per approdare al terzo turno. Nel secondo set, infatti, dopo aver brekkato l’avversario ha prima sprecato una palla per chiudere sul 5-3 e servizio Mathiue, poi ha gettato alle ortiche il proprio turno di servizio sul 5-4. Il passaggio a vuoto, che neanche questo Federer 2.0 riesce a correggere, ha permesso al francese di tornare in partita: 5-5. Alla fine pur non brillando nel tie break Federer ha chiuso 7-5 e prenotato la sfida al terzo turno contro Tursunov, uscito vincitore dalla battaglia con Juan Monaco.

Questa notte è stato il turno anche degli azzurri. Fabio Fognini, alla continua ricerca della conferma anche in un mille, non ha tremato al debutto contro Ryan Harrison. La sfida è stata difficile ma Fognini è rimasto sempre in gara riuscendo a rimontare dopo aver perso il primo set. Il primo parziale vedeva Fabio in vantaggio 5-3 e servizio, qualche errore di troppo ha fatto rientrare l’americano che poi addirittura è andato a chiudere 7-5. Si temeva un contraccolpo che avrebbe messo ko Fognini, invece il ligure irritato per il passaggio a vuoto nel primo set, ha dominato 6-1 la seconda partita. Il terzo set  in apertura non ha avuto un padrone, tre break prima dell’allungo vincente di Fognini che ha tenuto un game di ben 18 punti e annullato due palle break. Il 6-4 finale manda Fabio alla sfida contro Gael Monfils. Tanto cuore anche per Andreas Seppi che supera, anche lui, un ostacolo americano. A far soffrire Seppi c’è stato Sam Querrey, che dopo un primo set abbastanza equilibrato è riuscito a brekkare per la seconda volta l’azzurro sul 5-4. Sullo stesso punteggio nel secondo set (con sempre un break per parte) Seppi stava per salutare Indian Wells: ma salvati due match point è riuscito a chiudere al tie break e giocare un terzo che sembrava insperato. Quando Seppi salva un match point si sa che la partita può andare a finire bene per i colori azzurri, e così è stato anche in questa occasione. Nel terzo set, infatti, Andreas è salito 4-2 prima di salvare due palle del contro break. Sul 5-3 nessun problema per l’altoatesino che ha potuto chiudere 6-3, vincendo l’undicesima sfida dopo aver salvato un match point. Adesso il solito grande cuore è atteso nella sfida contro Wawrinka. Vittorie importanti anche quelle di Raonic contro Roger-Vasselin in una partita tiratissima (7-6 4-6 7-6 il punteggio), e di Anderson che in due set ha eliminato l’australiano Lleyton Hewitt.

8/03/2014 Indian Wells, secondo turno. Tutti i risultati

[1] R Nadal (ESP) d R Stepanek (CZE) 26 64 75

[3] S Wawrinka (SUI) d I Karlovic (CRO) 63 75

[5] A Murray (GBR) d L Rosol ( CZE) 46 63 62

[7] R Federer (SUI) d [Q] P Mathieu (FRA) 62 76 (5)

[10] M Raonic (CAN) d E Roger-Vasselin (FRA) 76 (4) 46 76 ( 2)

[11] T Haas (GER) d J Chardy (FRA) 63 64

[13] F Fognini (ITA) d [WC] R Harrison (USA) 57 61 64

[17] K Anderson (RSA) d L Hewitt ( AUS) 76 (5) 64

A Falla (COL) d [18] J Janowicz (POL) 63 26 76 (5) – Parati 1 MP

[19] K Nishikori (JPN) d S Giraldo (COL) 61 63

[23] G Monfils (FRA) d S Stakhovsky (UKR) 62 64

[27] D Tursunov (RUS) d J Monaco (ARG) 76 (4) 64

[28] A Dolgopolov (UKR) d T Smyczek (USA) 76 (3) 64

[29] A Seppi (ITA) d S Querrey (USA) 46 76 (3) 63 – Parati 2 MP

J Vesely (CZE) d [32] P Andujar (ESP) 61 26 61

 


Nessun Commento per “AVANTI TUTTI I BIG, BENE ANCHE FOGNINI E SEPPI”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.