INDIPENDENZA CATALOGNA: CONSEGUENZE SU DAVIS E FED CUP

Le possibili conseguenza dell'indipendenza della Catalogna sul tennis spagnolo a livello nazionale
venerdì, 29 Settembre 2017

Tennis. Domenica 1 ottobre sarà un giorno storico per la Spagna, la quale rischia di perdere la sua regione più importante dal punto di vista economico, storico e sociale: la Catalogna. Molto più di una regione, a dire il vero, tanto da rivendicare appunto la propria indipendenza dal resto della Nazione, con un referendum che inizialmente sembrava azzardato e senza alcuna possibilità di successo. Oggi, le stime, parlano di un “” che supera abbondantemente il 50%.

Concentrandoci sul contesto sportivo, precisamente su quello tennistico, proviamo ad immaginare quali potrebbero essere gli scenari futuri, conseguenti all’eventuale proclamazione d’indipendenza della Catalogna.

I giocatori appartenenti al circuito Atp facenti parte della regione interessata sono diversi, sebbene nessuno di primissimo piano ma che potrebbero comunque avere un influenza non da poco sulla Davis della Spagna. Su tutti, lo specialista di doppio Marc Lopez: qualora non fosse possibile per gli iberici convocare giocatori nati nella regione della Catalogna, ecco che il medagliato olimpico 2016 (bronzo con Nadal) sarebbe il primo interessato, essendo nato a Barcellona.

A seguire il n.23 Albert Vinolas Ramos, anch’egli di Barcellona e n.3 di Spagna dopo Rafa e Carreno Busta, dunque altro problema non da poco per la selezione spagnola. Gli altri “interessati” sono decisamente fuori classifica e dal giro delle convocazioni, Granollers ed il veterano Robredo.

Decisamente meno complicata la situazione femminile, la sola tennista di rilievo che potrebbe essere coinvolta è la Suarez Navarro, nativa di Las Palmas nelle Canarie ma con residenza a Barcellona. Caso limite, ma che comunque potrebbe creare qualche problema alla n.2 di Spagna.

Capitolo allenatori, perché qualora fosse necessaria l’istituzione della Nazionale della Catalogna, servirebbero coach della regione, che non potrebbero essere capitani della Spagna. E qui l’enigma maggiore, perché il candidato n.1 della Davis Cup è Sergi Bruguera: il due volte campione di Parigi è di Barcellona.

Per quanto concerne la Fed Cup, di Barcellona è Arantxa Sanchez, già in passato capitano della selezione femminile.


Nessun Commento per “INDIPENDENZA CATALOGNA: CONSEGUENZE SU DAVIS E FED CUP”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • GROSSA SPESA AUSTRALIANA Tante giocate da proporvi nel quarto giorno degli Australian Open con spunti davvero interessanti.
  • ATP FINALS: IL PAGELLONE Si è concluso anche l’ultimo grande torneo della stagione e come di consueto, tennis.it torna a dare i voti. Vediamo chi sono i promossi e i bocciati del Masters 2012
  • IL DOPPIO AVVICINA LA REP.CECA ALLA COPPA A Praga, nella seconda giornata della finale di Coppa Davis, Tomas Berdych e Radek Stepanek piegano in rimonta Marcel Granollers e Marc Lopez, regalando alla squadra ceca un secondo punto, […]
  • KITZBUHEL: FUORI VERDASCO, AVANTI GRANOLLERS, MONACO E MONTANES Ultimo torneo sulla terra rossa, in Austria, prima dell'arrivo del cemento americano. Fuori, a sorpresa, Verdasco, eliminato da Haase in Verdasco; avanti gli spagnoli Granollers e […]
  • MADRID OPEN: AVANZA TSONGA, BENE ISNER, FUORI GRANOLLERS Tennis. Tempo di primo turno nel Madrid Open, secondo Master 1000 su terra rossa della stagione. Parte bene il francese Tsonga che elimina il connazionale Vasselin. Ok anche John Isner e […]
  • ATP, AL VIA KITZBUHEL E WASHINGTON Per gli uomini è il rush finale prima del trasferimento in massa a Toronto, in programma per la prossima settimana. Terra austriaca con Seppi e i più portati per il rosso, negli States […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.