INTERNAZIONALI 2020, TANTISSIMI CAMPIONI MA NIENTE PUBBLICO

Il presidente della Fit Angelo Binaghi ha espresso il suo disappunto per la decisione del Cts di far disputare il torneo a porte chiuse
martedì, 8 Settembre 2020

TENNIS – E’ stata una presentazione in grande stile quella che questa mattina allo stadio Olimpico di Roma ha alzato ufficialmente il sipario sull’edizione 2020 degli Internazionali d’Italia (in programma dal 14 al 21 settembre prossimi nella capitale). Il presidente della Fit Angelo Binaghi tuttavia non ha potuto fare a meno di esprimere il proprio rammarico per l’impossibilità di far accedere almeno un numero ridotto di tifosi sugli spalti del Foro Italico, riportando la lettera ricevuta dal Ministro Spafadora.

“Si tratta di un danno enorme – ha affermato Binaghi – e anche di una ingiustizia, dato che altri sport in altri Regioni hanno avuto l’autorizzazione ad avere la presenza di migliaia di persone presenti agli eventi. Quest’anno invece nessuno potrà avere accesso alla più grande manifestazione sportiva del nostro Paese, pur avendo presentato al Comitato Tecnico Scientifico lo stesso protocollo attuato in Francia per il Roland Garros. Se lo avessimo saputo prima avremmo spostato il torneo in un’altra Regione, ad esempio la Liguria o la Puglia, dove avremmo potuto garantire un certo numero di spettatori. In questo momento quindi siamo un set pari: il primo lo abbiamo vinto noi riuscendo ad organizzare il torneo, il secondo lo abbiamo perso essendo stati costretti ad adeguarci alla mancanza di pubblico. Ora abbiamo il terzo, quello decisivo e a giocarlo saranno i giocatori e le giocatrici. Faremo il tifo per loro”. Anche perché nell’entry-list maschile sono presenti 19 dei primi 20 giocatori della classifica mondiale, con la sola eccezione di Roger Federer che è fermo ormai da tempo dopo i due interventi al ginocchio. Sono iscritti tra gli altri il numero uno del mondo Novak Djokovic, quattro volte vincitore a Roma, Rafa Nadal (nove successi), Dominic Thiem, finalista agli ultimi due Roland Garros. In tabellone i giovani aspiranti al trono mondiale, Daniil Medvedev, Stefanos Tsitsipas e Sasha Zverev, vincitore a Roma nel 2017 e finalista nel 2018. L’attesa naturalmente è tanta anche per Matteo Berrettini e Fabio Fognini, al rientro dopo l’operazione alle caviglie, mentre per quanto riguarda il tabellone femminile lo spettacolo sarà anche in questo casi di altissimo livello visto che prevede una partecipazione qualitativamente superiore a quella degli US Open. Sono iscritte infatti nove Top Ten e 40 delle prime 43 giocatrici della classifica mondiale Wta.

WILD CARD

Passando infine al capitolo wild-card, gli organizzatori hanno assegnato le quattro del tabellone principale maschile sono state assegnate a Lorenzo Sonego, Jannik Sinner, Gianluca Mager e Salvatore Caruso, mentre le sei delle qualificazioni sono andate a Lorenzo Musetti, Giulio Zeppieri, Gian Marco Moroni, Flavio Cobolli, Paolo Lorenzi e Federico Gaio. A livello femminile invece, le wild card per il main-draw vanno alle azzurre Camila Giorgi, Jasmine Paolini ed Elisabetta Cocciaretto alle quali si aggiungono Victoria Azarenka e Venus Williams. Riguardo a quelle per le qualificazioni a ricevere la possibilità di giocarsi una chance di entrare nel tabellone principale saranno Sara Errani, Martina Trevisan, Giulia Gatto Monticone e Jessica Pieri.

(Nella foto Angelo Binaghi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “INTERNAZIONALI 2020, TANTISSIMI CAMPIONI MA NIENTE PUBBLICO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.