SARA E ROBERTA, BUONA LA PRIMA

Esordio agevole per Errani e Vinci al 1°turno del WTA di Palermo. La bolognese liquida 6-1 6-3 la russa Kulikova, mentre la tarantina passa sulla kazaza Karatantcheva per 6-2 7-5. Avanzano Zakopalova, Hercog e Medina Garrigues. Out Rezai, e parecchie italiane.
martedì, 12 Luglio 2011

Palermo – Tra un tuffo e l’altro nello splendido mare di Mondello, gli appassionati di tennis riescono anche a fare un salto al vicino Coutry Time, dove va in scena la seconda giornata degli internazionali di Sicilia, “Snai Open”. Dopo Pennetta e Brianti, ad esordire in maniera vincente sul rosso palermitano sono anche Errani e Vinci. Anche per loro un debutto abbastanza soft, contro avversarie di caratura nettamente inferiore. Sarita scende in campo sul centrale nel tardo pomeriggio, impiegando meno di 90 minuti per avere la meglio della russa Kulikova con il punteggio di 6-3 6-1. In prima serata tocca invece alla Vinci, reduce dal trionfo di Budapest domenica scorsa. La palermitana d’adozione non delude i suoi numerosi tifosi locali, imponedosi sulla kazaka Karatantcheva,(n.212), per 6-2 7-5. Avanza il resto delle favorite, mentre tra le altre azzurre vanno ko Dentoni, Floris, Knapp e Camerin. Fuori anche la Rezai

Sarita sul velluto. Match del tutto inedito tra l’azzurra e la russa Kulikova, classe 1989 e n.191 WTA. La Errani è un diesel, ma quando ingrana lascia le briciole alla sua avversaria. Il break russo nel primo gioco scuote l’azzurra, che prende in pugno le redini dello scambio iniziando ad imporre la sua maggior duttilità tecnica. Aiutata anche da un ottimo servizio, Sara piazza un break di 6 giochi consecutivi  incassando comodamente il primo parziale per 6-1. Non cambia il copione nel secondo set, con l’azzurra che mette le cose in chiaro già dal 3° gioco, quando trova l’allungo decisivo per salire 2-1 e servizio. Il gioco troppo prevedibile della Kulikova non da mai l’impressione di poter mettere in difficoltà la Errani, con la russa che si limita a rimanere in scia. La Bolognese dal canto suo non concede nulla al servizio, riuscendo ad amministrare il buon margine fino al 9° gioco quando, avanti 5-3, mette la parola fine al match con il 5° break di giornata, per il 6-3 finale dopo 1 ora e 22 minuti. Per lei adesso un secondo turno ben più impegnativo contro la francese Parmentier, n.66 del mondo, che oggi ha sconfitto l’ americana Craybas per 6-4 3-6 6-4. Ecco le sue dichiarazioni a fine gara: “Al di là del risultato quella affrontata oggi era certamente un’avversaria fastidiosa e le condizioni ben diverse da Budapest – prosegue la terza favorita del torneo palermitano -. Giocare qui mi piace anche per il tipo di campi e di palle. L’anno sta andando sin qui abbastanza bene, magari mi mancano dei risultati in qualche torneo che conta”

Roberta pronta  alla rivincita. Reduce dalle fatiche magiare di Budapest, dove ha incassato il suo 6° titolo in carriera, Roberta Vinci si presenta nella “sua” Palermo affrontando in un match del tutto inedito la qualificata Karatantcheva. L’azzurra, residente ormai da anni nel capoluogo siciliano, parte col piede giusto, dominando senza grossi patemi il primo set. La kazaka infatti regge fino al 2-2, prima di subire il cambio di passo di Roberta, che con 4 giochi in serie chiude in conti con un agevole 6-2. Ben diversa la dinamica del secondo parziale, che va avanti a colpi di break. A scattare meglio dai blocchi e l’azzurra che vola sul 3-0 pesante e poi sul 4-2, rilassandosi un po troppo e facendosi raggiungere sul 4-4. La Karatantcheva trova dei buoni appoggi in risposta rientrando prepotentemente in partita. Ma la Vinci  ancora una volta sa esaltarsi nei momenti difficili, e grazie al suo gioco eclettico, rimette il muso avanti con un break per 5-4 e servizio, prima di cedere ancora una volta il turno di battuta per il 5-5. Il match sale di livello, e spinta dal suo pubblico Robertina si conquista la seconda opportunità di andare a chiudere per il match sul 6-5. La kazaka ci prova fino alla fine, ma l’azzurra, dopo aver annullato anche una palla del tiè-break, porta a casa il confronto per 7-5. Adesso a pochi giorni di distanza, il secondo turno riproporrà alla tarantina la sfida contro la romena Irina Begu, appena sconfitta nella finale del torneo Budapest domenica scorsa.

Italiane KO. Oltre Vinci ed Errani, diverse le azzurre impegnate nella giornata odierna, ma purtroppo con poche fortune. Anna Floris, entrata con una wild card, cede con un doppio 6-3 alla più quotata Medina Garrigues. Lotta solo nel seocondo set Maria Elena Camerin contro la romena Begu, arrendendosi alla fine per 6-2 7-5. Sconfitta in due set anche per Corinna Dentoni, che rischia di portare il match al 3° contro la luky loser spagnola Arruabarena, che finisce per vincere 6-3 7-6 dopo oltre 2 ore. Terzo set fatale infine per la qualificata altoatesina Karin Knapp, che mette in crisi la slovena Hercoh, fresca vincitrice del torneo di Bastad. Dopo aver vinto il primo set per 7-5, l’azzurra cede a testa alta per 6-4 6-2.

Avanti le big, tranne la Rezai. Giornata ricca di match, ecco in dettaglio il resto dei risultati.

(4) Klara Zakopalova (CZE) d. Anastasia Pivovarova (RUS) 06 61 61
(8) Petra Cetkovska (CZE) d. (Q) Elena Bovina (RUS) 61 75
Pauline Parmentier (FRA) d. Jill Craybas (USA) 64 36 64
Mathilde Johansson (FRA) d. Aravane Rezai (FRA) 76(5) 61
(Q) Ani Mijacika (CRO) d. Eleni Daniilidou (GRE) 36 63 63

Julia Goerges subito fuori in Austria. Giornata di primo turno anche sul rosso austriaco di Bad Gastein, dove a cadere è già la testa di serie n.1 Julia Goerges,n.16 del mondo. Ecco in dettaglio i risultati odierni.

Laura Pous-Tio (ESP) d. (1) Julia Goerges (GER) 61 26 61
Johanna Larsson (SWE) d. (2) Jarmila Gajdosova (AUS) 64 62
(WC) Patricia Achleitner (AUT) d. (5) L.Domínguez Lino (ESP) 60 76(5)
Carla Suárez Navarro (ESP) d. (7)  Zahlavova Strycova (CZE) 76(7) 62
(8) Ksenia Pervak (RUS) d. Alizé Cornet (FRA) 76(3) 62
María Martínez Sánchez (ESP) d. (Q) Paula Ormaechea (ARG) 76(5) 76(4)
Kristina Barrois (GER) d. Lesia Tsurenko (UKR) 62 63
Kateryna Bondarenko (UKR) d. Nuria Llagostera Vives (ESP) 60 64
Petra Martic (CRO) d. (Q) Sofia Shapatava (GEO) 36 63 62
Arantxa Parra Santonja (ESP) d. Olga Govortsova (BLR) 63 16 76(5)
Yvonne Meusburger (AUT) d. Alona Bondarenko (UKR) 63 76(6)
(Q) Dia Evtimova (BUL) d. (WC) Melanie Klaffner (AUT) 61 60
(Q) Nastja Kolar (SLO) d. Alla Kudryavtseva (RUS) 61 61


Nessun Commento per “SARA E ROBERTA, BUONA LA PRIMA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • RADWANSKA ED ERRANI A PALERMO Presentata stamane a Palermo la 25° edizione del WTA “Italiacom Open”, unico evento del circuito mondiale in Italia dopo gli Internazionali BNL. Tra le tante big presenti anche la n.3 del […]
  • ROBERTA NON RIPETE La Vinci si ferma al secondo turno del WTA di Palermo, sconfitta 6-4 6-3 dalla romena Begu, che si prende la sua personalissima rivincita dopo la finale di qualche giorno fa a Budapest.
  • SARITA NON SI FERMA Per il quinto anno consecutivo la Errani conquista i quarti di finale del WTA di Palermo. A cadere sotto i colpi della bolognese stavolta è la francese Parmentier, che cede 7-5 6-1. Avanti […]
  • PAGELLE PALERMITANE Cala il sipario sulla 24° edizione del torneo di Palermo. Tra promosse e rimandate, si pensa in grande verso il futuro.
  • LA VINCI VOLA VERSO LA SEMIFINALE TENNIS -Vittoria sul velluto per Roberta Vinci sul rosso di Palermo. L'azzurra liquida la spagnola Lourdes Dominguez Lino 6-1 6-4 e conquista la sua seconda semifinale siciliana. Prossima […]
  • ERRANI E VINCI A BRACCETTO Al WTA di Palermo esordio agevole per Sara Errani e Roberta Vinci, rispettivamente su Gallovits e Knapp. Impresa della Camerin contro la Medina Garrigues

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.