FABIO FOGNINI VUOLE SFATARE ROMA

Il numero 1 d'Italia è pronto: "Arrivo a Roma diversamente da altre volte ma non ho nessun traguardo prefissato. Per ora so che c'è un primo turno difficile".
domenica, 11 Maggio 2014

TENNIS – Ottimismo e fastidio. Ottimismo perché è reduce da cinque mesi di tennis a tratti epico. Fastidio perché Roma, a volte, la brucerebbe come nemmeno Nerone svariati secoli prima di lui. Tutto ciò perché nella Capitale “non sono mai riuscito a fare quelle cose che mi sarebbero piaciute. Ossia non sono mai riuscito ad esprimermi al meglio”. Obbligatorio, dunque, per Fabio Fognini, è esorcizzare il satanasso Foro Italico, quei minacciosi Internazionali Bnl d’Italia.

PERO’… – C’è un “però”. “Mi sento bene – dice il numero 1 d’Italia, 15 del mondo – L’importante è questo. Ho ripreso bene il ritmo dopo Barcellona, dove avevo avuto febbre e diversi problemi fisici. In tal senso, Montecarlo mi è stato d’aiuto. Non voglio pensare se qui arriverò al primo, secondo o terzo turno. Mi aspetta anzitutto un avversario pericoloso (il ceco Lukas Rosol, numero 52; ndr) ma venire a Roma è sempre bello nonostante non abbia mai fatto un gran torneo al Foro”.
Sembrerebbe il massimo se non fosse che “è normale ci sia un po’ di pressione. perché sto giocando bene e sto ottenendo buoni risultati, anche con i miei compagni in Coppa Davis. Con il mio allenatore stiamo studiando le soluzioni migliori per arrivare a Parigi, che è la tappa più importante”.

PARIGI, ROMA E ROSOL – Roland Garros, ok, tuttavia… “Roma e Parigi rivestono la stessa importanza. Ad ogni modo ora penso a Rosol: ha dimostrato di essere in grado di battere gente forte. A Parigi vinsi io ma in quattro set. Giocherà sul servizio e sui colpi forti. Per quanto mi riguarda dovrò cercare di allungare il più possibile il punto”.
E comunque servirà equilibrio mentale. “Altri del circuito non leggono i giornali per non avvertire influssi dall’ambiente? A leggere si legge sempre, ma dipende da cosa. In questo torneo mi sono visto poco e, comunque, appena ho l’opportunità vado via. Proverò a fare bene. Punto. Arrivo a Roma diversamente da altre volte ma non ho nessun traguardo prefissato. Per ora so che mi aspetta un primo turno difficile”.
Ma perché al Foro Italico è così difficile vedere il Fognini in versione Napoli? “Francamente non saprei quale sia la differenza tra la Coppa Davis e qui. E comunque è anche vero che l’anno scorso, per esempio, ho perso sì al secondo turno, ma da Nadal. Proverò a gasarmi, vedremo”.


Nessun Commento per “FABIO FOGNINI VUOLE SFATARE ROMA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FABIO FOGNINI: I FISCHI? NE MERITAVO DI PIU’ Rosol passeggia 6/3 6/2 e il ligure non ci sta: "In un anno si può fare bene per l'80% e il resto può andare così...". E, in vista di Parigi: "Resto positivo, avrò più tempo per prepararmi".
  • CAMILA GIORGI: TUTTA COLPA DI UN DOPPIO Ieri ha giocato in coppia con la Knapp. "Ma quello è un altro sport, io voglio stare in campo da sola". E il papà, intanto, litiga ancora con un giornalista.
  • SORPRESA FLAVIA PENNETTA: ROMA NON SEMPRE TI SOSTIENE La brindisina parla di fischi ascoltati durante il secondo set. "Questa cosa è tipicamente italiana. Il pubblico può aiutarti tantissimo, ma a volte ti penalizza. Noi giocatori siamo come […]
  • SARA ERRANI: DOPO MADRID VOGLIO ROMA Messa in cascina la vittoria spagnola in doppio, "Chiqui" si dice soddisfatta: "Il derby con Roberta nel secondo turno? Ci abbiamo riso su"
  • I SOGNI ROMANI DI ROBERTA VINCI Tanti tifosi ad accoglierla durante il suo allenamento. Ora la tarantina vuole ripagare la fiducia: "Non sempre sono riuscita ad esprimermi al 100%. Mi piacerebbe essere più sciolta, più libera".
  • SARA ERRANI, LA VITTORIA E UN BRIVIDO La Chiqui ammette di essersi spaventata durante il match con la Sheepers: "Ad un certo punto faticavo a respirare. Non mi era mai successo nulla di simile, ma non mi ha condizionata"

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.