MARION E LA RICERCA DEL GIUSTO EQUILIBRIO

Sostenuta dal pubblico di casa, la Bartoli vorrebbe rivivere a Parigi le emozioni del Roland Garros, ma in generale il cruccio è la resistenza nei momenti difficili in campo...
lunedì, 6 Febbraio 2012

Parigi (Francia) – Numero due del tabellone e beniamina di casa, Marion Bartoli si è presentata al Gdf Suez in ottima forma, mostrando fermezza e decisione, celando – ma non nascendo – le sue ambizioni sul veloce parigino.

La francese, attuale numero 7 del ranking mondiale, ha ammesso che in questo 2012 vorrebbe confermare e migliore i risultati raggiunti lo scorso anno, puntando l’obiettivo sulla resistenza. Il problema sottolineato dalla Bartoli infatti si riallaccia ad un’incapacità di mantenere il proprio livello di gioco quando sopraggiunge la stanchezza e il suo lavoro in questo momento si concentra proprio su questo dettaglio.

Quali sono le tue emozioni qui a Parigi?

Sono impaziente di cominciare, sono contenta di essere qui di nuovo e spero che andrà tutto bene. Mi fa piacere tornare a giocare all’Open Gdf Suez e spero in qualche modo di riprendere la via positiva del Roland Garros.

Cosa pensi di tutte le attenzioni che stai ricevendo in questo momento? Ti fanno piacere?

Certo ma mi fanno piacere: penso che queste siano il risultato di quello che ho raggiunto lo scorso anno. Penso sia un qualcosa di positivo, al contrario sarebbe negativo se passassi inosservata.

Qual è il tuo punto di vista ora, dopo il terzo turno raggiunto in Australia..

Non mi sono dimenticata di quello che è successo e penso che sia importante crescere apprendendo dalle proprie sconfitte. Devo cercare di gestire al meglio i momenti di stanchezza, perché quando sono in forma si vede che gioco bene. La cosa più importante per me in questo momento è arrivare a mantenere il livello di gioco quando inizia a subentrare la stanchezza. Quando ho giocato contro l’Azarenka a Sydney, nonostante la sconfitta, credo di aver mostrato un ottimo gioco: i nostri valori in campo erano molto vicini.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2012, vorresti entrare nella top five?

Come sono arrivata al numero 7, spero di arrivare al numero cinque è chiaro…(sorride)

Ad inizio anno hai giocato la Hopman Cup, ora sei qui a Parigi: la scelta di questi due tornei può raccordarsi ad una tua voglia di mostrare l’attaccamento ai colori nazionali, visto che non stai giocando la Fed Cup?

Non ho scelto questi due tornei per questo motivo, in Australia ci siamo divertiti molto, è stata una bella esperienza. Per quanto riguarda Parigi invece, lo scorso anno avevo privilegiato il veloce esterno, ma dopo l’emozione provata al Roland Garros ho deciso di cambiare i miei programmi e di tentare anche questa carta per dare il massimo.

Quali sono le tue speranze in vista dei Giochi Olimpici?

Quasi nulle. Ad oggi non ho possibilità  di ricevere un invito perché dovrei avere buoni rapporti con la federazione.

E per quanto riguarda la tua collega Rezai, cosa pensi della sua storia?

Non so quello che è successo e quindi non posso dare un giudizio. Ora quello che conta per lei è ritrovare il suo livello di gioco. Per il resto dovete chiedere a lei.

Pensi che il tennis francese stia vivendo un momento di crisi?

Diciamo che quella che ci ha preceduto è stata un’ottima generazione: in campo c’erano  la Mauresmo, la Dechy, la Pierce, quindi non è facile mantenere sempre lo stesso livello. Oggi è un po’ più dura forse. Non so se c’è crisi, ma sicuramente il livello del tennis femminile in generale si è alzato. Adesso vediamo con le nuove leve cosa succederà, avete già visto quest’anno al Roland Garros le potenzialità di Caroline Garcia ad esempio, quindi nulla è perduto.


Nessun Commento per “MARION E LA RICERCA DEL GIUSTO EQUILIBRIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • KERBER IN FIDUCIA "Domani sarà un altro match, un altro incontro molto duro. E’ chiaro che lei in qualche modo parte favorita, perché avrà dalla sua il pubblico, e visto come si è battuta negli ultimi […]
  • GDF SUEZ: VOLA ANGELIQUE A Parigi Angelique Kerber conquista il suo primo titolo della carriera stoppando l'ennesima rimonta di Marion Bartolì, che alla fine si arrende 7-6 5-7 6-3. A Pattaya successo finale di […]
  • VINCI AI QUARTI Secondo successo di fila per Roberta Vinci al GDf Suez di Parigi. L'azzurra vola ai quarti di finale superando 6-3 1-6 6-3 la statunitense Bethanie Mattek-Sands
  • FEDERER AL ROLAND GARROS: “MI SIETE MANCATI” La gioia di Roger Federer dopo la vittoria nel match d'esordio a Parigi, davanti ad un pubblico che lo acclama dal primo all'ultimo scambio.
  • VINCI E LASCIA VINCERE Roberta Vinci esce sconfitta dai quarti del WTA di Parigi dopo un match incredibile contro Marion Bartoli. Avanti un set e di due break nel 2° e nel 3° parziale, l'azzurra subisce […]
  • ANGELIQUE RAGGIUNGE MARION Angelique Kerber supera 6-7 6-3 6-4 la Wickmayer e raggiunge Marion Bartolì nella finale del WTA di Parigi. A Pattaya finale tra Kirilenko e Hantuchova

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.