RADWANSKA: SONO GIA’ NELLA STORIA

"Credo che al di là di come finirà la partita con Serena, questo risultato mi ha fatto già entrare nella storia e questo mi rende orgogliosa. Prima di me, tra le polacche, solo Jadwiga Jędrzejowska
giovedì, 5 Luglio 2012

Londra (Regno Unito) – Nel 2005 Agnieszka Radwnska ha potuto provare l’emozione di alzare a Wimbledon il ‘trofeo minore’ ovvero quello del torneo junior. Sabato invece, per la prima volta in carriera, tenterà lo scalpo maggiore, sperando che il precedente storico sia per lei di buon auspicio.

Di certo per portare a casa il piatto d’oro la polacca dovrà dare il massimo in campo, anche perché vista la solidità espressa da Serena Williams lungo tutto il torneo, la numero 3 del mondo non potrà permettersi alcun errore.

Qual è la tua analisi del match?

Penso che entrambe all’inizio abbiamo sofferto un po’ di nervosismo, però devo dire che con l’avanzare dell’incontro le cose sono andate meglio, perché ho preso fiducia. La partita dei quarti di finale è  stata difficile e non è stato facile smaltire la stanchezza che avevo accumulato. Fortunatamente oggi tutto è andato bene e alla fine ho fatto anche un buon lavoro in campo.

Nel prossimo incontro ti troverai di fronte Serena Williams, quali sono le tue sensazioni?

Ho giocato contro Serena un paio di volte in carriera, ma è passato tanto tempo dall’ultima volta. Non credo che ci siamo incontrate negli ultimi due anni. Contro di lei non sarà una partita facile, anche perché le sue qualità le conosciamo tutti e sta giocando davvero bene sull’erba. Io però non ho nulla da perdere e quindi scenderò in campo tentando di dare il massimo.

Ti mette ansia trovarti di fronte un’avversaria così potente?

Non credo sia l’unica, cerco che complica le cose, ma sono molte le giocatrici con una potenza particolare nel circuito. Io cercherò di variare il più possibile il mio gioco per metterla in difficoltà. Di certo non c’è una strategia che vale ad ogni occasione, una volta in campo vedrò il da farsi.

Qual è la tua impressione sull’erba?

Ad essere onesta quando ho iniziato a giocare qui due anni fa l’erba era più veloce, molto più veloce rispetto ad ora ed è per questo che secondo me gli scambi si sono allungati. Il rimbalzo della palla è rimasto bene o male lo stesso, forse è giusto un po’ più alto.

Hai notato dei rimbalzi strani?

No, però è chiaro che con l’andare del torneo la superficie si deteriora, ma alla fine non ho notato nulla di particolare, ad eccezione della parte di fondo campo dove l’erba è meno folta e il rimbalzo può essere inatteso. Però in generale il terreno è buono, non sono mai scivolata.

Conosci Jadwiga Jędrzejowska? Te ne hanno mai parlato da bambina?

So che ha giocato qui la finale tanti anni fa, non ricordo quando di preciso, ma al di là di questo non so molto altro. Mi fa piacere essere la seconda giocatrice  polacca a raggiungere questo traguardo. Spero solo di avere un finale diverso, visto che lei perse in tre set.

Visto che sono passati tanti anni da quell’epoca, tu saresti la prima polacca dell’era open, cosa significherebbe per te alzare quel trofeo?

Penso che sia già un successo essere arrivata in finale, perché anche in questo caso sono la prima dopo tanti anni. Credo che al di là di come finirà la partita, questo risultato mi ha fatto già entrare nella storia e questo mi rende orgogliosa.

Però oltre al trofeo potresti anche diventare la nuova numero 1…

Farò di tutto  per centrare quell’obiettivo, statene certi.


Nessun Commento per “RADWANSKA: SONO GIA' NELLA STORIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MURRAY: CON ROGER UN ASSALTO ALLA STORIA "Sarà una bella sfida. Non mi aspetto di vincere, è chiaro, ma se riuscirò a cogliere le mie occasioni e a fare il mio gioco qualche possibilità ce l'avrò anche io"
  • MURRAY:UNA SCONFITTA DURA DA ACCETTARE "Oggi era una giornata particolare, c'era tutta l'Inghilterra a fare il tifo per me, un pubblico incredibile in campo e poi la mia famiglia, tutta la mia famiglia che mi ha sostenuto dal […]
  • WIMBLEDON: PAGELLONE FEMMINILE Con il quinto trionfo di Serena Williams è calato il sipario sul torneo femminile. Come di consueto, assegniamo le pagelle ad alcune delle protagoniste sui prati dell'All England Lawn […]
  • RADWANSKA: L’EMOZIONE DEL DEBUTTO "Sono entrata in campo nervosa, credo di aver pagato lo scotto della prima finale, e penso che questo abbia precipitato le cose nel primo set. Per fare troppo non sono riuscita a fare niente"
  • NADAL: NON SONO STATO ALL’ALTEZZA "Oggi non ero particolarmente ispirato nei primi tre set e ho pagato questa mancanza, perché su questa superficie se non dai sempre il massimo può accadere di tutto"
  • TSONGA: SONO ANCORA QUI "A differenza dello scorso anno, arrivo a questo stage della competizione con una confidenza diversa. Ho migliorato il mio ranking, sono la quinta testa di serie del torneo e l'esperienza […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.