ITALIA – USA, APRONO ERRANI ED HAMPTON

TENNIS - Effettuato il sorteggio della sfida di Fed Cup di Rimini tra Italia e Stati Uniti. Aprono le danze la numero uno italiana e la due americane domani alle 15.00. Di seguito Vinci e Lepchenko. Domenica sfide invertite prima del doppio conclusivo. All'interno le parole delle protagoniste
venerdì, 8 Febbraio 2013

Tennis. Rimini (Italia). Si è svolto questa mattina alle 12.00, presso la Sala del Giudizio, al Museo della città di Rimini, il sorteggio del primo turno di Fed Cup tra Italia e Stati Uniti, che da domani si giocheranno la qualificazioni alla semifinale della massima competizione a squadre femminile. Apriranno il programma, domani alle 15.00, Sara Errani e Jamie Hampton, seguite da Roberta Vinci e Varvara Lepchenko. Poi domenica, dalle 13.30 sfide invertite con Errani – Lepchenko e Vinci – Hampton, prima del doppio conclusivo. I match saranno trasmetti in diretta da Rai Sport 2 e in differita da Supertennis. In fondo all’articolo trovate il riassunto del programma con i precedenti tra le protagoniste.

Contro gli Stati Uniti partiamo favoriti, ma si tratta di una sfida piena di insidie. Le tenniste azzurre sono forti, Errani e Vinci sono una certezza, non solo in doppio. Ma nello sport, e il tennis non fa certo eccezione, è ingenuo se non dannoso dare un risultato per scontato. Le partite vanno sempre giocate e se c’è una versione del tennis che lascia volentieri spazio alle sorprese è proprio quella delle manifestazioni a squadre. Molte volte nel corso della storia la Coppa Davis e la Fed Cup hanno visto tennisti di valore modesto giocare per ore alla pari con colleghi di ben altro valore e lignaggio.

Per questo il capitano azzurro Corrado Barazzutti, che ha vissuto tante vigilie e sa che non bisogna mai abbassare la guardia credendo di poter disporre a proprio piacimento dell’avversario, si è mostrato cauto nel presentare la sfida: «Siamo abituati alla pressione, la nostra squadra è molto forte e quindi rischia spesso di essere favorita alla vigilia. Ma le ragazze sanno come gestire questo tipo di pressione in tutti i match, per questo cercheranno di far valere i valori tecnici fino alla fine. Alla fine decide il campo e le partite sono tutte da giocare. Ogni volta vincere è difficile, anche questa volta sarà così. Ma ci siamo allenati duramente e siamo pronti. Negli ultimi anni non ricordo francamente un momento come questo, i risultati parlano chiaro: tre Fed Cup vinte, il doppio più forte del Mondo, Errani n.7 e Vinci n.16. Mai stati così forti».

Il peso della sfida è tutto su Sara Errani e Roberta Vinci. Sarita è felice di poter giocare a Rimini: «Come altra volte partiamo favorite, è una sensazione che abbiamo già provato. Ma attenzione, le statunitensi sono forti. Per me giocare a Rimini è come giocare a casa, molti amici mi vedranno dal vivo, spero che facciano un gran tifo a favore. Giocare qui mi fa più che piacere».

La Vinci è soddisfatta del 105 Stadium. La superficie, terra rossa indoor, favorirà le caratteristiche delle nostre giocatrici: «Ci siamo allenate bene, la struttura è molto bella. Siamo state bene in questi giorni a Rimini, il campo è in ottime condizioni e ci piace come sempre giocare in Italia. A Rimini tanti anni fa avevo giocato un torneo Itf da 75.000 dollari, l’atmosfera è positiva, speriamo di avere tanta gente che tifi per noi. Le avversarie? Con la Hampton non ci ho mai giocato così come contro la Lepchenko, che è una mancina molto insidiosa. La Hampton è andata forte in Australia, gioca molto bene d’incontro. La Oudin non la vedo sul circuito da molto tempo».

Karin Knapp probabilmente non giocherà un quindici ma il solo fatto di essere stata convocata è per lei una grande vittoria. Ancora non è riuscita a rientrare tra le prime 100 ma la convocazione in Fed Cup sarà una spinta per tornare a giocare il suo miglior tennis: «Sono stracontenta di essere qui a Rimini, anche perché ho passato momenti brutti di recente. Per me tornare a giocare a un certo livello è stata una bella cosa».

Nastassja Burnett, ventenne romana numero 155 del ranking, alla prima esperienza in Fed Cup, ha tradito una comprensibile emozione: «Sono molto contenta che Corrado mi abbia convocato, è davvero una grande esperienza potermi allenare con le altre ragazze, un modo per imparare tanto».

E le americane? Sanno di doversi superare per passare il turno ma non si danno per vinte. Al forfait di Serena e Venus Williams, si è aggiunto quello di Sloane Stephens. Una tegola per Mary Joe Fernandez, che sa benissimo di avere di fronte una montagna difficile da scalare: «Noi chiaramente puntiamo a vincere, anche se la squadra azzurra è davvero tosta. Il nostro è un buon team, che da un lato può vantare una certa esperienza, dall’altro presenta giocatrici all’esordio come Varvara Lepchenko e Jamie Hampton. Noi siamo pronte a fare il colpaccio. Sarà dura, ma non vedo l’ora di cominciare».

Per Varvara Lepchenko non è un esordio assoluto con la maglia del suo paese: «Sono molto felice di essere a Rimini. È la prima volta per me in Fed Cup ma ho già avuto, con la maglia statunitense, un’esperienza alle Olimpiadi; il clima è molto simile, anche se ai Giochi c’è più pressione».

Jamie Hampton è l’incognita della sfida. A Melbourne ha impressionato, sfiorando la vittoria al terzo turno contro la futura campionessa Victoria Azarenka. Anche lei è felice di far parte del gruppo: «È un onore giocare per il proprio paese, finora ho sempre viaggiato con il team, ma è la prima volta che sono convocata in squadra».

Melanie Oudin farà da spettatrice non pagante ma lei non sembra farci caso: «Mi piace giocare in Fed Cup, l’anno scorso non c’ero, sono davvero contenta di essere stata chiamata in nazionale».

La veterana della sfida è la trentaseienne Liezel Huber. La sua presenza sarà una risorsa preziosa per le americane che in doppio potranno contare sulla sua esperienza: «Sono onorata di poter far parte di una formazione molto giovane, la gara è difficile, ma la nostra squadra è forte. Sono contenta di giocare per la mia capitana preferita».

ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO DI ITALIA – STATI UNITI

sabato
dalle 15.00:
Sara Errani (ITA) c. Jamie Hampton (USA)
precedenti: 1-0
2010, Cincinnati, cemento – Errani b. Hampton 64 62

a seguire,
Roberta Vinci (ITA) c. Varvara Lepchenko (USA)
nessun precedente

domenica
dalle 13.30:
Sara Errani (ITA) c. Varvara Lepchenko (USA)
precedenti: 1-1
2009, New Haven, cemento – Lepchenko b. Errani 61 64
2008, Barcellona, terra battuta – Errani b. Lepchenko 64 75

a seguire,
Roberta Vinci (ITA) c. Jamie Hampton (USA)
nessun precedente

a seguire,
Nastassja Burnett/Karin Knapp (ITA) c. Liezel Huber/Melanie Oudin (USA)

 


Nessun Commento per “ITALIA - USA, APRONO ERRANI ED HAMPTON”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • USA DA STRAPAZZARE Nel week-end arriva la Fed Cup. L’Italia disputa il primo turno contro gli USA. La presenza di Errani e Vinci ci fa partire largamente favoriti, la semifinale è l’obiettivo minimo.
  • FED CUP, PARITÀ TRA ITALIA E USA TENNIS - Sara Errani vince il primo match nei quarti di finale di Fed Cup annichilendo Jamie Hampton in 62 minuti di gioco. 6-2, 6-1 il risultato finale. Partita mai in discussione, con […]
  • MARY JOE FERNANDEZ SFIDA L’ITALIA TENNIS – A due mesi dalla sfida di Fed Cup tra Usa e Italia, la capitana americana accende i fari sul match, appellandosi a Serena Williams: “Con lei in campo, saremmo noi le favorite”
  • L’ITF CAMBIA IDEA, FED CUP A CAGLIARI TENNIS – E’ ufficiale, la finale della cinquantesima edizione della Fed Cup si giocherà outdoor sulla terra rossa del capoluogo sardo il 2 ed il 3 Novembre. Le azzurre cercano il poker […]
  • ROTTA VERSO SAN DIEGO Si avvicina la finale della Fed Cup. Di nuovo opposte le azzurre e le statunitensi, ancora una volta orfane delle sorelle Williams. Andiamo alla scoperta delle otto protagoniste della […]
  • FED CUP: SORTEGGI SEMIFINALE WORLD GROUP Oggi i sorteggi per le due semifinali del World Group che sono certamente le sfide più importanti di questo weekend di Fed Cup. L'Italia inizia con Sara Errani contro Lucie Safarova e la […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.