ITALIA-USA, FLAVIA: “CHIEDO AL PUBBLICO DI FARE UN GRAN TIFO”

Partiti gli allenamenti per il team azzurro a Brindisi, Flavia Pennetta in campo con Sara Errani prova il doppio in attesa dell’arrivo di domani di Serena Williams, non accompagnata dalla sorella Venus.

Tennis. Rimangono veramente pochi giorni al via ufficiale dei play-off tra Italia e Usa: Sabato e Domenica la 14esima sfida tra le due squadre che non si sono mai affrontate per rimanere nel Gruppo Mondiale di Fed Cup. Intanto il forfait ufficiale di Venus Williams rilassa di più gli animi azzurri, Corrado Barazzutti: “L’assenza di Venus ci fa sperare, se non sbaglieremo nulla ce la possiamo giocare.”

Il capitano già in campo per i primi allenamenti, ripone la fiducia nella tenacia di Sara Errani, Flavia Pennetta, Camila Giorgi e Karin Knapp e spera inoltre nel calore del pubblico di casa Pennetta. La brindisina che già questa mattina ha pubblicato sul proprio profilo Twitter una foto del lungo mare di Brindisi insieme alle colleghe Errani e Knapp, si confessa felice per la scelta del circolo pugliese per questa sfida: “Giocare per l’Italia qui a Brindisi, nel mio circolo è per me una grande gioia. Noi daremo il massimo, sono molto contenta per il tutto esaurito: questo è già un successo. Chiedo a chi verrà qui di sostenerci fino alla fine, fare un gran tifo, ovviamente sempre nei limiti della correttezza.”
Mentre Sara Errani parla delle sue sensazioni per questa sfida: “Da parte mia c’è sicuramente un po’ di stanchezza, ho giocato molti tornei di fila ma sono contenta di essere a Brindisi; la squadra è carica e speriamo di far bene: la sfida è difficile con Serena, ma noi ci crediamo. Peccato per l’assenza di Roberta, ho provato il doppio con Flavia, ci avevo già giocato in passato, è andata bene.”

Il capitano Mary Joe Fernandez invece non va molto a fondo sulla questione Venus, ma si limita solo a spiegare che non si tratta di un infortunio per la statunitense, ma sarà assente per “motivi personali”. Dunque il team è tutto nelle mani della numero uno Wta che dovrà sicuramente giocare due match più un eventuale terzo in caso di pareggio; e finora non ha mai perso una partita in Fed Cup. “Penso che sia entusiasta di iniziare presto la sua stagione su terra, in vista degli Open di Francia –dichiara Mary Joe Fernandez riferendosi a Serena- arriva da campionessa di Miami, ed è buffo perché lei ama la terra rossa ma al Roland Garros non vanta molte vittorie. Ama giocare in Fed Cup e ogni volta che si gioca in casa mi domanda se possiamo giocare sulla terra, così io perplessa le chiedo se è quello che vuole veramente” –scherza la Fernandez, che poi parla anche del resto del team: “Christina ha sempre giocato bene in Fed Cup e la terra è probabilmente una delle sue superfici preferite. Alison è più una giocatrice da veloce, ma gioca bene in doppio. Infine Lauren la scorsa settimana ha fatto una buona prestazione sulla terra, ha battuto anche Eugenie Bouchard, è in fiducia. Dopo il sorteggio vedremo gli accoppiamenti.”
E la squadra avversaria, l’Italia? “Gli ultimi cinque o sei anni sono andate davvero bene”

Fiduciosa dunque Mary Joe Fernandez, affronterà il team azzurro con Serena al comando, Christina Mchale, Alison Riske e Lauren Davis al posto di Venus.

Foto: Flavia Pennetta (sito ufficiale Fed Cup)


Nessun Commento per “ITALIA-USA, FLAVIA: “CHIEDO AL PUBBLICO DI FARE UN GRAN TIFO””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.