ITALIANE ALLA RISCOSSA

TENNIS – Roberta Vinci, Flavia Pennetta e Karin Knapp. L’Italia manda in campo le sue tre sorelle nel Super Monday, per riportare una o più bandiere tricolori ai quarti di finale di Wimbledon, quattro anni dopo l’ultima volta. Tra le altre, Serena parte come al solito favoritissima contro la Lisicki, mentre Kvitova e Radwanska faranno bene a non sottovalutare i loro impegni
domenica, 30 Giugno 2013

Tennis. Londra (Gran Bretagna). Giornata storica questo lunedì primo luglio per il tennis femminile italiano. Abbiamo infatti ben tre portacolori agli ottavi e di conseguenza la concreta possibilità di riportare una o più ragazze ai quarti per la prima volta dal 2009, quando fu Francesca Schiavone a centrare l’impresa. Nessuna delle nostre parte favorita, ma allo stesso tempo tutte e tre hanno le armi per battere le rispettive avversarie. Andiamo però con ordine e analizziamo uno per volta tutti gli ottavi di finale femminili.

(1) Serena Williams vs (23) Sabine Lisicki [H2H 2-0]. La favorita numero uno del torneo, a cui molti addetti ai lavori hanno già consegnato la coppa, affronta la bionda tedesca, dal servizio solido e dai colpi pesanti. Sull’erba Sabine ha sempre espresso il meglio, raggiungendo anche la semifinale in questo torneo nel 2011. Tuttavia, domani, contro l’inarrestabile Serenona, sembra destinata a recitare il solito ruolo di vittima sacrificale. Percentuali: 99% Williams – 1% Lisicki

Laura Robson vs Kaia Kanepi [H2H 0-0]. Ottavo sorprendente, senza teste di serie coinvolte. La giovane inglese sta disputando un grande torneo e dopo aver superato Maria Kirilenko è riuscita a recuperare anche una partita quasi persa contro l’erbivora Erakovic. Ora affronta la Kanepi, reduce dall’eliminazione di Angelique Kerber al termine di una maratona. Sarà un braccio di ferro tra due grandi colpitrici. La diciannovenne di origini australiane, probabilmente, sull’erba ha qualcosa in più rispetto alla tennista estone, però dovrà limitare il più possibile gli errori. Percentuali: 55% Robson – 45% Kanepi

(4) Agnieszka Radwanska vs Tsvetana Pironkova [H2H 9-2]. Si conferma erbivora vera la bulgara Pironkova, già semifinalista nel 2010 e quartofinalista l’anno successivo. Domani affronta Aga, runner up nell’edizione 2012. I precedenti parlano chiaramente a favore della polacca, ma sull’erba sono più vicini (2-1, con un successo bulgaro l’anno scorso a Eastbourne e le due vittorie della Radwanska molto risalenti). Dovrà prestare la massima attenzione a questo match la numero 4 del mondo, perché la Pironkova sui prati è capace di battere quasi chiunque. Senza dubbio la Radwanska dovrà mandare in campo una versione di sé migliore rispetto a quella ammirata nell’ultimo impegno contro la Keys. Percentuali: 60% Radwanska  – 40% Pironkova

(11) Roberta Vinci vs (6) Na Li [H2H 0-2]. Ed eccola la prima italiana in tabellone. È anche quella con la miglior classifica e con l’ostacolo sulla carta più duro. Roberta Vinci non ha mai battuto Na Li fino ad ora, anche se nel 2011 a Madrid le ha dato discreto filo da torcere. La cinese sull’erba non è esattamente una scheggia e in questo torneo ha alternato buone cose a distrazioni pericolose, che al terzo turno l’hanno portata anche a due punti dalla sconfitta contro la non irresistibile Zakopalova. La tarantina ha le giuste armi per togliere il ritmo di cui la Li necessita per esprimere il meglio di sé. Tuttavia, per portare a casa la qualificazioni ai quarti di finale, Roberta dovrà giocare una partita quasi perfetta. Percentuali: 60% Li – 40% Vinci

Monica Puig vs (17) Sloane Stephens [H2H 0-0]. Altro ottavo, per metà molto sorprendente. Se infatti  non era blasfemo immaginare la Stephens nella seconda settimana, più complicato era prevedere la presenza della portoricana Puig, carnefice di Sara Errani al primo turno. Entrambe sono state salvate dal sopraggiungere dell’oscurità al terzo turno ed entrambe hanno indubbiamente una grande occasione (quasi sicuramente non l’ultima), per centrare un quarto di finale nel torneo più antico e affascinante del mondo. Pur trattandosi di un incontro tra pari età, è innegabile che la Stephens abbia un bagaglio di esperienza ben più pesante, potenzialmente decisivo. Percentuali: 55% Stephens – 45% Puig

(15) Marion Bartoli vs Karin Knapp [H2H 1-0]. Seconda italiana agli ottavi, la meno attesa alla vigilia: Karin Knapp. Per lei un ostacolo molto difficile, ma probabilmente non insormontabile come la Bartoli. La francese in questo torneo vanta una finale nel 2007, ma ultimamente non sta giocando al massimo delle sue possibilità e non ha una condizione fisica impeccabile. Karin invece si è ritrovata e sta giocando quasi al suo massimo. Importante per lei sarà spostare l’avversaria e sfruttare gli angoli, per evidenziare le carenze difensive della transalpina. Un fattore decisivo sarà la percentuale di prime di servizio, che la Knapp dovrà necessariamente mantenere alta. È un impegno molto complicato, ma per essere un ottavo di finale e alla luce della posizione occupata in classifica dalla tennista altoatesina (104) poteva capitare decisamente di peggio. Percentuali: 60% Bartoli – 40% Knapp

(8) Petra Kvitova vs (19) Carla Suarez Navarro [H2H 4-1]. Anche la Kvitova deve molto all’oscurità, che l’ha praticamente salvata nell’ultimo incontro contro Makarova. Ora per lei la spagnola Navarro, ormai una certezza ad alto livello su tutte le superfici. La ceca dovrà stare molto attenta a non regalare troppo, perché dalla sua avversaria omaggi sicuramente non ne avrà. Da quando è diventata favorita nella parte bassa, Petra però sembra sentire la pressione e ha ricominciato a sbagliare molto, troppo. Se la tennista iberica, dal rovescio fatato azzecca la tattica e fa muovere molto la sua avversaria, questa partita può anche regalare la sopresa. Percentuali: 55% Kvitova – 45% Suarez Navarro

(20) Kirsten Flipkens vs Flavia Pennetta [H2H 1-1]. Per la terza volta in carriera, Flavia proverà l’assalto ai quarti di Wimbledon. Tra le italiane è sicuramente lei quella con la partita maggiormente giocabile, anche se la Flipkens è ormai diventata una realtà dopo tanti anni tra infortuni e promesse non mantenute. L’italiana nell’ultimo incontro ha mostrato tanta grinta e anche una buona condizione fisica. Se confermerà quanto di buono fatto vedere, innalzando ulteriormente il suo rendimento da fondo, avrà molte possibilità di vendicare la sconfitta in rimonta patita dalla belga al primo turno del Roland Garros. Percentuali: 55% Flipkens – 45% Pennetta

Qui il programma completa

 


Nessun Commento per “ITALIANE ALLA RISCOSSA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • TUTTI ODIANO MARION BARTOLI TENNIS - Marion Bartoli ha conquistato Wimbledon vincendo con merito tutte le partite in campo. Eppure, secondo alcuni, la francese è indegna di figurare nel palmarés del torneo più […]
  • SERENA PESCA RADWANSKA, SHARAPOVA CON AZARENKA TENNIS - A Parigi sono stati sorteggiati i tabelloni della 112esima edizione del Roland Garros: la numero uno del mondo è stata abbinata nella potenziale semifinale alla Radwanska, mentre […]
  • È ANCORA AZARENKA – SHARAPOVA TENNIS – A Wimbledon , per il secondo Slam di fila le due campionesse dell’Est Europa vengono sorteggiate nella stessa metà di tabellone. Serena Williams quindi, viene abbinata ad […]
  • ‘SARITA’ CHIUDE L’ANNO CON IL BEST RANKING L’azzurra termina la sua stratosferica stagione centrando il miglior piazzamento di un'italiana a fine anno, con il sesto posto. Nella top ten perde due posizioni Petra Kvitova, mentre al […]
  • ITALIA A CASA: FUORI PENNETTA, VINCI E KNAPP TENNIS - Dopo un buon torneo Flavia Pennetta alza bandiera bianca e si arrende a Kirsten Flipkens, che passa 7-6 6-3 e vola per la prima volta in carriera ai quarti a Wimbledon. Si arrende […]
  • SERENA SUL VELLUTO, FUORI WOZNIACKI E RADWANSKA TENNIS - Nessun problema per Serena agli Internazionali BNL d’Italia: la statunitense vince agevolmente contro Laura Robson. Fuori a sorpresa Agnieszka Radwanska, eliminata dalla Halep. […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.