ITF VS MARIA SHARAPOVA…LA STORIA INFINITA

Continuano le polemiche tra l'ITF e Maria Sharapova. La Federazione Internazionale Tennis ha infatti deciso di controbattere punto per punto le accuse di Masha
sabato, 8 Ottobre 2016

Tennis – Oltre ad esprimere tutta la sua gioia per la riduzione della squalifica, decisa dal Tas di Losanna due giorni fa, Maria Sharapova non aveva risparmiato qualche frecciata alla Federazione Internazionale Tennis e alla sua gestione del Programma Anti-doping. La ITF non ha tardato a rispondere e, attraverso una dettagliata nota, respinge le varie critiche ricevute.

L’ITF non ha cercato di squalificare la Sharapova per quattro anniL’ITF ha dichiarato chiaramente che era di competenza del tribunale indipendente e, successivamente, della Giuria del TAS, che ha determinato la sanzione appropriata. La giuria TAS ha confermato la violazione della signora Sharapova del programma antidoping nel tennis e una sospensione di 15 mesi”.

Inoltre, continua l’ITF: “Ai legali della signora Sharapova è stata data la possibilità di opporsi alla nomina di ciascun membro del Tribunale, in anticipo rispetto all’udienza, ma hanno concordato per iscritto che non avevano obiezioni”.

“È stato accettato dalla signora Sharapova, nell’udienza davanti al TAS, che l’ITF non sapeva prima del 2016 in quale misura il meldonium fosse utilizzato dagli atleti provenienti da ogni regione, o che la signora Sharapova stesse usando il meldonium stesso. Oltre alla mancata segnalazione della signora Sharapova di fare uso di meldonium in ognuno dei test antidoping effettuati, il programma di monitoraggio WADA è stato condotto in forma anonima, quindi, anche la WADA stessa non conosceva i nomi degli atleti monitorati che utilizzavano sostanze. Inoltre, la WADA non informa tutte le organizzazioni antidoping circa la prevalenza di tale uso fino a che non pubblica i risultati del programma di monitoraggio, che per il programma 2015 di controllo è avvenuto a maggio 2016”.

L’ITF ritiene che siano state prese le misure appropriate per pubblicizzare le modifiche alla lista delle sostanze proibite 2016. Ciò nonostante, l’ITF ha esaminato, e continuerà a rivedere, i suoi processi per comunicare modifiche alla lista delle sostanze proibite per i giocatori, con l’obiettivo di garantire una completa informazione.


Nessun Commento per “ITF VS MARIA SHARAPOVA...LA STORIA INFINITA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.