JELENA JANKOVIC: “HO LAVORATO SODO PER TORNARE TRA LE MIGLIORI”

TENNIS – Il prepotente ritorno di Jelena Jankovic. La 28enne serba ha raccontato, in un’intervista riportata dal sito della WTA, il suo anno dal n°28 al n°8 del mondo, fino ai Championships di Istanbul.
martedì, 3 Dicembre 2013

Tennis. Il 2013 è stato un anno pieno di sorprese e di grandi ritorni, come quello di Jelena Jankovic. La serba, dopo un anno di rincorsa alla top 10, sente un pizzico di rammarico per aver perso in semifinale ai Championships WTA e questa è un’ulteriore testimonianza di quanto si astata fantastica la sua stagione. È stata lei stessa ad ammetterlo: a Gennaio, JJ non si aspettava di raggiungere Istanbul. Ma una stagione come questa non poteva non essere coronata da un posto nella manifestazione di punta del circuito WTA. La finale di Istanbul gli è stata però negata dalla n°1 assoluta, Serena Williams. Tuttavia quello che ha mostrato la serba nella capitale turca, insieme ai risultati che lì l’hanno portata, è di essersi meritata il prepotente ritorno al n°8 del ranking mondiale, suo miglior piazzamento dal 2010.

La ripresa è iniziata a Bogotà, dove la bella Jelena, a forte rischio di perdere anche il suo posto tra le top 30, ha chiuso i tre anni di astinenza da titolo, e da lì non si è più voltata per guardare indietro.

“Non è stato facile. Ero quasi sul punto di uscire dalla top 30”, ha detto la Jankovic . Ero al n°28 del mondo quando sono andata a giocare a Bogotá e dovevo difendere i punti della semifinale di Dubai, quindi se avessi perso, diciamo, al primo turno, sarei scesa sotto il 30° posto. Ho avuto un po’ di paura e pensavo: ‘dove sto andando, in che direzione sto andando, qual è il modo per ritrovare la chiave per tornare in pista ed essere la giocatrice che so di essere? Quelli erano i tempi in cui ho dovuto sedermi e cercare di risolvere un sacco di cose che non andavano bene.”

Il segreto di questa inversione di tendenza è stato senza alcun dubbio il duro lavoro: “Mio fratello mi ha seguita in questo percorso. Abbiamo lavorato molto duramente, e la stessa cosa con i miei hitting partners e con il mio team, ho continuato a lavorare ogni giorno”, ha riferito la 28enne. “Ho passato un sacco di ore sul campo e in palestra , ed ho cercato di migliorare. Credo sia stato il duro lavoro a portarmi risultati migliori. La mia fiducia è aumentata, ho trovato più convinzione. Ho iniziato facendo molto bene nei tornei più importanti, e questo mi ha dato speranza, mi ha dato una ragione per lavorare ancora di più. La motivazione è stata fondamentale, ho avuto fame di continuare a scalare posizioni in classifica e per migliorare”.

E migliorare è quello che ha fatto. Le performance incoraggianti a Indian Wells e a Charleston sono state seguiti da un quarto di finale al Roland Garros e da alcune impressionanti prestazioni sul cemento del Nord America e dell’Asia. Con questi risultati sullo sfondo la serbe vuole ricominciare la nuova stagione da dove ha lasciato.

“Finire questa stagione  a Istanbul e tornare in top 10 è un grande risultato per me”, ha detto la Jankovic. “Non vedo l’ora di giocare l’anno prossimo e di fare ancora meglio per essere di nuovo tra le giocatrici migliori. Adesso sto facendo una pausa per recuperare e rilassare la mente e il corpo, e dimenticarmi del tennis per un po’. Poi comincerò lavorare molto duramente per essere pronta ad inizio anno in Australia: il mio prossimo obiettivo è quello di far bene lì”.


1 Commento per “JELENA JANKOVIC: “HO LAVORATO SODO PER TORNARE TRA LE MIGLIORI””


  1. Pietro ha detto:

    Jelena, you have made a mistake. You failed to realize that you are already the best. You are the prettiest, with an impossibly sexy body and you have a wonderful personality and character. You are a wonderful person. THAT is what “best” means. Take care of that body pretty woman. It brings joy to all.


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.