KHACHANOV: “SAFIN E DEL POTRO I MIEI IDOLI”

Il russo ha rivelato che Safin e Juan Martin del Potro sono stati i suoi idoli quando era più giovane

Tennis. Il cammino del nostro Fabio Fognini in quel di Rotterdam si è arrestato già al primo turno per mano di Karen Khachanov. Il veterano ligure non è stato fortunato, se si considera che il russo era il primo giocatore a non essere incluso tra le teste di serie.

Fabio è un giocatore difficile da affrontare, può avere picchi di gioco molto alti e non per nulla abbiamo sostanzialmente la stessa classifica, ma per fortuna oggi ho avuto sempre la partita sotto controllo.

Sono contento perchè i i primi turni sono ogni volta molto complessi, visto che devi abituarti alle particolari condizioni di gioco del torneo.

Mi sono allenato bene dopo Melbourne e sono arrivato venerdì a Rotterdam per trovare ritmo e confidenza con i campi. In precedenza mi ero allenato duramente a Dubai in condizioni indoor“ – ha dichiarato il giovane moscovita.

La successiva domanda ha riguardato i suoi idoli di infanzia: “Sono cresciuto avendo come idolo Marat Safin ma poi col tempo lo è diventato Juan Martin Del Potro, guardavo tutti i suoi match.

Non mi ha però mai interessato essere simile a un campione del passato: molti mi comparano a Marat e per me è sempre un onore sentirlo. Lui è stato un numero 1 al mondo e ha vinto Slam“.


Nessun Commento per “KHACHANOV: "SAFIN E DEL POTRO I MIEI IDOLI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.