A KITZBUHEL OTTIMO LORENZI, DISASTRO ZVEREV. IN USA FUORI TOMIC

TENNIS - Paolo Lorenzi ritorna con una grande vittoria battendo per 6-2 6-3 l'olandese Robin Haase; ora affronterà Pablo Andujar. Ok Goffin, Monaco e Nieminen, Zverev raccoglie un game contro Schwartzman.
martedì, 29 Luglio 2014

Tennis. ATP 250 Kitzbuhel (Austria) – Si sono conclusi da poco i rimanenti primi turni del torneo ATP 250 di Kitzbuhel (terra, 426.605 €).

La vittoria più bella, quanto inaspettata, arriva dal nostro Paolo Lorenzi. Il tennista senese, attualmente n. 83 del mondo, ha battuto l’olandese Robin Haase, n. 61 e fresco semifinalista a Gstaad, con il netto punteggio di 6-2 6-3 in un’ora e 10 minuti di gioco di un incontro interrotto diverse ore all’inizio del secondo set a causa della pioggia. ‘Paolino’ può quindi gioire per una bella vittoria dopo un periodo abbastanza povero di successi, per di più contro l’olandese che questo torneo l’ha vinto per ben due volte in carriera, nel 2011 e 2012.
Lorenzi ha saputo gestire bene tutto l’incontro grazie a un buon servizio e alla sua varietà di colpi che ha messo presto in confusione un Robin Haase piuttosto falloso.
L’italiano strappa subito il break nel primo gioco, alla quarta occasione, e riesce a tenere il servizio. Sul 4 a 2 Lorenzi strappa di nuovo la battuta, a 30, e ha l’occasione di servire per il primo set: e lo fa, dopo aver salvato due palle break, aggiudicandosi la prima frazione per 6 a 2.
Lorenzi tiene duro anche all’inizio del secondo set e strappa subito, di nuovo, il break a 30. Sul 3 a 2 il match viene sospeso a causa della pioggia, che permette ai due giocatori qualche ora per rifiatare e meditare; alla ripresa, però, la musica non cambia e Paolo riprende da dove aveva iniziato chiudendo agevolmente secondo set e partita.
Al prossimo turno l’azzurro lo aspetta una sfida molto ardua contro Pablo Andujar, n. 44 del mondo e vincitore due giorni fa del torneo di Gstaad in finale contro Juan Monaco. Lo spagnolo è in una forma strepitosa e lo ha dimostrato anche oggi, liquidando il tennista di casa e ‘mostro sacro’ Jurgen Melzer con un facile 6-3 6-4.

Ritorna a vincere dopo tanto tempo in un torneo ATP anche il ventitreenne belga David Goffin: l’attuale n. 78 delle classifiche, dopo un periodo abbastanza buio, ha pensato bene di giocare tre challenger consecutivi su terra rossa, a Scheveningen, Poznan e Tampere, che ha vinto a mani basse senza mai perdere un set. Forte di fiducia e partite accumulate, oggi ha battuto facilmente il francese Kenny De Schepper con un netto 6-2 6-4; al prossimo turno sfiderà la tds n. 1 Philipp Kohlschreiber, degno test per capire il suo stato di forma per un’eventuale risalita.
Passa anche il finalista di Gstaad Juan Monaco, che passo alla volta sta ritrovando il suo tennis e la forma, pur in modo decisamente altalenante: per tutto il primo set, infatti, è stato alla mercé dell’avversario, il kazako Andrey Golubev, che è comunque stato esplosivo per quella frazione, dominando l’argentino con bolidi di dritto e un ottimo servizio, rifilandogli un sonoro 6-0. Monaco ha però saputo salire di livello e ha vinto i set successivi per 6-1 6-2 su un Golubev sempre più scarico. Al prossimo turno l’ex top-ten affronterà il finlandese Jarkko Nieminen, esecutore del russo Gabashvili con un doppio 6-4.

Pessima sconfitta, invece, per il campioncino tedesco Alexander Zverev, che oggi ha giocato un bruttissimo match senza apparente motivazione contro l’argentino Diego Schwartzman, 22 anni e n. 100 del mondo, che l’ha liquidato facilmente per 6-1 6-0 in 58 minuti. Un altro duro colpo – dopo l’ultima sconfitta al primo turno di Umag contro Montanes – per coloro che avevano gridato al Messia quando questo diciassettenne dai tratti botticelliani aveva raggiunto la semifinale della sua Amburgo, battendo Haase, Youzhny e Giraldo.
Il ragazzo è giovane e diventerà quasi sicuramente un campione; partite come quelle di oggi sono docce fredde salutari per far capire, a lui e a tutti, che c’è molto ancora da lavorare sul piano fisico e mentale, continuando a tendere al cielo ma con i piedi ben piantati per terra.

ATP Kitzbuhel – Primi turni:

D. Goffin b. K. De Schepper 6-2 6-4

P. Lorenzi b. R. Haase 6-2 6-3

J. Monaco b. A. Golubev 0-6 6-1 6-2

J. Nieminen b. T. Gabashvili 6-4 6-4

D. Schwartzman b. A. Zverev 6-1 6-0

P. Andujar b. J. Melzer 6-3 6-4

 

ATP 500 Washinghton (USA) – Stanotte sono terminati alcuni secondi turni del torneo ATP 500 di Washinghton (cemento | $ 1.399.700). Tra tutti spicca la sconfitta di Bernard Tomic, battuto per mano dell’uzbeko Denis Istomin con il punteggio di 6-4 7-6(6). Out anche il veterano ceco Radek Stepanek , battuto dal trentenne tunisino e n. 114 al mondo Malek Jaziri dopo una lunga battaglia con il punteggio di 2-6 7-6(3) 6-1. Altra uscita illustre quella del transalpino Jeremy Chardy, battuto in tre set tirati dal tennista di casa Tim Smyczek.

Bene il mago del servizio Ivo Karlovic, che supera il francese Benoit Paire al termine di una maratona incredibile e tre tie-break: 7-6(5) 6-7(11) 7-6(3) il risultato finale dopo 2 ore e 25 minuti di partita, dove la battuta esplosiva del trentacinquenne croato ha fatto la differenza.
Male invece il detentore del servizio più veloce di sempre, l’australiano Samuel Groth, battuto in tre set dall’israeliano Dudi Sela, che ha confermato il suo momento positivo.
Passa molto facilmente lo sloveno Lukas Lacko, che supera il taiwanese n. 42 del mondo Yen-Hsun Lu per 6-1 6-4 in appena 52 minuti; vittorie facili anche per Kevin Anderson (6-3 6-4 su Donksoy) e Lleyton Hewitt (vincitore qui 10 anni fa), che si giudica il derby australiano contro Marinko Matosevic, battendolo 6-4 6-3.
Bene gli americani Sam Querrey (6-3 6-4 sul connazionale Russell), Steve Johnson (in due set su Duckworth) e il giovane Jack Sock (7-6 6-4 sul tedesco Berrer). Passa il tedesco Benjamin Becker, che supera Blaž Kavčič in due parziali, mentre si ferma qui la corsa del connazionale Tobias Kamke, battuto in tre dal veterano della Repubblica Dominicana Victor Estrella Burgos.

ATP 500 Washinghton – Secondi Turni

S Querrey defeats M Russell 64 63

T Smyczek defeats (12) J Chardy 76(5) 36 64

(14) L Hewitt defeats M Matosevic 64 63

(7) K Anderson defeats E Donskoy 63 64

J Sock defeats M Berrer 76(2) 64

(9) I Karlovic defeats B Paire 76(5) 67(11) 76(2)

S Johnson defeats J Duckworth 63 76(4)

D Sela defeats S Groth 76(3) 36 64

(15) D Istomin defeats B Tomic 64 76(6)

M Jaziri defeats (11) R Stepanek 26 76(3) 61

V Estrella Burgos defeats T Kamke 62 46 76(4)

L Lacko defeats (16) Y Lu 61 64

B Becker defeats B Kavcic 63 76(7)


Nessun Commento per “A KITZBUHEL OTTIMO LORENZI, DISASTRO ZVEREV. IN USA FUORI TOMIC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.