KNAPP BENE A PARIGI, A PATTAYA AVANZANO LE RUSSE

TENNIS - A Parigi indoor Karin Knapp accede al secondo round dopo aver sconfitto 6-4 6-1 Lara Arruabarrena. A Pattaya avanza l’armata russa, mentre Kimiko Date-Krumm offre l’ennesima dimostrazione di carattere eliminando Garbine Muguruza.
martedì, 28 Gennaio 2014

PARIGI – Sul cemento indoor dello ‘Stade Pierre de Coubertin’ sono proseguiti i match di primo turno. Dopo la sconfitta rimediata ieri da Francesca Schiavone per mano di Anastasia Pavlyuchenkova, ci ha pensato Karin Knapp a tenere alta la bandiera dell’Italia. La numero 45 del ranking ha sconfitto l’ispanica Lara Arruabarrena per 6-4 6-1. Trovatasi sotto di un break, la Knapp si è rimessa in pari al quarto gioco per poi scappare sul 4-2. Riacciuffata sul 4-4, ha infine strappare la battuta alla spagnola al decimo game per il 6-4. Al che, la ripresa è finita nelle casse dell’italiana in appena venticinque minuti.

La sola testa di serie scesa in campo, la numero 16 del mondo Carla Suarez Navarro, non ha trovato nella qualificata Johanna Larsson una rivale in grado di impensierirla, così come la tedesca Andrea Petkovic ha redarguito comodamente la serba Bojana Jovanovski. Se la transalpina Alize Cornet è prevalsa su Magdalena Ribarikova, la Slovacchia si è riscattata con Daniela Hantuchova, la quale, pur beneficiando del ritiro della neozelandese Marina Erakovic, è approdata al secondo turno.

Open GDF Suez. Parigi. Francia. Primo turno:

Carla Suarez Navarro (Esp) [7] def. Johanna Larsson (Swe) [Q] 6-1 6-4

Karin Knapp (Ota) def. Lara Arruabarrena (Esp) [Q] 6-4 6-1

Daniela Hantuchova (Svk) def. Marina Erakovic (Nsl) 6-3 3-0 ret.

Andreat Petkovic (Ger) def. Bojana Jovanovski (Srb) 6-2 6-3

Alizé Cornet (Fra) def. Magdalena Rybarikova (Svk) 6-3 5-7 6-2

Yvonne Meusburger (Aut) def. Anna-Lena Friedsam (Ger) [Q] 7-5 6-1


PATTAYA – Nel torneo thailandese, orfano della sua prima forza, la tedesca Sabine Lisicki, ieri vittoriosa sulla croata Donna Vekic ma oggi costretta a dare forfait a causa di un infortunio alla spalla destra; avanza l’armata russa. Dopo la 500esima vittoria in carriera di Svetlana Kuznetsova, approdano al secondo turno anche Ekaterina Makarova, Elena Vesnina, Vera Zvonareva e Alla Kudryavtseva. Per motivi diversi, i quattro match che le ha viste protagoniste hanno suscitato un certo interesse. La sola ad aver sovvertito pienamente i pronostici è stata la Kudryavtseva. Attualmente numero 123 del ranking WTA, la la ventiseienne moscovita, tra l’altro proveniente dalle qualificazioni, ha battuto 6-4 7-5 la ventenne croata Ajla Tomljanovic, più avanti di lei di ben cinquantacinque posizioni. Meno inaspettata se considerato il ‘calibrodella giocatrice in questione, ma senza dubbio accolta con un certo sospiro di sollievo è stata la prima vittoria da quanto ha rimesso piede sul rettangolo di gioco di Vera Zvonareva. L’ex finalista di Wimbledon e degli US Open 2010,  omaggiata con una wild card dagli organizzatori, ha avuto ragione sulla sulla seppur modesta thailandese Peangtarn Plipuech, per 6-3 6-2. Al secondo turno la Zvonareva dovrà vedersela con la sua connazionale, nonché concittadina, Ekaterina Makarova. Solo al termine di due ore e diciassette minuti, alternate tra pianti e piccole crisi isteriche, la moscovita è riuscita a sbarazzarsi della numero 180 del mondo, l’ucraina Olga Savchuk. 3-6 6-2 6-4 lo score a favore della Makarova, irriconoscibile al pari della sua compagna di doppio Elena Vesnina; sopravvissuta a due ore e cinquantadue minuti di battaglia contro la statunitense Vania King. Nel caso della ventisettenne di Leopoli non ci sono state lacrime o racchette spaccate, bensì solo tanta confusione: dopo aver sperperato due palle set sul 5-4, la russa si è trovata trascinata in un tie-break dove ha dovuto a sua volta annullare un set point prima di chiudere in proprio favore la frazione per 8 punti a 6. Nella seconda manche la Vesnina ha quindi respinto tre set point sul 4-5 per poi rifugiarsi in un tie-break che l’ha vista issarsi sul 5-2 e lì bloccarsi, mentre la King è andata a prendersi il parziale per 7 punti a 5. Tanto l’inconcludenza della yankee, quanto l’esperienza della Vesnina hanno permesso a quest’ultima di afferrare il terzo set per 6-1.

Nessun patema invece per Sorana Cirstea che, dopo tre sconfitte in altrettanti primi turni, si è sbarazzata con il punteggio di 6-1 6-3 della slovacca Anna Schmiedlova. Sui campi in cemento del ‘Dusit Thani Hotel’ si è però registrata una sorpresa, vuoi perché il tabellone è stato privato della sesta testa di serie,  la ventenne nativa di Caracas ma con passaporto spagnolo Garbine Muguruza, vuoi perché l’autrice dell’eliminazione è la 43enne Kimiko Date-Krumm. La nipponica ha offerto l’ennesima dimostrazione di carattere, oltre che di amore verso il ‘nobil gioco’, alzando le braccia al cielo dopo due ore e cinquanta minuti di lotta; una piccola Odissea durante la quale ha annullato due match point, il primo sul 6-7 4-5, il secondo durante il tie-break della manche decisiva. Se la thailandese Luksika Kumkhum, ‘giustiziere’ di Petra Kvitova agli Australian Open si è arresa alla tedesca Julia Goerges, un’altra beniamina di casa, Nicha Lertpitaskinacha, ha rifilato un doppio 6-3 a Aleksandra Krunic.

E’ infine notizia di poche ore fa che la testa di serie numero due del seeding, Svetlana Kuznetsova si è ritirata dall’evento. Inizialmente si è vociferato di un infortunio alla schiena, in seguito pare invece che il motivo del forfait sia una contrattura al muscolo adduttore dell’anca.

Pattaya Open. Thailandia. Primo turno:

Sorana Cirstea (Rou) [3] def. Anna Schmiedlova (Svk) 6-1 6-3

Ekaterina Makarova (Rus) [4] def. Olga Savchuk (Ukr) [Q] 3-6 6-2 6-4

Elena Vesnina (Rus) [5] def. Vania King (Usa) 7-6 6-7 6-1

Vera Zvonareva (Rus) [W] def. Peangtarn Plipuech (Tha) [W] 6-3 6-2

Alla Kudryavtseva (Rus) [Q] def. Ajla Tomljanovic (Cro) 6-4 7-5

Kimiko Date-Krumm (Jpn) def. Garbine Muguruza (Esp) [6] 6-7 7-5 7-6

Julia Goerges (Ger) def. Luksika Kumkhum (Tha) 6-4 6-4

Tadeja Majeric (Slo) def. Su-Wei Hsieh (Tpe) 6-2 7-6

Nicha Lertpitaskinachai (Tha) [W] def. Aleksandra Krunic (Srb) [Q] 6-3 6-3

Alexandra Dulgheru (Rou) [Q] def. Yulia Putintseva (Kaz) 6-1 6-7 6-4



Nessun Commento per “KNAPP BENE A PARIGI, A PATTAYA AVANZANO LE RUSSE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ROBERTA VINCI CADE A DUBAI, MENTRE A RIO AVANZA LA BURNETT TENNIS - A Dubai Roberta Vinci incorre nella sesta sconfitta al primo turno di questo 2014; a batterla è Sorana Cirstea. Avanzano anche Makarova e Venus Williams. A Rio de Janeiro la […]
  • LI NA + CARLOS RODRIGUEZ DA 10 E LODE Un Australian Open da 10 e lode per la campionessa di questa edizione Li Na. Onore e meriti anche a Dominika Cibulkova ed Eugenie Bouchard. Deludono le big, mentre la maggior parte delle […]
  • SHARAPOVA E IVANOVIC AGLI OTTAVI, FUORI KERBER TENNIS - Al “Sony Open Tennis” di Miami, Maria Sharapova sconfigge la connazionale Elena Vesnina e raggiunge gli ottavi di finali dove affronterà Klara Zakopolava. La Kerber cede alla […]
  • ERRANI, SEMIFINALE SUDATA A PARIGI In tre ore la nostra numero uno consuma la vendetta contro Carla Suarez Navarro in un match sofferto in cui ha dovuto anche annullare un match point. In semifinale troverà la rivelazione […]
  • NEW HAVEN: KVITOVA E WOZNIACKI, ZAMPATE D’ESPERIENZA TENNIS - Petra Kvitova sconfigge Anastasia Pavlyuchenkova con il punteggio di 6-2 2-6 7-5. In semifinale affronterà Klara Zakopalova che ha avuto ragione della Vesnina. Nella parte alta […]
  • ARAVANE BATTE UN COLPO Sul cemento di Baku, la Rezai approfitta del ritiro della Vesnina e conquista i primi quarti di una stagione fin qui poco soddisfacente. Avanti anche la Pervak, mentre esce la Niculescu.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.