KREMLIN CUP, IL RITORNO FUGACE DI IVA MAJOLI

Alla Kremlin Cup la croata Iva Majoli torna in campo al fianco della russa Bukhanko nel torneo di doppio, ma per le due il torneo dura poco
mercoledì, 21 Ottobre 2015

Un rientro interessante, anche se poco fortunato. A 11 anni dal suo ritiro, l’ex tennista croata Iva Majoli sfrutta una wild card e torna in campo nella Kremlin Cup per giocare il torneo di doppio accanto alla 25enne russa Anastasia Bukhanko, n°930 del ranking WTA e tennista di livello ITF. Il torneo delle due non dura molto però perché l’inedita coppia viene sconfitta all’esordio dalla coppia Dabrowski – Olaru con il punteggio di 6-1, 6-4. Un ritorno al tennis sulla scia della collega svizzera Martina Hingis, ma non è ancora chiaro se la croata tornerà a giocare costantemente come la collega svizzera o se la sua sia stata soltanto un’apparizione fugace.

La 38enne viene ricordata proprio per aver negato ad una 16enne Martina Hingis la gioia del Grande Slam in quel 1997 nel quale alzò al cielo la Coupe Suzanne Lenglen dopo aver vinto uno storico Roland Garros, primo e unico titolo major della sua carriera. Un match che la 19enne croata dominò sfruttando bene i punti deboli della Hingis, che risentiva probabilmente di una brutta caduta da cavallo, e che chiuse in due set (6-4, 6-2). Vincitrice di  8 titoli WTA nel singolare, la croata ha battuto illustri colleghe Pierce, Sabatini, Arantxa Sanchez, Novotna e altrettanto importanti sono i suoi numeri in Fed Cup: ha partecipato ad 11 edizioni vincendo 15 dei 22 incontri giocati nel singolare. Dal 2012 collabora con la Federazione croata facendo da Capitano alla squadra di Fed Cup.

Una carriera senza infamia e senza lode per la veemente tennista di Zagabria che ha fatto della forza fisica e del ritmo incessante il punto di partenza per scalare la classifica WTA, raggiungere il suo best ranking al numero 4 ed arrivare al successo, tanto fulmineo quanto illusorio. Dedicarsi alla ‘bella vita’ ha certamente sancito il crollo delle aspettative e del rendimento della tennista che, non riuscendo a mantenere un livello accettabile, decide di ritirarsi nel 2004 a 27 anni. Probabilmente dopo la parentesi del WTA di Mosca tornerà a partecipare alle esibizioni del circuito delle Leggende, nelle quali ha sempre divertito, anche ultimamente facendo coppia con la francese Marion Bartoli.


Nessun Commento per “KREMLIN CUP, IL RITORNO FUGACE DI IVA MAJOLI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • WTA MOSCA, KREMLIN CUP: TRIONFO PAVLYUCHENKOVA TENNIS - Anastasia Pavlyuchenkova si aggiudica la Kremlin Cup, torneo WTA di Mosca. Battuta la romena Irina Camelia Begu 6-4, 5-7, 6-1
  • MARTINA HINGIS: L’ELETTA CHE NON INVECCHIERÀ MAI Martina Hingis, la Mozart della racchetta, una carriera fortemente voluta dalla madre ancora prima della sua nascita, un’ascesa e una caduta che pare affondare le proprie radici nelle […]
  • MARTINA HINGIS, L’ELETTA TENNIS - Martina era ancora nel grembo materno quando la sua genitrice aveva già deciso che sarebbe diventata una campionessa di tennis. Dotata di un talento incommensurabile, Martina […]
  • WTA, DOVE PORTA IL RANKING DI FINE ANNO? Tutti a caccia della Halep, dalle big alle rising stars. La WTA si conferma un mondo precario, il 2019 si prepara ad altre mille sfaccettature.
  • IL ‘QUASI SLAM’ DI MARTINA HINGIS Soltanto cinque tennisti, tra uomini e donne, sono riusciti nell'impresa di vincere nello stesso anno tutti e quattro i tornei major. Qualcuno ci è andato vicinissimo, ma per colpa di una […]
  • YEVGENY KAFELNIKOV, UN PROFESSORE ARMATO DI KALASHNIKOV È stato il primo russo a raggiungere la prima posizione del ranking Atp. Sei vittorie slam, due in singolare e quattro in doppio, ottenute nell’epoca di Agassi e Sampras. Poi la medaglia […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.