LA COPPIA FOGNINI-BOLELLI PORTA IN ALTO L’ITALIA AGLI AUSTRALIAN OPEN

Australian Open in salsa agrodolce per i colori azzurri. Dopo l'illusorio exploit di Andreas Seppi e la buona prova non concretizzata con una vittoria da Paolo Lorenzi proviamo a consolarci col doppio. Simone Bolelli e Fabio Fognini sono ai quarti di finale del doppio maschile!

TENNIS – Chi si aspettava un Fabio Fognini finalmente protagonista in questo primo Slam stagionale è rimasto parzialmente deluso. Parzialmente perchè è stato si eliminato in singolare dal colombiano Alejandro Gonzalez, numero 107, per 4-6 6-2 6-3 6-4, in due ore e 25’, ma è saldamente ai quarti nel doppio con l’amico Simone Bolelli. Fogna, che nel suo match perso in singolare, dopo un primo set pressochè illusorio per i suoi tifosi, ha perso concentrazione e grinta, cedendo le tre successive frazioni. Nella quarta ha annullato un primo match point sul 5-3 e un secondo sul 5-4, prima di consegnare il match a Gonzalez.

Tutt’altra storia, come dicevamo, nel torneo di doppio. La coppia azzurra di Davis si è qualificata ai quarti battendo agevolmente 6-4; 6-2 la coppia formata dall’austriaco Oliver Marach e dal neozelandese Michael Venus. Il successo fa il paio con quello ottenuto con Klaasen/Paes al primo turno e proietta i nostri ai quarti contro Cuevas/Marrero, un duo competitivo anche sul veloce. Per Fabio e Simone si aprono spiragli interessanti nella parte alta del tabellone, privata dei gemelli Bryan sconfitti (questa si una novità) da Inglot e Mergea 7-6; 6-4. Quest’ultimi contenderanno un posto in semifinale agli specialisti Rojer e Tecau.

E’ durato un set e mezzo (tra l’altro ogni più rosea aspettativa) il sogno di Simone Bolelli contro Roger Federer. Nel secondo turno degli Australian Open, il tennista bolognese ha messo in difficoltà il campione svizzero aggiudicandosi il primo set 6-3, prima di cedere alla rimonta dell’ex numero uno del mondo, che vinto gli altri parziali per 6-3, 6-2, 6-2.  Proprio a fine gara Simone aveva già provato ad analizzare al meglio questa debacle per riprendere e bene il cammino in doppio con Fognini. “Ho tenuto bene per un set e mezzo, fino a quando mi ha fatto il break. Poi lui mi è andato via. Nel terzo e quarto set pensavo di poter giocare meglio, di metterlo più in difficoltà. Dopo che aveva perso il primo set avevo notato che si era innervosito. Mi hanno condizionato molto i due break presi in apertura di terzo e quarto set, quando un avversario come Federer ti scappa in avvio diventa ancora più difficile. Cosa mi manca? L’abitudine ad affrontare match così duri, devo migliorare molto nella gestione di partite come quella di oggi controFederer. Un conto è giocare due su tre, un altro al meglio dei cinque. Non solo fisicamente, ma anche mentalmente. Però quando spingo al massimo posso dire la mia”.

Forza ragazzi, l’impresa non è poi così tanto lontana!

 


Nessun Commento per “LA COPPIA FOGNINI-BOLELLI PORTA IN ALTO L'ITALIA AGLI AUSTRALIAN OPEN”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di mAGGIO 2019

  • Serena vede "rosso". Al Foro Italico si è ritirata inaspettatamente per un risentimento al ginocchio, ma "Little Sister" non si arrende e ora punta diritta verso il Roland Garros.
  • Federer torna sulla terra. Anche Roma è rientrata nella programmazione di "King Roger" in vista del French Open. A seguito della sua partecipazione, la Fit ha addirittura aumentato il prezzo dei biglietti!
  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.