“LA FORTUNA DI NADAL? I SUOI INFORTUNI”

Il maiorchino sarebbe diventato più forte grazie ai diversi periodi di stop avuti nel corso degli anni. Lo sostiene una psicologa spagnola dello sport che analizza l’atteggiamento del giocatore di fronte ai momenti di difficoltà, dicendo che Rafa ha trovato la motivazione proprio nelle avversità
mercoledì, 17 Dicembre 2014

TENNIS – “La fortuna di Nadal? E’ nei suoi infortuni”. Non è un gioco di parole, ma l’originale teoria di Patrizia Ramirez, psicologa spagnola dello sport. In un’intervista a puntodebreak.com, la Ramirez analizza la carriera del maiorchino, sostenendo che i tanti infortuni avuti negli anni lo hanno reso psicologicamente più forte e motivato. E quindi più vincente. “La gente mantiene la motivazione e continua a lottare perché ha una ragione, un’illusione o qualcosa da fare”, dice la psicologa che ha lavorato in squadre di prima e seconda divisione di calcio e in vari sport come appunto tennis, sci, ciclismo, nuoto e altri ancora.

La ragione di Nadal sarebbe legata alla sua passione che lo porta sempre a voler superare se stesso. Insomma gli infortuni sono stati la motivazione di Rafa, la spinta che lo ha portato a rialzarsi sempre e a lottare per qualcosa di ancora più importante. La prova è data dal modo in cui il maiorchino è riuscito sempre a superare i periodi di stop, tornando a giocare un livello di tennis sempre altissimo. Nadal insomma è stato bravo perché, invece di arrendersi di fronte alle avversità, le ha trasformate in punto di forza e in una ragione per andare sempre oltre.

“Il primo infortunio è il più difficile per un giocatore di tennis professionista – continua la psicologa – ma quando in tutta la carriera ne hai avuto tanti e sei tornato più forte di prima alla fine pensi che questo fa parte del gioco”. La Ramirez analizza un’intervista rilasciata da Rafa a “El Pais Semanal” in cui il giocatore dice di non essere una persona sicura di sé in tutte le circostanze della vita. “Mi costa molto prendere decisioni, però quando gioco, nei momenti importanti ho la determinazione di farlo”. Proprio questo atteggiamento umile, dice ancora la psicologa, “consente a Nadal di essere sempre in allerta e quindi ancora più attento ai dettagli in modo che non si possa fallire”. In altre parole Rafa è uno che riesce a vedere il bicchiere sempre mezzo pieno anche quando la sfortuna sembra accanirsi contro di lui.

Prima ancora degli infortuni lo prova la grinta che ha sempre messo in campo. Che sia un lottatore lo si è sempre capito dal suo modo di affrontare gli incontri, anche prima che gli infortuni torturassero la carriera. Ma parlare di fortuna in relazione ai periodi di stop forse non farebbe piacere a nessun giocatore. La motivazione la danno già a sufficienza le vittorie.


Nessun Commento per “"LA FORTUNA DI NADAL? I SUOI INFORTUNI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.