SFILATA DI CAMPIONI AL CANOTTIERI ANIENE

La suggestiva cornice del Salone d’Onore del Coni ha ospitato la sontuosa cerimonia di premiazione dei campioni Aniene nel 2010 sportivo. Intanto il Circolo più vincente d’Italia continua a collezionare successi
giovedì, 3 Marzo 2011

Roma – Una storia ultracentenaria fatta di vittorie, un’anima sociale e sportiva che dal 1892 è sinonimo di impegno e passione in tutto il mondo. Questo, in sintesi, il senso che ha accompagnato la cerimonia di premiazione degli atleti del Circolo Canottieri Aniene vittoriosi nel 2010 a livello olimpico ed internazionale, una serata di gala ospitata per la prima volta nel prestigioso Salone d’Onore del Coni. Oltre agli atleti e ai dirigenti, numerose le personalità di rilievo intervenute alla cerimonia: il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport Rocco Crimi, il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, il vice-Presidente del CIO Mario Pescante e, ovviamente, il Presidente del Coni Gianni Petrucci. A fare gli onori di casa il Presidente Giovanni Malagò, le cui parole di benvenuto hanno riassunto il valore di una serata che ha certificato il ruolo preminente dell’Aniene nel panorama sportivo nazionale: “Il Canottieri Aniene è un club e una società sportiva insieme, due facce del nostro sodalizio che vivono in simbiosi e perfetta armonìa. Nella classifica uscita nel 2009 sui migliori circoli in Italia, Londra, New York e Parigi, l’Aniene è risultato al primo posto per importanza e riconoscimenti ma, soprattutto, nessun altro in classifica è un circolo sportivo.”

Il medagliere dalla canoa alle paralimpiadi Tra le eccellenze sportive che hanno reso onore ai colori del Circolo spiccavano le presenze femminili di Federica Pellegrini, Alessandra Sensini e Josefa Idem, quest’ultima campionessa italiana K1 sui 500 metri e finalista mondiale di canoa. Insieme a lei, premiati nella stessa disciplina anche la coppia Matteo Brilli-Raffaele Cicala, tre titoli italiani K2, ed Elisabetta Introini-Norma Murabito-Cristina Petracca e Carolina Acucella, 9 titoli K4 under 23. Nel canottaggio, Andrea Palmisano e Vincenzo Capelli, entrambi oro mondiale under 23 nel 4-, campioni italiani assoluti nel 4+ e campioni italiani under 23 nel 2-. Insieme a loro, riconoscimenti anche ai successi di Elia Luini, Niccolò Mornati, Raffaello Leonardo e Gaetano Iannuzzi. Accolta da un’ovazione, Federica Pellegrini ha celebrato l’oro nei 200 stile libero ai Campionati europei di Budapest, l’ennesimo sigillo di una carriera da fuoriclasse. Nel nuoto premiati anche i due ori di Valerio Cleri e i due argenti di Giorgia Consiglio. A chiudere le celebrazioni degli sport acquatici, i riconoscimenti alla coppia Leonardo Cucchiara-Edoardo Mancinelli Scotti – argento mondiale 420 – ad Alessandra Sensini – argento mondiale RSX – e a Vasco Vascotto, vincitore del Mondiale Rolex Farr40 Worlds, del Rolex Trophy One Design Farr40 a Sidney e del Campionato Europeo dei Farr40 a Porto Rotondo. Il velista e consocio, assente alla serata perché impegnato in regata negli Stati Uniti, ha iniziato nel migliore dei modi anche il 2011, vincendo il titolo Farr40 degli Australian Championship con l’imbarcazione Nerone. Il capitano Marco Barbiero, il d.s. Sergio Soderini e Vincenzo Santopadre hanno poi rappresentato la squadra maschile di tennis campione d’Italia di Serie A1, forse il successo più sospirato degli ultimi anni per il sodalizio di Giovanni Malagò. Grandi applausi infine per le premiazioni paralimpiche agli atleti Massimo Romiti, Andrea Palatrani, Luca Agoletto, Paola Protopapa e Salvatore Cimmino. Appena un mese fa Cimmino si è poi reso protagonista di una storica impresa, concludendo come unico partecipante diversamente abile il percorso della maratona acquatica “Santa Fè-Coronda”, lungo il Rio Paranà, nelle acque argentine, in 5 ore e 43 minuti. 

Ancora successi… Quelle di Vasco Vascotto e Salvatore Cimmino non sono le uniche vittorie targate Aniene in questi primi due mesi del 2011. Ad esse bisogna aggiungere il successo di Flavia Pennetta, in coppia con Gisele Dulko, nel doppio femminile degli Australian Open, primo Slam della stagione tennistica, e lo splendido argento ai Campionati di Trieste della giovanissima Malvina Catalano Gonzaga, in quello che è stato il primo impegno nazionale assoluto della neonata “sezione Tuffi”.

Nella foto, il tavolo della presidenza con Malagò, Letta, Petrucci e Alemanno


Nessun Commento per “SFILATA DI CAMPIONI AL CANOTTIERI ANIENE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.