L’ALTRO AUSTRALIAN OPEN: TRA DOPPIO E JUNIOR

TENNIS – Agli Australian Open 2015 il primo verdetto incorona la coppia di doppio femminile formata da Bethanie Mattek-Sands e Lucie Safarova, mentre per la categoria junior trionfano Roman Safiullin e Tereza Mihalikova
sabato, 31 Gennaio 2015

Melbourne (Australia) – A Melbourne Park arrivano i primi verdetti. Oltre ai grandi campioni e alle grandi campionesse del singolare c’è un altro Australian Open che merita di essere considerato. Si è giocata ieri la finale del doppio misto che ha incoronato Bethanie Mattek-Sands e Lucie Safarova mentre nella notte italiana sono state premiate due stelle emergenti per la categoria boys e girl: Roman Safiullin e Tereza Mihalikova.

Il primo titolo ha premiato una coppia che non si conosceva prima e non si era mai allenata insieme, quella di doppio femminile formata dalla statunitense Bethanie Mattek-Sands e dalla ceca Lucie Safarova. Le due hanno superato Chan Yung-jan e Zheng Jie con il punteggio di 6-4, 7-6 (5). E’ la prima volta che una coppia ‘nuova’ vince un titolo del Grande Slam da quando, nel 2007, la francese Nathalie Dechy la russa Dinara Safina conquistarono il titolo degli US Open. Le due hanno deciso di giocare insieme così per caso. Si sono frequentate per un po’ nella off-season perché l’allenatore della Safarova è amico del marito della Mattek-Sands e così è nata la ‘pazza idea’ che ha portato le due a vincere un major. Se la ceca può finalmente vantare il suo primo titolo dello Slam non è lo stesso per la statunitense che vinse il doppio misto a Melbourne nel 2012 in coppia con il tennista rumeno Horia Tecau.

Nella notte italiana è stato incoronato il campione tra i ragazzi, titolo andato al grande favorito, la testa di serie n°1 Roman Safiullin. Il 17enne ha battuto il sudcoreano testa di serie n°7 Seong-chan Hong, con il punteggio di 7-5, 7-6 (2) in un match che ha opposto la tecnica dell’asiatico alla grande forza fisica del russo che a fronte del doppio degli errori non forzati rispetto al suo avversario ha messo in campo anche il doppio dei vincenti. Ha fatto tutto lui, nel bene e nel male, comandando il match fino alla fine. Nasce quindi una nuova stella, classe 1997, grande servizio, grande forza e un idolo incontrastato: Novak Djokovic. Un cenno all’azzurro Andrea Pellegrino che è entrato nel main draw ma è stato eliminato al primo turno dall’uzbeko Karimov.

Si conclude anche il torneo junior femminile che ha visto trionfare la 16enne slovacca Tereza Mihalikova sulla britannica Katie Swan 6-1, 6-4. Grande sorpresa per l’unseeded n°56 del mondo che prima di oggi non aveva mai superato il secondo turno in un Grande Slam. Si spengono le aspettative riposte invece nella Swan che non ha mollato e ha sperato fino all’ultimo di diventare la prima ragazza britannica a vincere il titolo da quando fece l’impresa Annabel Croft nel 1984. Ha annullato due match point, uno dei quali con un delizioso drop shot, ma nonostante il suo gioco di classe non è stata in grado di superare la slovacca che ha messo in fila quattro punti consecutivi portandosi a casa la corona. Grande determinazione per la Mihalikova che ha preso grande coraggio dal secondo difficile turno nel quale ha sconfitto la testa di serie n°2 Jil Teichmann. La slovacca fa già parte del team Junior di Fed Cup ed è la prima tennista del suo paese a vincere un titolo juniores agli Australian Open. Tanti rimpianti per la nostra unica forza nel tabellone principale, Bianca Turati, che ha ceduto al primo turno, ma in tre set, a Violet Apisah.


Nessun Commento per “L’ALTRO AUSTRALIAN OPEN: TRA DOPPIO E JUNIOR”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.