LARGO ALLA STRANA COPPIA: CONNORS – BOUCHARD

Per cercare di invertire la rotta nel suo disastroso 2015, Genie Bouchard chiede aiuto a Jimmy Connors. La collaborazione tra i due parte come “temporanea” e limitata allo Us Open. Se son rose…
venerdì, 28 Agosto 2015

TENNIS – Una nuova, strana, coppia sembrerebbe sul punto di fare irruzione, anche se soltanto brevemente, stando agli accordi, nel mondo del tennis mondiale. Eugenie Bouchard, finalista di Wimbledon nel 2014 ed ex numero 5 del mondo, per ovviare alla crisi di risultati nella quale è imprigionata da mesi, avrebbe chiesto aiuto niente meno che a Jimmy Connors, otto volte campione slam, nonché una delle personalità più forti della storia del nostro magnifico sport.

La 21enne canadese e Jimbo, avrebbero sottoscritto un accordo di collaborazione temporanea, “a breve termine”, come ha fatto sapere ieri la compagnia che si occupa delle pubbliche relazioni e dell’immagine della Bouchard. Tra i due, ci sarebbe “un’amicizia che dura da qualche anno” e durante lo Us Open, visto che Jimbo sarà a New York, i due stanno lavorando insieme, almeno nel corso della settimana che precede l’ultimo slam della stagione e fin quando Genie resterà in corsa. Nel corso della sua giovane carriera, la canadese ha raggiunto almeno le semifinali in tre slam su quattro (tutte l’anno scorso). Quello che manca è proprio il major della Grande Mela, nel quale il miglior risultato raggiunto sono gli ottavi di finale, datati sempre 2014.

Per cercare di migliorare il suo record newyorchese, ma soprattutto per invertire la rotta di una stagione disastrata più che disastrosa, la bella canadese si è affidata ad un autentico specialista dello Us Open come Connors, vincitore di questo torneo in cinque occasioni. Un record di affermazioni nella grande mela che Jimbo condivide con Roger Federer. L’esperienza da coach dell’ex campione americano è legata soprattutto al nome di Andy Roddick, allenato dal 2006 al 2008. L’altra esperienza importante, almeno per il blasone della assistita, è quella sulla panchina di Maria Sharapova, una alla quale la Bouchard è stata più volte paragonata. Quella collaborazione però, non diede i frutti sperati, dato che fu interrotta di comune accordo dopo appena una partita, persa per altro. Genie, reduce dalla rottura del disastroso sodalizio con Sam Sumyk, soffiato alla Azarenka ad inizio anno, si augura che la partnership con Jimbo, seppur al momento “a breve termine”, possa avere un esito migliore rispetto a quella tra Connors e Masha.


Nessun Commento per “LARGO ALLA STRANA COPPIA: CONNORS - BOUCHARD”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.