LAURA ROBSON SCIOGLIE LE RISERVE, TUTTO PRONTO PER TORNARE

Dopo il brutto infortunio che l'ha tenuta fuori dai campi per 16 mesi, l'ex N.1 britannica Laura Robson si riaffaccia al circuito WTA alle soglie di Wimbledon
giovedì, 11 Giugno 2015

Tennis. La ex N.1 britannica Laura Robson sembra finalmente aver sciolto le riserve per un ritorno nel circuito WTA: dopo l’infortunio al polso destro che l’ha costretta ad un lungo stop (non gioca dagli Australian Open 2014), considerando che il problema si era già manifestato nella stagione 2013, la voglia di tornare ai suoi livelli è tanta, con le pressioni dell’ambiente che si fanno sempre più insistenti viste le grandi speranze che il tennis britannico riponeva nella coppia formata da Heather Watson e la stessa Robson.

La 21enne britannica aveva già nei mesi scorsi fatto intravedere una possibilità di rientro fin dai tornei di Indian Wells e Miami del mese di Marzo, eppure è anche comprensibile una maggiore cautela per evitare dannose ricadute che, nonostante la giovane età, farebbero perdere un’ulteriore dose di fiducia e di occasioni per tornare al vertice.

A proposito della questione Robson si è espressa Judy Murray, capitano della Nazionale britannica femminile:”Laura è stata lontana dai campi da gioco per ben 16 mesi per cui la voglia di tornare è grande. Credo che possa accedere alle qualificazioni a Birmingham ed a Eastbourne. Si è allenata di nuovo al “National Tennis Centre” e rivederla così è davvero molto bello. Sicuramente è importante la programmazione dopo un infortunio del genere, anche perché non si può rischiare di forzare qualcosa che ha dato tutti quei problemi; lei e la sua squadra devono essere assolutamente certi.”

La Robson è diventata un grande punto di riferimento per il tennis di oltremanica dopo la conquista del titolo di campionessa nella categoria Junior a Wimbledon 2008 e dopo aver conseguito il titolo di N.1 nazionale. Nonostante i segnali incoraggianti arrivati da Judy Murray, l’ennesimo ritardo nella discesa in campo non ha lasciato indifferenti i media, visto che la Robson aveva basato una buona campagna pubblicitaria su un suo esordio a Nottingham prima di cancellarsi dal draw femminile appena 24 ore prima del suo nuovo esordio, nonostante il ritiro sia stato sostenuto anche dalla stessa Murray:”Già di per se sarà una rincorsa molto complicata per arrivare a Wimbledon come si deve: si gioca ogni settimana ed è necessario non perdere colpi, con il rischio anche di arrivare stanchi all’impegno più importante, soprattutto se gli ultimi mesi non sono stati dei più facili. Proprio per quello che faccio, per le giovanissime che potrebbero scegliere il tennis professionistico in futuro, trovo che il dualismo Heather(Watson)-Laura(Robson) sia importante, visto che sono sicuramente due grandi modelli per il nostro sport; giovani e diverse tra loro ma molto genuine ed attaccate alle loro radici. Una nuova svolta nella loro stagione, oltre che nella loro carriera, non può che essere positiva per tutto il sistema tennis che rappresentano, oltre che per loro stesse”.


Nessun Commento per “LAURA ROBSON SCIOGLIE LE RISERVE, TUTTO PRONTO PER TORNARE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.