L’AUSTRALIAN OPEN DELLE LEGGENDE

I preparativi fervono e i migliori atleti del mondo sono concentrati per il primo slam della stagione. Ma, dal 1969 a oggi, i campi della terra dei canguri sono stati calcati da tennisti che sono entrati di diritto nella leggenda.
sabato, 11 Gennaio 2014

TENNIS – Il 13 gennaio, data di inizio degli Australian Open, si avvicina inesorabilmente. I tennisti sono già pronti a tentare la scalata al primo major della stagione, Novak Djokovic insegue il quo quarto successo nella terra dei canguri e Serena Williams il suo sesto alloro a Melbourne. Ma chi sono i tennisti più importanti, quelli che hanno fatto la storia del primo slam della stagione? Una risposta tenta di darla il sito Bleacherreport.com che fa la sua classifica delle leggende dell’era Open che hanno calcato e conquistato i campi di Melbourne Park.

Sembra molto strano, ma nella top ten delle leggende dell’AusOpen non figurano tennisti del calibro di Bjorg Borg, John McEnroe, Chris Evert, Jimmy Connors, Pete Sampras e Billie Jean King perché molti di loro non hanno preso parte a questo slam durante i migliori anni della carriera e perché – scopriremo – ci sono tennisti che sono andati molto oltre le loro prestazioni in Australia. Nella top ten non è presente neanche l’attuale numero uno del mondo Rafael Nadal. Il maiorchino ha vinto una sola volta in Australia, può conquistare altri titoli, ma rispetto a certi mostri sacri, per una volta, il suo score è quasi insignificante.

La classifica è composta da 13 giocatori a causa di un ex aequo decimo posto occupato da Ken Rosewall, Martina Navratilova e Martina Hingis. Ken Rosewall vinse solo due titoli nell’era Open (gli altri due risalgono infatti all’era pre Open) rispettivamente nel 1971 e nel 1972. Importante, in questo caso, fu il significato storico delle sue vittorie. Nel 1971 vinse battendo in fila Roy Emerson, Tom Okker e Arthur Ashe negli ultimi tre atti del torneo e senza perdere nemmeno un set. Aveva 36 anni. E ne aveva 37 quando, nel 1972, rivinse lo slam australiano perdendo due soli set in tutto il torneo e vincendo il suo quarto AusOpen a distanza di 18 anni dal primo (1953 era pre Open). Martina Navratilova giocò l’Australian Open solo 9 volte a dispetto dei 23 tornei di Wimbledon disputati, trionfando tre volte. La ceca americana entrò, suo malgrado, nella leggenda nel 1984 con la sconfitta in semifinale contro Helena Sukova, che interruppe una striscia di 74 vittorie consecutive in Australia. Martina Hingis vanta un altro record. La svizzera vinse il torneo in tre edizioni consecutive, dal 1997 al 1999. Nel 1997 non perdette nemmeno un set, mentre nel 1999 battè Steffi Graf e Monica Seles. Inoltre, la svizzera ex numero uno del mondo aggiunse alle finali disputate e vinte in questo triennio altre tre finali nel triennio 2000-2002 perse sempre all’ultimo atto.

Al nono posto c’è l’australiano Rod Laver. Il suo unico titolo in Australia è importante per tre motivi. Uno, fu il primo slam dell’era Open in Australia (1969) ed il primo major conquistato da Rod Laver nell’anno del suo secondo Grande Slam. Due, nel 1969 Laver sconfisse i migliori tennisti del suo tempo per conquistare il primo slam dell’anno. Si tratta di Roy Emerson, Fred Stolle e Tony Roche, quest’ultimo battuto in una semifinale da 90 game. Terzo motivo, forse il più banale. Lo stadio della finale del 2014, come il altre occasioni, si chiama Rod Laver Arena. Non a caso verrebbe da dire.

L’ottavo posto spetta a Vonne Goolagong Cawley. Anche la tennista aborigena, come la Hingis, vinse tre edizioni consecutive, alle quali se ne aggiunse un’altra nel 1977 quando si disputarono due AusOpen durante la stagione e quando la Vonne vinse sette mesi dopo aver partorito. Inoltre, perse tre finali dal 1971 al 1973. I suoi trionfi furono impreziositi dalle sconfitte inferte a Chris Evert nella finale del 1974 e Martina Navratilova in quella del 1975 (anche se la Navratilova aveva ancora 18 anni ed era a inizio carriera). Fu la prima aborigena a vincere un titolo del grande slam.

Il settimo posto ci porta all’era contemporanea. Andrè Agassi ottenne in Australia i suoi maggiori successi. Su otto titoli dello slam portati a casa quattro sono AusOpen. Gli ultimi tre slam vinti dal kid di Las Vegas furono conquistati a Melbourne Park. E Andrè vanta anche il record di nessuna sconfitta in finale, dove ha fatto quattro su quattro. L’ultimo suo trionfo, datato gennaio 2003, Agassi lo portò a casa a 32 anni e in maniera abbastanza netta, perdendo due soli set nel torneo e battendo in finale Rainer Shuettler con il punteggio di 6-2, 6-2, 6-1.

Sesto posto per Roger Federer, vincitore anch’egli di quattro AusOpen. Nel 2007 lo svizzero vinse il torneo senza perdere un set. Il suo score in finale parla di quattro vittorie e una sola sconfitta. Quella del 2009 contro Rafael Nadal in cui lo svizzero finì in lacrime. Si rifece l’anno dopo, vincendo in tre set contro Andy Murray dopo aver stabilito il record di 23 semifinali consecutive nei tornei del grande slam.

La top five ci porta a celebrare le gesta di un’altra donna. Monica Seles giocò gli AusOpen solo quattro volte fra il 1988 e il 1998 vincendo tutte e quattro le edizioni cui prese parte. Un record del 100% di vittorie per la tennista che forse più di tutte avrebbe potuto fare la storia di questo sport e di questo torneo se non avesse avuto il famoso incidente dell’aprile 1993.

Quarto posto per Steffi Graf e quattro successi anche per lei. Nel 1988 l’AusOpen fu il primo atto del suo Grande Slam. In questa edizione e in quella del 1989 la tedesca non concesse neanche un set alle avversarie, battendo in finale Chris Evert e Gabriela Sabatini. Nel terzo trionfo consecutivo l’attuale compagna di Andrè Agassi concesse un solo set alle avversarie. I suoi tre titoli consecutivi a Melbourne (il quarto arrivò nel 1994) furono parte di una striscia di otto titoli dello slam vinti in nove major giocati.

Andiamo ora sul podio con la terza posizione di Novak Djokovic. Il serbo supera in classifica atleti ben più titolati di lui, ma ciò che Nole è stato un grado di fare sui campi di Melbourne ha diritto di entrare nella storia. Nel 2008 battè Roger Federer in semifinale e poi ottenne il suo primo slam nella finale contro Jo Wilfred Tsonga. Negli ultimi tre anni ha battuto due volte Andy Murray e una Rafa Nadal (2012). La vittoria contro i maiorchino è considerata una delle partite più belle, oltre a essere la più lunga in una finale slam. E la vittoria ai quarti dello scorso anno contro Stanislas Wawrinka è stata una della più belle partite della passata stagione. Con un eventuale successo del tennista di Belgrado entrerebbe nella storia. Nessuno infatti è mai riuscito a vincere quattro edizioni consecutive e nell’era Open e nessuno, fra gli uomini, ne ha vinte cinque in totale.

Secondo posto per Margaret Court, cui oggi è intitolato uno dei campi di Melbourne Park. La tennista nata ad Albury vinse 4 AusOpen. Nel solo 1969 si giocò l’unico torneo cui presero parte anche le migliori tenniste dell’epoca, da Billie Jean King a Rosi Casals per arrivare a Ann Haydon Jones. Considerando però anche l’era pre Open, i trionfi di Margaret Court furono undici con una sola sconfitta su dodici finali giocate (1968 contro Billie Jean King). La vittoria del 1970 fu, anche per lei, il primo passo verso la conquista del suo personalissimo Grande Slam. Ma il primo posto è di Serena Williams. La statunitense ha vinto, nell’era Open, ben cinque Australian Open, unica atleta donna o uomo che sia, ad essere riuscita in questa impresa. Serenona è favorita anche quest’anno. Non ha mai perso una finale nelle cinque disputate. La sua vittoria di maggior peso è quella del 2007. Serena veniva da un biennio non positivo in cui, causa infortuni e poche motivazioni, si iscrisse al torneo come numero 81 del ranking e battendo tutte le teste di serie ebbe accesso alla finale, in cui inflisse una dura sconfitta (6-1, 6-2) alla testa di serie numero 1 Maria Sharapova. Da allora sono arrivati altri nove titoli dello slam fra cui altri due in Australia. Se, a 32 anni suonati, Serenona vincesse il suo sesto AusOpen, stabilirebbe due record. Sei titoli a Melbourne e tennista più anziana a trionfare nella terra dei canguri. Questa è storia. La storia dell’Australian Open.


Nessun Commento per “L'AUSTRALIAN OPEN DELLE LEGGENDE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • L’ORO DEGLI AUSTRALIAN OPEN In questa galleria ripercorriamo i campioni storici dello Slam australe: da Jack Crawford a Novak Djokovic, senza perderci naturalmente Laver, Agassi e Federer
  • SI SALVI CHI PUÒ Il fatidico 21-12-2012 si avvicina inesorabile. Nel frattempo, noi proseguiamo nel nostro arduo tentativo di salvare il salvabile. Dopo ‘I Quattro Moschettieri di Francia’, Don Budge, […]
  • GLI “IMMARCESCIBILI” A Wimbledon abbiamo assistito ai trionfi di Roger Federer e Serena Williams, due arzilli ultra-trentenni ormai sulla cresta dell'onda da più di una decade. Prima di loro, anche altri […]
  • AUSTRALIAN OPEN: DATI E STATISTICHE Giunti ad un passo dall'inizio dell'Australian Open 2012, andiamo ad analizzare le statistiche e i record delle edizioni passate. Serena Williams la più vincente tra le donne, Agassi e […]
  • STEFFI GRAF: “SERENA WILLIAMS PUÒ BATTERE TUTTI I RECORD” TENNIS – In un’intervista riportata da The Age, la tedesca Steffi Graf ha riposto tutte le sue speranze in Serena Williams, convinta che se si manterrà in salute potrà battere tutti i […]
  • NAVRATILOVA, L’EX CAMPIONESSA CHE HA BATTUTO IL CANCRO L’ex tennista Martina Navratilova, a pochi giorni dal suo 60esimo compleanno ricorda il suo impegno sociale nella lotta per il cancro al seno

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.