LE RIVALITÀ DEL FUTURO: SPICCA SIMONA HALEP CONTRO SLOANE STEPHENS

Tennis- Dopo una stagione dominata dalle solite note, desta curiosità sapere quali potranno essere le prossime coppie di rivali che infiammeranno il circuito Wta
martedì, 10 Dicembre 2013

Tennis. L’avevamo già affrontato con il tennis maschile il tema delle rivalità che caratterizzeranno l’anno prossimo, stesso discorso volto al futuro può essere esaminato nel tennis femminile. Il mondo Wta è stato dominato quest’anno da una costanza imbarazzante di Serena Williams, quello che ha lasciato libero Serena è stata soprattutto Victoria Azarenka a prenderselo; tante finali ma poche vittorie invece per la terza “incomoda” Maria Sharapova. E allora, dando per certa la presenza al vertice della Williams nel 2014, anche se magari non come dominatrice assoluta, e volendo considerare come rivalità principale quella dell’americana con la sua nemesi siberiana, Sharapova, quali potranno essere i duelli che infiammeranno il prossimo anno e in generale gli anni avvenire?

L’Azarenka, numero 2 del mondo, sarà sicuramente protagonista della rivalità con la Williams e con la Sharapova, ma all’orizzonte si potrebbe affacciare anche quella con Petra Kvitova. La ceca è numero 6 del mondo, quest’anno ha vinto 2 titoli del circuito ed è stata capace di battere la numero 2 del mondo per 4 volte su 6 incontri. Dalla 23enne è atteso quindi il salto in avanti per tornare a toccare i livelli del 2011, in cui vinse Wimbledon. Per farlo dovrà sfruttare la capacità di saper vincere su tutte le superfici e soprattutto il suo gioco tra i più variabili del circuito. L’Azarenka, 24 anni, ovviamente partirà dalla sua tenacia e fermezza nei momenti chiavi, dalla costanza e dalla continuità, non a caso ha già partecipato alle semifinali di tutti e 4 gli slam, e ovviamente dal suo talento. Con l’atteso ritorno della Kvitova potrebbe essere questa la new entry interessante che spezzerebbe la monotonia del solito terzetto che ha comandato l’annata appena finita. Spulciando la top ten può essere formulata poi un’altra coppia interessante e che potrebbe spezzare il duopolio di cui sopra. Agnieszke Radwanska contro Sara Errani, numero 5 del mondo contro numero 7. Entrambe a caccia di rivincite, entrambe partite benissimo nel 2013 ed entrambe non hanno avuto i successi sperati, anche se la polacca può vantare due quarti di finale slam. La Radwanska partirebbe avanti ma dalla Errani è attesa la stagione del ritorno ai livelli del 2012, dopo quella di assestamento nella top ten vissuta nel 2013.

L’assalto alla top ten è poi guidata da quella che probabilmente sarà la coppia che si spartirà i successi negli anni avvenire. Simona Halep, numero 11 del mondo, e Sloane Stephens, numero 12. La rumena classe 1991 si è imposta nel 2013 vincendo tre titoli e salendo dalla posizione numero 47 di fine 2012 alla 11; insieme alla Stephens (nata nel 1993) sono la speranza per il tennis del futuro. Sono loro i volti nuovi che s’imporranno, la Halep lo ha già in parte fatto nei tornei minori, mentre la Stephens, alla quale manca ancora il successo, si è mostrata già pronta in quei tornei dove di solito il braccio può tremare un po’: semifinale agli Australian Open (eliminando Serena Williams) e un quarto di finale a Wimbledon. Entrambe hanno il carattere per diventare le certezze del futuro, entrambe la tecnica e la copertura del campo come punti di forza. Tanto nella rincorsa alla top ten lo faranno gli stimoli, con la Halep che per quanto fatto parte forse un gradino sopra la collega nella caccia al successo.


Nessun Commento per “LE RIVALITÀ DEL FUTURO: SPICCA SIMONA HALEP CONTRO SLOANE STEPHENS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.