FUOCHI D’ARTIFICIO AL LEMON BOWL

Livello altissimo espresso dai protagonisti del torneo nazionale a partecipazione straniera di scena nei circoli romani di New Penta 2000, Eschilo 2, Le Volpi e Palocco. I tabelloni giungono ai quarti di finale
martedì, 3 Gennaio 2012

Dopo una giornata, quella di ieri, complicata da tempo uggioso e campi pesanti, oggi il sole ha riscaldato i circoli impegnati ad ospitare l’edizione 2012 del Lemon Bowl Babolat. E insieme al bel tempo, si è visto davvero del gran tennis. Nonostante la giovane età, i protagonisti dei tabelloni principali del torneo nazionale giovanile a partecipazione straniera stanno infatti facendo strabuzzare gli occhi a pubblico e ad addetti ai lavori. Difficile credere che scricchioli del genere possano tirar fuori un gioco così tecnicamente valido, ma il livello della competizione aumenta di giorno in giorno; segno tangibile che il tennis ha di fronte a sé un futuro davvero roseo.

Già dai draw under 8 (al via quest’oggi) e under 10 si è ammirato uno spettacolo eccezionale, con alcuni protagonisti in grado di giocare colpi al limite del professionismo, per impostazione stilistica, precisione e potenza.

Anche l’Under 12, che oggi ha consumato il turno degli ottavi, è un continuo di match interessantissimi. Riccardo Perin (in forza al Greenland), testa di serie n.1 del tabellone maschile, ha raggiunto i quarti grazie ad una prova d’autorità su Gianmarco Ortenzi (Nomentano Club), ed ora affronterà Erik De Santis (CooPesaro) in quella che è stata definita dall’ex “pro” e coach di Perin Valerio Carrese “una finale anticipata”. L’allenatore del numero 1 del seeding ha poi commentato le doti del suo allievo: “Sono pochi mesi che seguo Riccardo ma già abbiamo allenato molto il servizio. Sul diritto stiamo invece cercando di cambiare pian piano l’impugnatura, che ritengo sia un po’ troppo estrema. Riccardo si allena spesso sul veloce, perché credo sia fondamentale crescere su tutte le superfici. Io sono stato numero 3 a livello europeo under 12 e under 14 e ho raggiunto solamente il numero 700 Atp. La mia speranza è di crescere Riccardo senza commettere gli errori che ho commesso io nella mia carriera.”

Ma il match di giornata è stato quello che ha visto opposti Marco Furlanetto (TC Marina di Massa, nella foto) e lo spagnolo Luca Checchia Adel. Dopo aver subito il tennis potente dell’avversario l’italiano classe 2001 ha arginato il gap nel primo set (2-4), prima di imporsi con lo score di 75 63, mostrando un gioco davvero sopra le righe.

Prestazioni maiuscole anche per Costanza Traversi (Tc Spezia) e Giulia Peoni (Tc Marina di Massa), rispettivamente teste di serie n.1 e 2 del tabellone U12 f. Niente da fare invece per Giuseppina Miccio (Fontana TC) che, dopo aver confezionato una bella prova contro Martina Meo (Latiano CT) si è arresa a Elisabetta Cocciaretto, la tennista di Porto San Giorgio che già nel primo round di ieri aveva dimostrato di avere una marcia in più.

Sui campi in cemento dell’Eschilo 2 si sta invece svolgendo il torneo Under 14, dove i favoriti Rosanna Maffei (Avellino Academy) e Riccardo Balzerani (Salaria tennis) si sono qualificati per i quarti di finale lasciando due e tre giochi rispettivamente a Dalila Giurgola (RM Sport Cellino) e Corrado Summaria (Rende TC).

Fra i più “grandicelli” si registrano le vittorie del n.1 U16 m Bernabè Zapata Miralles e di Gianmarco Moroni che, nonostante sia ancora categoria Under 14, si è iscritto al tabellone superiore. Proprio sul giovane talento del TC Parioli si è espresso l’ex calciatore e direttore sportivo del club romano Zibi Boniek: “Il nostro fiore all’occhiello al TC Parioli sono i giovani – racconta Boniek –. Tra tutti Gianmarco Moroni, che ha la fortuna di essere nato con un grande talento e con i genitori giusti; ma ce ne sono tantissimi altri sui quali stiamo lavorando bene e che sono il nostro futuro. Il Lemon Bowl è una stupenda manifestazione che seguo ormai dal 1986, da quando accompagnavo mia figlia. E’ davvero bello vedere tutti questi ragazzi all’opera, alcuni dei quali sono tecnicanente molto bravi.”

Foto Fioriti Adelchi


Nessun Commento per “FUOCHI D'ARTIFICIO AL LEMON BOWL”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.