LIMOGES: SCHIAVONE IN SEMIFINALE, DODIN PIEGA KONJUH

Sul cemento francese sarà derby tra la sorpresa Oceane Dodin e Kristina Mladenovic. Francesca Schiavone in semifinale affronta Smitkova. A Taipei Diatchenko elimina Kumkhum.

LIMOGES – Semifinali allineate all’Open GDF Suez de Limoges. Il primo quarto in programma ha visto fronteggiarsi la 20enne ceca Tereza Smitkova e la 25enne ucraina Lesia Tsurenko. A fare la partita ed a vincerla è stata la Smitkova che, nonostante una flebile reazione della Tsurenko nel secondo set, ha posto fine alla disputa in 72 minuti di gioco con il punteggio di 6-2 6-3. Il pubblico francese ha quindi gioito per il successo della 18enne Oceana Dodin, eccellente nel redarguire la non ancora 17enne croata Ana Konjuh. 7-5 6-3 lo score a favore della Dodin che nell’arco di questa stagione si è aggiudicata i $10.000 di Antalya e Amarante, il $25.000 di Shrewsbury ed è reduce da una finale disputata, seppur persa, contro Timea Babos al $100.000 di Poitiers; dopo comunque aver battuto avversarie quali Anna Schmiedlova e Tereza Smitkova. A questo in semifinale sarà derby tra Oceane e Kristina Mladenovic, quest’ultima svettata 6-2 7-6 su Yulia Putintseva. L’unico incontro sceso in campo ha reso nota l’avversaria della Smitokova, ossia la 34enne milanese Francesca Schiavone. La campionessa del Roland Garros 2010 ha esposto il cartellino rosso alla lucky loser olandese Richel Hogenkamp. 6-4 7-6 lo score fissato sul tabellone segnapunti da Francesca che, nonostante qualche difficoltà al servizio, ha ingranato “quella marcia in più” nei momenti caldi del match.

Open GDF Suez de Limoges. Limoges. Francia. Quarti di finale:

Kristina Mladenovic (Srb) [9] def. Yulia Putintseva (Kaz) 6-2 7-6

Francesca Schiavone (Ita) def. Richel Hogenkamp (Ned) [L] 6-4 7-6(2)

Oceane Dodin (Fra) [W] def. Ana Konjuh (Cro) 7-5 6-3

Tereza Smitkova (Cze) def. Lesia Tsurenko (Ukr) 6-2 6-3

 
TAIPEI – E’ in dirittura d’arrivo anche l’OEC Taipei WTA Challenger. Prosegue la marcia della testa di serie n°1, la tedesca Anna-Lena Friedsam che, opposta alla fresca vincitrice di Ningbo Magda Linette, dopo essersi intascata il primo set al tie-break per 7 punti a 0, si è aggiudicata la seconda manche 6-4. Il tutto in 1 ora e 46 minuti di gioco. In semifinale si troverà dall’altra parte della rete non la quarta testa di serie, Alla Kudryavtseva, bensì la wild card di casa Yung-Jan Chan, prevalsa con il punteggio di 6-3 3-6 6-1. La parte bassa del seeding premia invece Vitalia Diatchenko Ana Bogdan. La 24enne di Sochi si è sbarazzata della seconda forza del seeding, la thailandese Luksika Kumkhum con un comodo 6-2 6-3; mentre la rumena, proveniente dalle qualificazioni, ha depennato la testa di serie n°3 Saisai Zheng per 6-7 6-1 6-4 dopo una lotta lunga 2 ore e 30 minuti.

OEC Taipei WTA Challenger. Taipei. Cina. Quarti di finale:

Anna-Lena Friedsam (Ger) [1] def. Magada Linette (Pol) 7-6(0) 6-4

Vitalia Diatchenko (Rus) [8]  def. Luksika Kumkhum (Tha) [2] 6-2 6-3

Ana Bogdan (Rou) [Q] def. Saisai Zheng (Chn) [3] 6-7(3) 6-1 6-4

Yung-Jan Chan (Tpe) [W] def. Alla Kudryavtseva (Rus) [4] 6-3 3-6 6-1


Nessun Commento per “LIMOGES: SCHIAVONE IN SEMIFINALE, DODIN PIEGA KONJUH”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.