L’INTENSO 2015 DI AMELIE MAURESMO

La ex numero uno del mondo la prossima stagione sarà chiamata a ricoprire il doppio ruolo di allenatrice di Andy Murray e capitano di Fed Cup. Una posizione stimolante, ma potenzialmente scomoda, visto che il campione scozzese ha deciso di continuare la collaborazione, rinunciando invece a due membri storici del suo staff
giovedì, 4 Dicembre 2014

Il 2015 si avvicina e, come sempre, arriva il momento di organizzarsi per affrontare il nuovo anno e i nuovi progetti che arrivano con esso. Quelli che verranno si preannunciano 365 giorni complicati e pieni per la ex numero uno del mondo Amelie Mauresmo, la quale, recentemente, è stata confermata sia da Andy Murray, come coach per la prossima stagione, che dalla Federazione francese di tennis come capitano di Fed Cup per i prossimi due anni.

La bicampionessa di Slam transalpina è alla guida della nazionale femminile di tennis dall’edizione del 2013, quando prese il posto di Nicolas Escudè, mentre siede sulla panchina del campione scossese dallo scorso giugno. Tuttavia, fino a questo momento, i due ruoli non si sono mai accavallati, visto che l’ultimo impiegno delle giocatrici Blues, risale allo scorso aprile, quando la Francia colse la vittoria contro gli Stati Uniti nei playoff promozione per entrare nel World Group. Quest’anno invece, Amelie sarà chiamata ad effettuare le convocazioni e a sedersi sulla panchina della Francia già il prossimo 7 e 8 febbraio, nella sfida che vedrà impegnate le francesi contro l’Italia, a Genova. Dovesse (speriamo di no) superare le nostre rappresentati, la Mauresmo sarebbe impegnata anche in aprile con la semifinale ed eventualmente con la finale, a novembre.

Andy Murray ha deciso di dare piena fiducia alla ex campionessa francese nella prossima stagione, decidendo di interrompere la collaborazione con lo storico sparring Dani Vallverdu e dal preparatore atletico Jez Green. Ovviamente, Vallverdu e Green dovranno essere sostituiti da altri due collaboratori, ma la scelta di cambiare è stata presa di comune accordo con l’allenatrice e dimostra in un certo senso la stima che lo scozzese nutre nei confronti della Mauresmo: “Ci siamo seduti tutti insieme e abbiamo ritenuto che un cambiamento fosse la cosa migliore per tutti”.  Una scelta, se vogliamo, controcorrente, che ha fatto storcere la bocca a molti osservatori, a cominciare da Tim Henman, secondo il quale la francese suggerirebbe troppo frequentemente al campione di Wimbledon 2013 una tattica eccessivamente difensiva. “Se gioco in maniera molto difensiva è per una mia libera scelta”, ha risposto Murray al suo illustre connazionale. “Non certo perché lei mi obbliga a farlo”.

D’accordo con la scelta di Andy si è detto invece il suo ex mentore Sergio Casal, uno che ha allenato Murray in gioventù, nella sua accademia di Barcellona: “Da campioni di questo calibro si può sempre imparare. Andy prima aveva Ivan e adesso ha Amelie”. E sulla separazione da Vallverdu: “Sono stati insieme per così tanto tempo, ma talvolta per fare un passo avanti è necessario cambiare”.

La collaborazione con la Mauresmo fino a questo momento ha condotto a risultati alterni. Nel finale di stagione sono arrivati tre titoli, fondamentali per la qualificazione al Master di Londra, ma non di eccezionale prestigio. Nelle prove importanti, durante il 2014, Andy è sempre mancato, con, o senza Amelie. Ora sarà interessante vedere quali saranno gli effetti della cura francese sul campione di Dunblane, con una preparazione completa, già iniziata in questi giorni, ma che andrà avanti in Florida dopo la fine delle partite dell’IPTL. Il 2015 sarà dunque l’anno della verità per dare un reale giudizio sulla collaborazione. E occorrerà anche vedere come la Mauresmo riuscirà a conciliare il ruolo di allenatrice di un top ten, con quello di capitano di Fed Cup, un incarico che va ben oltre gli obblighi di convocazioni per le partite e che potrebbe esporla anche alle pressioni della stampa francese, che si sommerebbe a quella, ovvia, alla quale la sottoporranno i britannici. In bocca al lupo, Amelie!


Nessun Commento per “L’INTENSO 2015 DI AMELIE MAURESMO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.