LJUBICIC SU FEDERER: “GIOCA FINO A CHE SI DIVERTE E SENTE BENE”

Ivan Ljubicic parla di Federer, del futuro e della data di ritiro dello svizzero
venerdì, 13 Aprile 2018

Tennis. L’occasione è stata l’inaugurazione del nuovo centro di allenamento di Riccardo Piatti, storico coach di Ivan Ljubicic, senza dubbio l’allievo più noto e di successo. A sua volta, non poteva non diventare uno straordinario maestro, come dimostrato con Raonic prima e Federer poi.

Una partnership eccellente, come rivela in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, che non ha una data di fine certa: “Giocherà fino a che si divertirà e si sentirà bene in campo, non abbiamo mai parlato di una fine”.

Un Ljubicic che ha parlato del ruolo di professionista nel tennis e dei sacrifici da fare:  La mia opinione è che se vuoi fare qualcosa nel tennis devi essere pronto a viaggiare. Lo sport è così, non puoi stare a casa. La più grande differenza (rispetto alla carriera da tennista) è che quando sono a casa ora, lo sono realmente. Non devo allenarmi o fare altro. Di conseguenza spendo dei momenti di qualità con mia moglie e i miei figli”.

Sul ruolo nello specifico di allenatore questa è la sua idea: “Nel coaching del livello più alto, devi ascoltare tanto. Non puoi essere egoista. La cosa più importante è capire il giocatore. Ascoltare all’inizio, ma poi ascoltare in linea generale per capirlo e aiutarlo. Quando cominci con un giocatore come Milos a metà stagione, non puoi arrivare e dire ‘Voglio cambiare tutto, perché è così che facevo questo’. Sento che non funziona così. Un giocatore esperto ha la propria tattica e le sue idee, e tu devi scegliere cosa può avere l’impatto più grande sul suo gioco o sul risultato”.


Nessun Commento per “LJUBICIC SU FEDERER: "GIOCA FINO A CHE SI DIVERTE E SENTE BENE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.