LLLEYTON HEWITT: “NON C’É SOLO KYRGIOS”.

Lleyton Hewitt si traveste da profeta, parla del futuro del tennis in Australia e risponde alla domanda su chi possa diventare numero 1 Atp. Nick Kyrgios e Thanasi Kokkinakis sono due certezze. Ma l’ex numero 1 del mondo non esclude nemmeno Bernard Tomic.
martedì, 2 Dicembre 2014

Tennis – Il tennis in Australia è sport di grande tradizione. Ma al momento non è ancora chiaro chi sarà il vero erede di Pat Rafter, John Newcombe e Lleyton Hewitt sulla poltrona di numero 1 Atp. Proprio il vincitore di Wimbledon 2002, ormai anziano saggio del tennis australiano, prova a rispondere a questa domanda. E lo fa senza troppi fronzoli esprimendo tre nomination: “Nick Kyrgios, Thanasi Kokkinakis e il tanto disprezzato Bernard Tomic”.

E se sui primi due le aspettative sono tante, su Tomic i dubbi si rincorrono. L’attuale numero 56 del mondo ha giocato una seconda parte di stagione decisamente migliore rispetto alla prima metà. A gennaio era stato operato all’anca e il suo rientro a Miami si era concluso con una batosta subita in 28 minuti da Jarko Nieminen. È lo stesso LLeyton Hewit, comunque, a sciogliere queste perplessità: “Non escluderei Bernie” – dice Lleyton Hewit a Fairfax Media – “sono rimasto molto colpito da come ha giocato bene a Wimbledon contro Thomas Berdych. Penso che abbia molti margini di miglioramento”.

Parole che rispondono perfettamente ai fatti. Bernard Tomic ha evidenziato uno buono stato di forma a partire da luglio, mese in cui ha vinto il difficile torneo di Bogotà riportandosi sotto in classifica (56) e tallonando lo stesso Hewitt (50) e Nick Kyrgios (52).

“È facile dimenticarsi di Tomic quando hai davanti lo spettacolare Nick Kyrgios. Ma non bisogna tralasciare il fatto che ha compiuto 22 anni. Bernie è un giocatore unico” – continua Hewitt – “e negli ultimi due anni ho imparato a conoscerlo meglio e mi trovo molto bene con lui. Ci siamo allenati qualche volta insieme, mi piacerebbe aiutarlo, ma sono ancora là fuori a giocare”.

Il rapporto professionale e di amicizia tra i due si nota in modo particolare quando Lleyton Hewitt dribla in maniera netta la domanda sulla squadra di Coppa Davis e sulle presunte critiche mosse dal capitano Pat Rafter nei confronti dell’etica del lavoro di Tomic: “Difficile da dire perché io non lo vedo allenarsi, non vedo quello che fa in palestra. L’unica cosa che posso dire è che può migliorare in questo aspetto”.

Infine c’è la questione coach. Il papà di Bernard, John, a quanto pare non verrà sostituito nonostante il tennista nato a Stoccarda abbia provato a lavorare con Xavier Malisse. Era successo a Stoccolma e la conquista della semifinale era stata beneaugurante. “Ho pensato di provare per una settimana” – ha affermato recentemente Bernard Tomic. “Non ero abituato a passare del tempo con altri allenatori. Ho visto quello che poteva offrirmi ma alla fine ho deciso di continuare con mio padre e con un team di fisioterapisti che si dedica solo a me”.  Ad ogni modo, Hewitt e Malisse a parte, Bernard Tomic completerà la sua pre-season sulla Gold Coast prima di partecipare al torneo di Brisbane.

Poi ci sono Thanasi Kokkinakis, classe 1996, che si sta imponendo bene sul circuito e il campione degli Us Open juniores Omar Jasika. LLeyton Hewitt non nasconde la trepidazione nell’attesa che questi due talenti sboccino definitivamente: “Oltre a quei tre ragazzi (Kokkinakis, Kyrgios e Tomic ndr) c’è anche Omar, campione Us Open juniores. Il futuro del tennis per l’Australia è promettente”.

Thanasi Kokkinakis occupa attualmente la posizione numero 150 Atp e durante questa stagione ha ottenuto risultati di tutto rispetto per un ragazzo di 18 anni, qualificandosi al main draw dei Master di Shanghai e Toronto, giocando il secondo turno a Shenzen e compiendo un salto in classifica non indifferente. A gennaio militava intorno alla 570° posizione, mentre la sua stagione si è chiusa al numero 150 Atp. Su un percorso simile si è incamminato Omar Jasika, che fino ad ora non ha avuto modo di sperimentare le dinamiche del circuito principale, ma è numero 8 Itf e numero 559 Atp. Una posizione molto simile a quella da cui è partito a Gennaio lo stesso Kokkinakis, che ha un anno in più del vincitore degli Us Open juniores.

Infine – e qui le parole di Lleyton Hewit servirebbero solo ad alimentare la sua stella – c’è Nick Kyrgios. Il numero 52 del mondo si è già appropriato della medaglia Newcombe come miglior tennista australiano del 2014. Ha conquistato i quarti di finale a Wimbledon e, dopo la diatriba con il capitano di Davis Pat Rafter, è ormai un punto fermo del team australiano. Su di lui le aspettative sono tante, ma il tennista di padre greco e madre malese non ha intenzione di nascondersi: “Potrei anche vincere l’Australian Open” ha detto durante la cerimonia di consegna del prestigioso riconoscimento. Lo stesso John Newcombe ha espresso parole importanti nei suoi confronti. È lui, dopo Hewitt, il tennista australiano meglio classificato. Ed è inevitabilmente destinato a diventare numero 1 nel suo paese grazie al suo gioco spettacolare e a quell’esuberanza che “Sua Altezza” Newcombe gli ha riconosciuto e gli ha consigliato di non limitare.

Insomma, sarà perché la prima parte della stagione è sempre caratterizzata da impegni nella terra dei canguri, sarà perché il primo major dell’anno si gioca a Melbourne, ma in Australia il 2015 del tennis sembra già cominciato.


Nessun Commento per “LLLEYTON HEWITT: “NON C’É SOLO KYRGIOS”.”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • NICK KYRGIOS: “POTREI VINCERE GLI AUSOPEN” Il 19enne numero 52 del mondo è il miglior tennista australiano dell’anno. Ma le lodi di “Sua Maestà” John Newcombe sembrano dargli fin troppa fiducia: “Mi sto allenando duramente e presto […]
  • NICK KYRGIOS POTREBBE SALTARE LA DAVIS Il 19enne austaliano ha subìto una frattura da stress alla terza vertebra lombare. Starà fuori due settimane, ma la sua degenza potrebbe allungarsi a un mese. Fortemente in dubbio la sua […]
  • VINCERE UNO SLAM JUNIOR NON GARANTISCE IL SUCCESSO TRA I PRO La storia non mente. Alzare al cielo il trofeo di un major nella categoria under 18 non porta necessariamente a vincere uno Slam quando si passa al circuito dei professionisti. E sono […]
  • ROGER FEDERER E BELINDA BENCIC IN COPPIA ALLA HOPMAN CUP Lo svizzero vi aveva preso parte nel 2001, vincendo la competizione con Martina Hingis e nel 2002, giocando con la futura moglie Mirka: “È l’evento ideale per iniziare bene la stagione […]
  • BOB HEWIT, IL MITO SFATATO Non è un felice compleanno quello dell’ex tennista australiano naturalizzato sudafricano. Le sentenze dei giudici sono inequivocabili, ma non possono gettare ombre sulla sua brillante carriera.
  • AO DAY 4. OCCHIO A STAN WAWRINKA E ANDY MURRAY Quarta giornata di gioco a Melbourne. Si chiude il secondo turno con gli impegni non troppo difficili per l’elvetico e per il britannico. Tornano in campo Ana Ivanovic, Garbiñe Muguruza e […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.