LO SPORTIVO PIU’ RICCO DI SEMPRE? FACILE, ION TIRIAC

Dalle Olimpiadi nell'hockey e la carriera tennistica ad un impero economico inimmaginabile
venerdì, 12 Dicembre 2014

Tennis. Spesso viene naturale di fermarsi a pensare, magari sfogliando una rivista o leggendo qualcosa a tal proposito in rete, a quanto sarebbe bello poter disporre delle fortune economiche di qualcuno tra i più grandi magnati del mondo, anche se a conti fatti molti di loro sono stati maghi della finanza o sceicchi nati con un pozzo petrolifero tra la porta di casa ed il cancello del giardino. Una carriera manageriale lunga tutta una vita o la dea bendata, dunque. Eppure c’è anche a chi per avere tale fortuna a sua disposizione è “bastato” praticare uno sport riuscendo a sfruttare la spinta di tale successo; un passatempo e un divertimento diventato automaticamente la fonte di una ricchezza inimmaginabile.

Se i moderni top players del tennis hanno più che decuplicato gli introiti dei campionissimi del passato, il conto viene da sé, rendendo ancora più facile pensare alla mole di guadagno dei fenomeni sportivi come Michael Jordan, David Beckham, Arnold Palmer e chi come loro ha potuto costruirsi immense ricchezze grazie alle loro imprese sui rispettivi terreni di gioco.

Se la risposta di molti alla domanda su chi sia il più ricco tra gli ex professionisti sportivi è sicuramente Michael Jordan, il cui patrimonio è stato stimato in più di un miliardo di dollari in seguito ad una rivalutazione della sua quota di proprietà della franchigia NBA degli Charlotte Bobcats, sarà grande lo stupore sapendo che il celebre N.23 dei Chicaco Bulls è solo secondo in questa speciale classifica e soprattutto, come sottolineato dal portale CelebrityNetworth, che il nome del più ricco di sempre sia assolutamente sconosciuto alla stragrande maggioranza dei lettori.

 

Il “Paperon de’ Paperoni” in questione è l’ex tennista rumeno Ion Tiriac. Vi dice niente questo nome? Tiriac, dopo una breve ma proficua carriera da giocatore di hockey durante la quale ha rappresentato persino la Romania alle Olimpiadi del 1964 quando aveva 25 anni, ha deciso di passare al tennis professionistico, formando insieme al campionissimo suo connazionale Ilie Nastase una coppia di doppio che sarebbe arrivata anche a vincere gli Open francesi nel 1970, regalando a Tiriac 22 titoli di doppio come risultante di ben 294 vittorie da professionista e e ulteriori 167 vittorie, stavolta in singolare, con qualche altro trofeo anche se mai di tornei Major.

Nel 1980, al termine di una carriera lunga e piena di soddisfazioni, riuscì a costruirsene un’altra altrettanto piena come allenatore, prima proprio per Ilie Nastase e successivamente con talenti del calibro di Mary Joe Fernandez, Guillermo Vilas, Marat Safin, Steffi Graf, e Goran Ivanišević, oltre a rappresentare Boris Becker dal 1984 al 1993 accompagnandolo anche al traguardo di N.1 del mondo.

La collaborazione con Becker lo portò a spendere molto tempo nel paese natale del tennista, ovvero la Germania, e la svolta storica del crollo del Muro di Berlino fu decisiva per il suo futuro: aveva i soldi, l’esperienza, la fama, le connessioni e il coraggio di battere il ferro finché era caldo. Nel 1990 fondò la Banca Tiriac, la prima banca privata nella Romania post-comunismo, continuando poi a lanciare imprese al dettaglio, concessionarie automobilistiche, una compagnia di assicurazione fino anche a fondare una compagnia aerea tutta sua, oltre ad un ampio portafoglio immobiliare, residenziale e commerciale. Mica male, no?

Ad oggi le sue aziende sono Tiriac Holdings, TiriacAIR, HVB Tiriac Bank, Allianz-Tiriac Asigurari Romania, TiriacAuto, Tiriac Leasing, e Tir Travel. Banca Ţiriac si è fusa più volte nel corso degli anni fino a diventare quello che è oggi, UniCredit Tiriac Bank, una delle più grandi banche in Romania con circa 8000 filiali in 17 diversi paesi europei.

Non aveva mai guadagnato più di un paio di milioni di dollari come atleta professionista, ma entro due anni dalla caduta del muro di Berlino, Ion Tiriac ha visto il suo patrimonio avere un valore di oltre 100 milioni dollari . Nel 2000 valeva $ 500.000.000, nel 2005 il suo patrimonio netto è stato stimato in $ 900.000.000 e nel 2007 la celebre rivista Forbes ha riconosciuto Ion come la 840esima persona più ricca del mondo, con un patrimonio netto di 1.000 milioni di dollari .

Nel 2013, Ion è stato eletto alla International Tennis Hall of Fame, oltre a far registrare un costante incremento del proprio mostruoso patrimonio come dimostrato negli anni precedenti, arrivando ad una cifra superiori ai 2 miliardi di dollari attuali. Ion Tiriac è stato il primo milionario della Romania ed è, come volevasi dimostrare, l’atleta più ricco del mondo, con un patrimonio netto esattamente doppio rispetto a quello del sopracitato Michael Jordan.

La prossima volta che qualcuno vi chiederà di dare un nome all’atleta più ricco del mondo avrete la risposta esatta a portata di mano.

 


Nessun Commento per “LO SPORTIVO PIU' RICCO DI SEMPRE? FACILE, ION TIRIAC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.