LORENZI: “STANCHEZZA ED EMOZIONE”

Le dichiarazioni degli italiani dopo la prima giornata del week end di Davis. Seppi: “Sono stato bravo a rimanere aggressivo”. Soddisfatto il capitano Barazzutti: “Tutto secondo pronostico”.
sabato, 2 Febbraio 2013

Tennis. Qualche rammarico ma poche lamentele dopo i primi match di singolare tra Italia e Croazia. Paolo Lorenzi, che è stato il primo a scendere in campo a difendere il tricolore, ha disputato un ottimo match contro Marin Cilic, arrendendosi solo al quinto set dopo essere stato in vantaggio di 2-1.
“Ho dato tutto” ha detto Lorenzi. “Credo di aver giocato un’ottima partita, anche se  è ovvio che uno cerca sempre di dare il meglio. Ci sono delle cose da migliorare, ma sono contento”

Paolo è partito u po’ in sordina, il primo set scivola subito 6-1 a favore dell’avversario, e il toscano non riesce a tenere il servizio o a mettere in difficoltà il croato durante i suoi turni di battuta: “Ero lontano da tutto quello che avevo provato in allenamento. Non mi aspettavo il 6-1 e forse a tradirmi è stata l’emozione. Sono partito lento, dovevo prendere le misure. Ho fatto un po’ di errori anche se certamente va dato merito a Marin. Solitamente, quando entro in campo l’emozione mi passa subito. Stavolta ci ho impiegato un set. Può succedere”.
Il risultato finale è rimasto oscuro per buona parte del match, soprattutto durante il secondo e terzo set quando il tennista nostrano ha alzato il livello del suo gioco fino a picchi massimi: “Se ho pensato di poter vincere? Sapevo di poter giocare bene. Non mi ponevo obiettivi: quelli sono rimasti gli stessi per tutta la partita”
“Nel quinto set ero parecchio stanco”
afferma, “ma anche lui non era freschissimo. Sì, pensavo di potercela fare. Nel quarto set Marin ha preso qualche rischio in più e ha avuto ragione. Ha giocato davvero bene e nel quinto set non ha sbagliato nulla. Non credo che avrei potuto fare molto di più”.

Soddisfatto, non del risultato ma del gioco espresso, Lorenzi appare molto contento al termine del suo incontro, soprattutto per aver avuto l’opportunità di giocare un match con i colori della nazionale (in sostituzione di un febbricitante Fabio Fognini): “Di sicuro è stata una delle mie partite più belle anche perché quando rappresenti l’Italia l’emozione è maggiore. Sono molto felice di aver avuto questa occasione anche se, ovviamente, mi spiace per Fabio”.

A regalarci le soddisfazioni maggiori, però, è ancora una volta il nostro Andreas Seppi (attualmente salito alla posizione numero 18 del ranking ATP), che regola la pratica del primo giorno del World Group portando l’Italia sull’1-1 , vincendo il match contro Ivan Dodig con il punteggio di 6-3 6-7 6-4 6-4.
“Non ho fatto una partita perfetta”
dice l’altoatesino, “ma penso che la mia sia stata una buona prestazione”

 

“Non era facile tornare a giocare dopo tanto tempo sulla terra”, spiega Seppi, reduce da una serie di ottimi match disputati sul cemento australiano. “Sono partito bene, spingendo molto. Poi Ivan è cresciuto nel servizio ed è riuscito a mettermi in difficoltà. Il problema era trovare la risposta. Ma sono stato bravo alla fine del terzo e del quarto set, restando aggressivo e chiudendo il match”.

Anche Corrado Barazzutti esprime la sua soddisfazione nell’aver visto i match svolgersi “come da pronostico”. L’obbiettivo principale del primo singolare era sicuramente quello di stancare l’avversario per i prossimi match, mentre ad Andreas sarebbe toccato il compito di far rimanere l’Italia a galla.
“Dodig
” dice il capitano, “ha giocato molto bene, forse sopra le aspettative, servendo bene e con grande continuità. All’inizio del secondo set Andreas ha avuto un piccolo vuoto, poi è rimasto solido. Nel complesso ha giocato un buon incontro. Non dimentichiamo che è entrato con la nostra squadra sotto di un punto: il suo successo ci permette di restare in partita. Considerate le circostanze, Seppi è stato bravo a restare freddo”.
“Paolo ha disputato una grandissima partita”
afferma, infine, commentando il match Lorenzi-Cilic, “ e dall’altra parte c’era un giocatore che ha fatto emergere tutto il suo valore”.


Nessun Commento per “LORENZI: “STANCHEZZA ED EMOZIONE””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FOGNINI: “LA VITTORIA PIÙ BELLA” Coppa Davis, finalmente quarti: la soddisfazione di Fabio Fognini e di tutto il team azzurro. Barazzutti: “I risultati stanno arrivando”. Seppi ancora deluso per la brutta sconfitta contro […]
  • APRE FOGNINI-CILIC, O FORSE NO Arriva la Coppa Davis. Siamo alla vigilia dell’incontro di primo turno del World Group tra Italia e Croazia. Fognini sarà il primo a scendere in campo ma è febbricitante e la sua presenza […]
  • CONTRO LA CROAZIA PER RISORGERE Non vinciamo una partita nel World Group dal 1998, dal 2000 ne siamo usciti e ci sono voluti 12 anni per risalire. Contro i croati possiamo farcela. E proseguire la corsa verso la […]
  • COPPA DAVIS, CONTRO LA CROAZIA MISSIONE POSSIBILE Annunciati i convocati per il primo turno del World Group: sono Seppi, Fognini, Lorenzi e Bolelli. Per la Croazia Cilic, Dodig, Veic e Pavic. I quarti sono un traguardo raggiungibile.
  • FOGNINI CI REGALA I QUARTI DI FINALE Coppa Davis: Fabio Fognini batte Ivan Dodig in quattro set, dopo averne recuperato uno di svantaggio e regala all'Italia il terzo decisivo punto del tie, che ci permette di battere la […]
  • COPPA DAVIS: PER L’ITALIA C’È LA CROAZIA Sarà la Croazia di Marin Cilic e Ivo Karlovic l'avversaria dell'Italia nel primo turno del Gruppo Mondiale della Coppa Davis 2013. Ci è andata bene, perchè si tratta di una formazione alla […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.