LOS CABOS, QUANDO LE OLIMPIADI SONO UN VANTAGGIO

Esordio difficile per il torneo di Los Cabos, previsto in concomitanza con le Olimpiadi, ma i cinque cerchi possono essere una vera e propria benedizione
sabato, 30 Luglio 2016

TENNIS – È già partito il conto alla rovescia in vista dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Un’occasione unica, non solo per il Brasile, ma anche per tanti atleti che aspirano all’oro. Ma la manifestazione a cinque cerchi è un vantaggio anche per le nazioni e limitrofe e per i tornei di tennis organizzati a pochi centinaia di chilometri dal Brasile. In Messico quest’anno al “classico” appuntamento di Acapulco è entrato nel circuito ATP anche il torneo di Los Cabos, che si terrà dall’8 al 13 di agosto. E appunto, secondo il direttore del torneo, Josè Antonio Fernandez, la concomitanza con le Olimpiadi non sarà uno svantaggio ma una benedizione: tanti talenti della racchetta, infatti, sono diretti verso la penisola di Baja California, e in Messico potrebbero essere protagonisti assoluti Thiem, Tomic, Verdasco e Lopez.

Gran parte dei “Top player”del tennis vivranno un vero e proprio esodo verso il Brasile. Certo, l’assenza di Federer e le condizioni di salute non perfette di Nadal, oltre alle tante assenze giustificate da motivazioni personali o dalla paura di contagio del virus Zika, rendono il torneo olimpico meno interessante di quanto previsto, ma secondo Fernandez altri giocatori preferiranno Los Cabos a Rio, per ragioni puramente agonistiche: «Ci sono tennisti che preferiscono giocare per i punti e per i premi in denaro che puntare ad una medaglia, e questo è un grande vantaggio per gli interessi del nostro torneo. Avviare un torneo è difficile e richiede un buon esborso finanziario, soprattutto quando si parte da zero. Noi però ci crediamo: le vendite procedono bene, e speriamo crescano ancora in vista del torneo. Dobbiamo fare in modo di crescere anno dopo anno, ma ora godiamoci questa prima edizione». Un appuntamento speciale in Messico: a Los Cabos arriverà una “pattuglia” di spagnoli, capitanata da Verdasco, ma saranno diversi i giocatori che preferiranno il sole della California all’afa brasiliana. Altro che Olimpiadi: spesso i tennisti viaggiano contro corrente, e ad agosto è possibile preferire la siesta messicana alle emozioni a cinque cerchi.


Nessun Commento per “LOS CABOS, QUANDO LE OLIMPIADI SONO UN VANTAGGIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.