MADRID: DJOKOVIC SÌ, WAWRINKA E FOGNINI OUT

Una certezza ed una sorpresa sul rosso di Madrid: Nole vola al turno successivo, Kyrgios stoppa lo svizzero. L'azzurro cede a Nishikori
mercoledì, 4 Maggio 2016

TENNIS – Il Mutua Madrid Open si avvia al giro di boa e lo fa non senza dividere il suo percorso tra le certezze ormai conclamate e le sorprese che, a questo punto della settimana, potrebbero risultare indicative in vista della fase più delicata. Tra gli ovvi risultati dei big più attesi e le insidie che la spuntano su altri protagonisti, c’è anche spazio per l’Italia, ma stavolta non si tratta di un sorriso.

Si parte immediatamente dal successo di Novak Djokovic, che testa la terra spagnola contro Borna Coric. Il croato, dopo un inizio convincente contro Almagro, deve arrendersi allo strapotere del numero uno del mondo, che lo estromette dal torneo con il punteggio di 6-2 6-4. Dopo la delusione di Montecarlo, Nole non può concedersi ulteriori passi falsi in vista di Parigi: l’esordio sembra promettere bene, anche se il cammino è ancora lungo. Cammino che, invece, può dirsi già concluso per un altro protagonista mancato di questa settimana: Stan Wawrinka esce di scena contro un Nick Kyrgios in ascesa verticale. L’australiano regola il numero 4 del tabellone con un doppio tie-break, a dimostrazione di un’accresciuta lucidità nei momenti critici dell’incontro. Per lo svizzero, dunque, l’appuntamento è rinviato al Foro Italico tra qualche giorno.

Ad approfittarne, ora, potrebbe essere proprio colui che elimina il principale tocco azzurro da Madrid: Kei Nishikori fatica per tre parziali, ma alla fine ottiene la qualificazione ai danni di un generoso Fabio Fognini. Il tennista italiano va sotto nel primo set, poi recupera e ristabilisce l’equilibrio nel secondo, infine cede al fotofinish nel terzo: per il nipponico arriva una vittoria con il punteggio di 6-2 3-6 7-5 che, nel prossimo turno, lo costringerà ad affrontare un altro rivale tutt’altro che morbido, ovvero Richard Gasquet.

Al terzo turno si affronteranno altri due giocatori da tenere particolarmente d’occhio. Tomas Berdych e David Ferrer accedono alla fase successiva: il ceco archivia la pratica con maggiore scioltezza, rifilando un doppio 6-3 a Denis Istomin, mentre il padrone di casa deve fare i conti con la resistenza di Kudla, che prova a rimontarlo nel secondo set prima di arrendersi nel terzo. Per l’esperto tennista iberico arriva un successo più complicato del previsto, 6-4 4-6 6-4 il finale. A vincere in due set, sempre con un doppio 6-3, è anche il portoghese Sousa contro Granollers-Pujol.

Rimangono solo le vittorie al terzo: Bautista-Agut batte Feliciano Lopez, Sam Querrey liquida Pouille in rimonta, idem per Gilles Simon contro Pablo Carreno-Busta. Ancora in campo Cuevas-Monfils, mentre in serata andranno in scena Tsonga-Ramos e Del Potro-Sock. Il torneo di Madrid continua senza sosta.


Nessun Commento per “MADRID: DJOKOVIC SÌ, WAWRINKA E FOGNINI OUT”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.