MAHUT: “FINALI DI DAVIS CUP? PIQUE’ MI HA DELUSO”

Il tennista francese ha criticato gli organizzatori dell'evento facendo poi una sua personale proposta
mercoledì, 20 Maggio 2020

TENNIS – Non ha usato mezzi termini il numero 3 della ranking Atp di doppio Nicolas Mahut per dire la sua su quello che sta succedendo attorno alle Finals di Davis Cup, in programma almeno secondo il calendario ufficiale nel mese di novembre a Madrid. Il tennista francese, in una intervista rilasciata a ‘L’Equipe’, si è detto molto deluso da come Gerard Piqué, difensore del Barcellona e numero uno di Kosmos (la società che organizza l’evento a partire dallo scorso anno), sta gestendo la situazione, e spera vivamente che le cose possano cambiare radicalmente.

“Personalmente – ha dichiarato Mahut – sono molto deluso dall’atteggiamento mostrato da Piqué e da tutto il suo team relativamente alla possibilità che le Finals di Davis Cup possano essere disputate il prossimo novembre a Madrid. Le sue parole danno la sensazione che sia già rassegnato a non svolgere l’evento, e soprattutto che non stia cercando alcuna soluzione. E’ possibile che dopo quel che è successo nel 2019, magari quest’anno gli conviene cancellare direttamente il torneo”. Mahut si riferisce ovviamente all’aspetto economico della manifestazione, che già lo scorso anno, oltre a non aver raccolto molti consensi relativamente alla nuova formula, ha avuto qualche difficoltà. Di tempo però, pur facendo sempre i conti con questa delicata emergenza Coronavirus, ce n’è ancora e la speranza è quella di poter tornare in campo e giocare anche per la prestigiosa insalatiera d’argento. “In questo momento – ha proseguito il transalpino – l’organizzazione dovrebbe lavorare al massimo, per cercare una soluzione in modo da disputare l’evento. Ad esempio si dovrebbe provare ad individuare una data diversa o addirittura anche una sede diversa, ma purtroppo c’è la sensazione che se non si potrà giocare a Madrid in condizioni ideali, la volontà della Kosmos sarà quella di cancellare l’edizione 2020 e risparmiare i soldi”.

Di certo sarebbe una notizia molto triste se un torneo così prestigioso non si potesse disputare, Mahut però una sua idea su come riuscire ad evitarne la cancellazione, pensando anche all’intera stagione che comprende i torneo Atp e del Grande Slam, ce l’avrebbe. “So che ci sono questioni contrattuali – ha concluso il tennista francese – e che Kosmos ha firmato tre anni con Madrid, ma siamo in una situazione straordinaria ed è nell’interesse di tutti cercare soluzioni. Si potrebbero organizzare le Finals di Davis Cup a Indian Wells in ottobre o novembre, dopo una serie di tornei che potrebbero svolgersi negli Stati Uniti. Oppure dopo il Roland Garros, dato che ci sarebbe un breve periodo di tempo per consentire ai giocatori di recuperare e recarsi negli Stati Uniti in buone condizioni. Si potrebbero quindi concatenare US Open, Indian Wells e Coppa Davis da ottobre a novembre, sperando che la situazione della pandemia migliori, ma naturalmente tutto dipenderà dalla volontà di trovare soluzioni di questo tipo”. Mahut quindi la sua proposta l’ha fatta e non ha mancato di illustrarne anche i dettagli. Resta soltanto da vedere se sarà praticabile in relazione agli sviluppi del Coronavirus e soprattutto alla volontà da parte degli organizzatori di evitare tristi e dolorose cancellazioni.

(Nella foto Nicolas Mahut – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “MAHUT: "FINALI DI DAVIS CUP? PIQUE' MI HA DELUSO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.