MARIA SHARAPOVA: “LA KNAPP È STATA GRANDE, MI HA MESSO IN DIFFICOLTÀ”

TENNIS – Intensa la battaglia che ha visto trionfare la russa Maria Sharapova sulla nostra Karin Knapp nel secondo turno degli Australian Open. I commenti delle due tenniste rispecchiano quella che è stata una gara sorprendentemente alla pari.
giovedì, 16 Gennaio 2014

Tennis, Malbourne (Australia) – Maria Sharapova ha battuto l’azzurra Karin Knapp nel torrido clima degli Australian Open, combattendo per quasi tre ore e mezzo in un secondo turno spettacolare andato in scena sulla Rod Laver Arena. Con le temperature che hanno raggiunto i 41°C, Masha e Karin si sono date battaglia sul campo centrale a suon di colpi profondi e pesanti scambi da fondo campo e, dopo un’ora e mezza, le due giocatrici stavano ancora un set pari.

La Sharapova è andata in vantaggio 3-1 nel terzo set, ma la Knapp è riuscita a rimettere in pari il computo dei games. La russa è andata in vantaggio ancora una volta per 5-3 ma di nuovo l’altoatesina l’ha agganciata sul 5 pari, salvando addirittura tre match point sul 5-4 – uno con un vincente di rovescio, un altro con un gran dritto incrociato che ha indotto l’errore dell’avversaria, e il terzo grazie ad un rovescio in rete della Sharapova. Game dopo game le due hanno mantenuto il proprio servizio fino all’8 pari, quando la Sharapova ha deciso, un’ultima volta, di portarsi avanti, questa volta senza possibilità di recupero da parte dell’azzurra: il match si è chiuso quindi 6-3, 4-6, 10-8 ed è durato tre ore e 28 minuti, la partita più lunga del torneo fino a questo momento.

“E’ inutile girarci attorno, le condizioni erano estremamente difficili  e sono state così negli ultimi giorni”, ha detto la Sharapova . “Devi  solo cercare di affrontare la partita nel miglior modo possibile. Non importa come stai giocando, devi cercare di metterla il più al sicuro possibile. Sono davvero felice di come è andata fino ad oggi. Ho lavorato duramente negli ultimi mesi e volevo vincere questa partita. Non ho giocato il mio miglior tennis,  non ho fatto molte cose buone, ma ho portato a casa il risultato. Sarò pronta per il prossimo turno? Devo recuperare e assicurarmi che il mio corpo sia pronto. Ma ci penserò domani, Questo è il bello di un Grande Slam, avere quel giorno di riposo in mezzo”.

Alla bella siberiana viene chiesto cosa ne pensa di Karin Knapp e del suo gioco e non si risparmia, schietta e sincera come sempre: “Credo che abbia giocato davvero un grande tennis con il decorrere del match. Ho visto alcuni dei suoi match in passato, ma ho pensato che stesse giocando davvero alla grande, con molta libertà, senza nulla da perdere. E stavolta ha giocato molto più difficile di quanto ha fatto forse in altre partite nelle quali avevo visto il suo gioco.”

Nonostante abbia accarezzato il sogno di battere per la prima volta una Top 10, Karin Knapp ne è uscita a testa alta, consapevole della sua splendida prestazione e fiduciosa per il futuro: Mi sento bene. Ho giocato una grande partita. È normale voler vincere alla fine perché ci sono andata molto vicina, ma ho giocato una grande partita e non vedo l’ora di fare tante altre partite come questa. Mi dà fiducia perché Maria è fra le prime tre migliori giocatrici del mondo. Cercherò di provare questa sensazione il più possibile e giocare partite come questa ogni volta. Sono molto fiduciosa.”

La Sharapova, al terzo turno, incontrerà la francese testa di serie n°25 Alizé Cornet, che ha vinto in un’altra battaglia al cardiopalma l’altra azzurra rimasta in gara, insieme a Flavia Pennetta, Camila Giorgi, in due ore e 36 minuti con il punteggio di 6-3, 4-6, 6-4. La Sharapova ha battuto la Cornet nel loro unico precedente, anche se la vittoria è arrivata per ritiro della francese.


Nessun Commento per “MARIA SHARAPOVA: “LA KNAPP È STATA GRANDE, MI HA MESSO IN DIFFICOLTÀ””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.