ROMA WTA, E’ ORA DELLE PAGELLE

Con il bis di Maria Sharapova si chiude l’edizione 2012 degli Internazionali BNL d’Italia. Tra conferme e delusioni, proviamo a dare i nostri voti alle protagoniste principali del torneo femminile
lunedì, 21 Maggio 2012

Roma- Una finale bagnata e lunga complessivamente quasi 5 ore, ha messo i titoli di coda a l’edizione femminile degli Internazionali BNL d’Italia 2012, e con essi arrivano anche i nostri personalissimi giudizi. Sotto l’ombra del Colosseo Maria Sharapova ha piazzato il bis ritrovando fiducia e motivazioni, mentre, nonostante la sconfitta, è rimasta comunque ottima la prova della cinese Na Li. Angelique Kerber non è più una sorpresa, mentre precarie condizioni fisiche hanno frenato le ambizioni di Serena Williams, Victoria Azarenka e Flavia Pennetta. Brutto torneo invece per Agnieszka Radwanska e Francesca Schiavone. A salvare i colori azzurri ci hanno pensato Sara Errani e Roberta Vinci.

Maria Sharapova 8,5. Ripetersi a Roma non è mai cosa facile, ma le credenziali della russa sono così elevate da non mostrare alcun limite. La n.2 del mondo è arrivata all’atto conclusivo lottando in diverse circostanze, come all’esordio su Christina McHale o in ottavi contro Ana Ivanovic. Tale tendenza si è riproposta al meglio in finale, in cui la russa ha riacciuffato per i capelli un match tutt’altro che facile. Carattere e voglia di vincere hanno contraddistinto la settimana della russa, sempre più a suo agio sulla terra, e in vista di Parigi questa non può che essere una buona notizia.

Na Li 7,5. La regina dell’ultimo Roland Garros sembra finalmente essere tornata in forma per provare a difendere il suo titolo. La prima finale del 2012 poteva essere anche il primo successo per la n.8 del mondo, ma la cinese è mancata però sotto il profilo mentale. Una finale quasi vinta in due set si è trasformata invece in una maratona persa sul filo di lana, lasciando l’amaro in bocca all’asiatica. Per il resto una settimana abbastanza tranquilla, anche se è mancata la prova del nove contro Serena Williams, ritiratasi preventivamente in semifinale.

Angelique Kerber 7: Ancora un grande torneo per la 24 enne tedesca, ormai pronta a sfondare il muro delle top ten. La semifinale raggiunta ha premiato ancora una volta la costanza di rendimento della Kerber, vero osso duro per tutte le avversarie. La tedesca ha il merito di eliminare in ottavi Julia Goerges, ma soprattutto Petra Kvitova nei quarti, prima di fermarsi dianzi ad una Maria Sharapova al momento superiore.

Venus Williams 6,5. Rivedere la maggiore della sorelle Williams in campo di questi tempi è sempre una notizia. Lontana dai fasti di un tempo, l’ex n.1 del mondo è uscita a testa alta dalla settimana romana. Da sempre poco avvezza alla terra rossa, Venus ha offerto sprazzi di ottimo tennis, superando bene un paio di turni prima di piazzare la stoccata vincente agli ottavi, dove ha superato una big del calibro di Samantha Stosur, n.5 del mondo. Ai quarti, infine, si è arresa  alla superiorità di Maria Sharapova

Petra Kvitova 5,5 Continua il momento non poco edificante della ceca, che in questo 2012 sembra non azzeccarne una, fallendo la spallata decisiva per diventare n.1 del mondo e scivolando adesso al 4°. La ceca rispetto a Madrid avanza fino ai quarti di finale dove  ha trovato una Kerber in ottima forma, mentre lei ha pagato un calo fisico dovuto anche ad un problema addominale. In queste condizioni però difficilmente potrà fare danni a Parigi.

Agnieszka Radwanka 4. La vera bocciata del torneo è la polacca, che dopo aver festeggiato da poche settimane la posizione n.3 in classifica mondiale, è caduta la primo turno al cospetto di una onesta Petra Cetkoska, spazzata poi via nel turno seguente da Flavia Pennetta. Poco convita e del tutto fuori fase, la polacca ha abbandonato ben presto la capitale senza lasciare alcuna traccia di se.

Serena Williams e Vicotria Azarenka S.V. Difficile dare un giudizio su entrambe le giocatrici, attese al grande ritorno anche sul rosso. Appena due partite completate per l’americana e una per la bielorussa, non possono al momento dare giudizi su due fuoriclasse che avrebbero dovuto dare vita ad una semifinale stellare, e che invece hanno preferito abbandonare per non pregiudicare i loro disagi fisici. Serena ha lasciato un set a Nadia Petrova all’esordio per poi liquidare Anabel Medina Guarrigues al 3° turno; condensando il resto del suo torneo nei 4 giochi contro Flavia Pennetta e nella scelta di non scendere in campo nella semifinale contro Na Li. Il secco successo contro Shahar Peer è rimasto invece l’unico sussulto della n.1 del mondo, che ha abbandonato Roma il giorno seguente.

Flavia Pennetta 7. La brindisina apre la parentesi dei giudizi sulle azzurre. Un torneo iniziato sotto i migliori auspici, è terminato nel peggiore dei modi per Flavia, costretta al ritiro nei quarti di finale contro Serena Williams per i postumi di un problema al poso destro. Nel mezzo però non vanno dimenticate le ottime vittorie tutte in due set contro Maria Kirilenko, Sloane Stephens, e Petra Cetkovska al 3° turno. Se riuscirà a risolvere al meglio ogni problema fisico a Parigi la Pennetta potrebbe farci divertire.

Francesca Schiavone 4. Altro Ko tecnico per la Schiavone, che non riesce a reagire neanche al cospetto del suo pubblico. La sconfitta senza attenuati al primo ostacolo contro Ekaterina Makarova, certifica una rottura prolungata da cui l’azzurra fatica ad uscirne fuori. Fisicamente Francesca sta bene, ma il sacro fuoco che ha sempre spinto la leonessa nei momenti più difficili, sembra al momento essersi spento. La speranza è che ancora una volta la terra e l’aria di Parigi possano riaccendere l’orgoglio della milanese.

Sara Errani e Roberta Vinci 9. Insieme sembrano invincibili, tanto da far ben sperare in vista di una medaglia olimpica a Londra. Sara e Roberta hanno riportato il titolo di doppio in Italia dopo 25 anni e si confermano come una delle coppie più forti al mondo, incassando a Roma il 5° successo stagionale. In singolare il voto viene ampiamente ridimensionato, soprattutto per Roberta Vinci,(voto 5), che stecca al 1° turno contro un ottima Karina Knapp, (voto 7), fermata poi in tre set da Dominika Cibulkova. Un 6 di stima invece per Sara, straordinaria con le sue pari livello, ma ancora distante con una top 10. Contro Samantha Stosur al 2° turno è uscita comunque a testa alta.

Alberta Brianti 5. Poca gloria per la parmense, entrata con una wild card è stata sconfitta al primo turno dalla spagnola Soler-Espinosa.


1 Commento per “ROMA WTA, E' ORA DELLE PAGELLE”


  1. gattotondo ha detto:

    Vero peccato l’assenza della Williams in finale e benissimo la sorella maggiore, la Kvitova sembra avere la sindrome di Murray, un fenomeno che non concretizza.


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MARIA A CACCIA DEL BIS Con una prestazione autoritaria, Maria Sharapova supera Angelique Kerber 6-3 6-4 e potrà difendere domani il suo titolo agli Internazionali BNL d'Italia nella finale contro Na Li
  • CLASSIFICA WTA IMMUTATA Caroline Wozniacki è la regina, mentre Frascesca è stabile al 7° posto. Festa per Roberta Vinci e il suo best ranking (n.29). E intanto Serena Williams riparte da n.25 del mondo.
  • SERENA PESCA RADWANSKA, SHARAPOVA CON AZARENKA TENNIS - A Parigi sono stati sorteggiati i tabelloni della 112esima edizione del Roland Garros: la numero uno del mondo è stata abbinata nella potenziale semifinale alla Radwanska, mentre […]
  • MADRID: VIKA CON SERENA, AGA CON MASHA TENNIS – È stato sorteggiato il tabellone femminile del Madrid Open. Victoria Azarenka è stata sorteggiata nella metà capitanata da Serena Williams, mentre la Radwanska potrebbe incontrare […]
  • ‘SARITA’ CHIUDE L’ANNO CON IL BEST RANKING L’azzurra termina la sua stratosferica stagione centrando il miglior piazzamento di un'italiana a fine anno, con il sesto posto. Nella top ten perde due posizioni Petra Kvitova, mentre al […]
  • È ANCORA AZARENKA – SHARAPOVA TENNIS – A Wimbledon , per il secondo Slam di fila le due campionesse dell’Est Europa vengono sorteggiate nella stessa metà di tabellone. Serena Williams quindi, viene abbinata ad […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.