MARIN CILIC E LA STAGIONE DEL 2015

Il rapporto con Ivanisevic ha portato i suoi frutti con la vittoria agli US Open, ora, Marin Cilic punta ad un grande 2015 fissando obiettivi non da poco.
lunedì, 15 Dicembre 2014

Tennis – Vincere aiuta a vincere, è un detto veritiero, perché, trascendendo l’umore alle stelle e l’assegno come primo classificato di uno Slam, nel tennis se si trionfa in una partita, si prospetta subito un altro incontro. Viceversa, se non si supera un match, il torneo finisce e “arrivederci alla prossima settimana tennistica”. Con la cresciuta consapevolezza di se e dei suoi mezzi, il vincitore degli US Open, Marin Cilic, è fiducioso per la stagione futura e insieme al suo suo allenatore Goran Ivanisevic si prefigge degli obiettivi non da poco.

La vittoria di un Grand Slam ai danni di uno stremato Kei Nishikori nella finale di Flushing Meadows costringe il 26enne nativo di Medugorje  a puntare sempre più in alto in una stagione tennistica dove la concorrenza sarà serrata dato il ritorno di Del Potro e di un Rafa Nadal a grandi livelli (si spera), senza dimenticare, inoltre, la crescita esponenziale di tennisti come Raonic, Nishikori e Dimitrov, che escludendo Djokovic e Federer, rappresentano un serio ostacolo per tutti i top 10, veterani e non.

Con la vittoria di New York, Cilic ha messo a tacere le tante critiche che lo vedevano come un “tennista a metà” o un “pallido rappresentante della scuola di grandi battitori croati”. Vincere aiuta a vincere, e allora addio a critiche passate e benvenute rosee prospettive future, come cambiano radicalmente le cose, verrebbe da dire. Si, perché la vittoria agli US Open è giunta ottenendo lo scalpo di illustri giocatori, Federer  e Berdych su tutti, insomma, non è stata una vittoria “casuale”.

Ivanisevic ha dato una grande una mano nello sviluppo di Cilic fin dalla giovane età, ora il tennista croato è migliorato esponenzialmente sotto il punto di vista tattico soffrendo meno la pressione di un match importante. Buono anche il lavoro effettuato sul servizio di Cilic che ora sfrutta appieno i suoi centimetri e le sue doti balistiche sulla battuta.

Per il nuovo anno, sono sicuro di una classifica da top 10 per la maggior parte dell’anno. Ora sto cercando di fare il passo successivo e aggiungere qualcosa in più al mio gioco e lavorare ancora più duramente per realizzare il mio potenziale. Voglio cercare di essere un solido top 10 e non vedo l’ora di avanzare verso i primi cinque giocatori, spero per il prossimo anno “, ha detto Marin.

“Penso solo a raggiungere il mio vero potenziale, sarebbe un grande risultato per me. Goran ha lavorato molto sul mio approccio al gioco, in modo che possa essere più sicuro e costante e sono certo che possiamo guardare avanti per un altro anno promettente “, ha aggiunto.

Sul suo allenatore, Cilic ha solo parole di riguardo: “Per me è semplicemente perfetto, sono grato di essere nella stessa squadra di Goran”.


Nessun Commento per “MARIN CILIC E LA STAGIONE DEL 2015”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.