BERDYCH UFFICIALIZZA VALLVERDU COME NUOVO COACH

Tomas Berdych e Dani Vallverdu sempre più vicini al sodalizio tecnico. Il venezuelano separatosi da Andy Murray il mese scorso potrebbe accettare il 'corteggiamento' del gigante ceco. Intanto Ivan Lendl...
martedì, 16 Dicembre 2014

Dani Vallverdu ha accettato la corte di Tomas Berdych. E’ questa la clamorosa indiscrezione filtrata dalle pagine del Telegraph in queste ore confermata poi sulle pagine social dello stesso atleta ceco. La testata inglese dunque ha rilanciato, dunque, in maniera forte e chiara quello che, peraltro, si mormorava negli ambienti già da qualche settimana. Vallverdu, che ha lasciato lo staff di Andy Murray proprio il mese scorso, lavorarerà con Tomas Berdych nel 2015, cercando di riportare il ceco ai primi posti del ranking.
La mossa del gigante ceco è a tutti gli effetti un deciso riconoscimento nella qualità di Vallverdu e di tutto quanto, quest’ultimo, abbia portato in termini di risultato ad Andy Murray durante questi quattro anni trascorsi assieme.

Dal canto suo, Berdych – che ha chiuso l’anno al numero 7 della classifica ATP, (proprio appena dietro lo scozzese) – è uno dei pochi protagonisti del tennis mondiale che, fino ad oggi, non aveva ancora cavalcato l’onda del “supercoach”, anche se, varrebbe la pena dirlo, non certo per mancanza di tentativi. Sappiamo infatti che Berdych ha cercato di avvalersi, in passato, della consulenza di Lendl senza però riuscirci.
L’assunzione di Vallverdu, inoltre, sembra in linea con quanto utilizzato anche da altri atleti, ossia poter disporre di due uomini nel team coaching (Roger Federer usa Severin Luthi e Stefan Edberg, Novak Djokovic utilizza Marian Vajda e Boris Becker, e così via.)

Ivan Lendl ha un rapporto molto forte con Vallverdu, e questa cosa pare aver stuzzicato e non poco la sempre attenta stampa anglosassone. In una recente intervista sui due anni trascorsi accanto a Murray, l’ex vincitore di otto titoli Slam ha ribadito quanto sia forte il legame con Dani: “Ragazzi non capite quanto mi sia affidato a Dani durante questi anni”.

Resta inteso che Lendl sia ancora poco convinto nel poter dare una mano a Berdych. Ivan è, dopo tutto, un uomo con un disgusto per il viaggio e un particolare odio per gli aeroporti , ma la nomina di un così tale stretto collaboratore alla squadra può solo incoraggiarlo a prendere in seria considerazione l’idea di poter affiancare Dani in questa (probabile) nuova avventura.

Vallverdu e Murray si sono detti addio senza particolari fracassi circa un mese fa, anche se da allora sia il coach venezuelano, sia il fitness trainer Jez Green (che aveva trascorso sette anni a lavorare sul corpo e sui movimenti dello scozzese), hanno preso la decisione di lasciare. Proprio quest’ultimo collabora attualmente con Alexander Zverev, il grande talento tedesco di 17 anni, che, casualmente (oppure no), è uno dei giocatori maggiormente indiziati dall’Adidas come possibile sostituto di Andy Murray, che lascerà la casa d’abbigliamento tedesca a fine anno.

Tornando a Berdych, il tempo sembra comunque giocare a suo sfavore nell’inseguire il suo sogno di un titolo del Grande Slam. Ha 29anni, due anni più di Murray, ma dalla sua potrebbe avvalersi dell’esempio di Stan Wawrinka, che ha vinto l’Australian Open a gennaio un paio di settimane prima del suo 29 ° compleanno. Un incoraggiamento a continuare a lavorare duro mica da ridere.

 

 


Nessun Commento per “BERDYCH UFFICIALIZZA VALLVERDU COME NUOVO COACH”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.