MATTEO BERRETTINI: “UN SOGNO ESSERE QUI”

Il sogno di Matteo, dal centrale di Roma alla Coppa Davis

Tennis. Un’annata indimenticabile quella del giovane italiano classe ’96 Matteo Berrettini. Lo scorso anno il debutto sul centrale del Foro Italico di Roma, con la sconfitta contro Fabio Fognini che il prossimo weekend sarà suo compagno di squadra a Genova, in occasione dei quarti di finale contro la Francia.

Lo scorso anno avevo realizzato il sogno di scendere in campo sul Centrale del Foro Italico. Quest’anno è giunta la mia prima convocazione in Coppa Davis subito dopo essere entrato tra i top 100. È un periodo davvero positivo”.

Poi la chiamata, come rivela sul sito della FIT: “Mi ha chiamato il capitano Corrado Barazzutti per comunicarmi la convocazione in nazionale per la sfida con la Francia e non vedo l’ora di partecipare alla mia prima sfida con la maglia azzurra. So benissimo che davanti a me ci sono giocatori più esperti e che meritano la maglia da titolare ma, per ogni evenienza, mi farò trovare pronto. La Francia? Sono i campioni in carica, si adattano a tutte le superfici, sarà una sfida complicata”.

Un rendimento positivo, culminato con la finale ad Irvin: “Credo di essere migliorato molto dalla parte del rovescio e negli spostamenti. Ma sicuramente devo ancora crescere sotto tutti i punti di vista. In compenso mi sento sempre più sicuro sia con il servizio che con il dritto. Nel complesso è stata una trasferta nordamericana lunga e positiva, con tanti match giocati che mi hanno fatto crescere e capire in cosa dover migliorare per raggiungere il livello dei Masters 1000”.


Nessun Commento per “MATTEO BERRETTINI: "UN SOGNO ESSERE QUI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.